Italiani cattivi pagatori

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Sono le piccole imprese, per lo meno in Italia, quelle che hanno maggiori difficoltà a ricorrere all'outsourcing per il recupero crediti. Difficoltà di tipo psicologico (Nessuno deve chiedere soldi ai miei clienti), che portano le realtà più piccole a preferire i lunghi contenziosi e i decreti ingiuntivi, piuttosto che rivolgersi a società specializzate nel recupero creditizio.

E' questa un'osservazione interessante, emersa a margine di un incontro organizzato da Intrum Justitia, nel corso dell'edizione 2008 del Forum Francia Italia, svoltosi a Milano.

Nel corso del seminario, intitolato "Analisi delle abitudini di pagamento in Europa - Focus sulla situazione del mercato italiano", le abitudini di pagamento e i rischi connessi al mancato recupero dei crediti sono stati messi sotto la lente.

La situazione è tutt'altro che tranquilla, sottolinea Intrum, ed è destinata a peggiorare nei prossimi 12 mesi, anche e soprattutto a causa del periodo di incertezza delle economie mondiali.

Se a livello paneuropeo si registra un leggero miglioramento nei tempi medi di pagamento, passati in tre anni da 59,2 a 55,5 giorni, l'Italia, con Spagna e Portogallo, continua a giocare il ruolo di fanalino di coda, con miglioramenti impercettibili: dai 91,5 giorni del 2006 ai 91 giorni attuali.

Per quanto riguarda i settori del credito, i tempi più lunghi si registrano nelle amministrazioni pubbliche, con 65,3 giorni. Seguono le imprese, con una media paneuropea di 55,5 giorni e infine il consumer, fermo a 40 giorni.

Per quanto riguarda la sola Italia, il rapporto evidenzia come le aziende migliori, dal punto di vista del recupero crediti, si trovino in Veneto: si parla del 7% dei debitori business (sul totale nazionale) per un totale di aziende che rappresenta il 7% di quelle presenti in Italia. Di converso, la maglia nera spetta alla Campania: qui si trova il 10% dei debitori business nazionali, per un totale di aziende di nuovo nell'ordine del 7%.
Pagano meglio i propri fornitori le aziende del Nord Est, mentre i peggiori pagatori si concentrano nel Centro.

Parimenti, le aziende più a rischio di nuovo sembrano essere quelle di più piccole dimensioni, da 2 a 9 dipendenti, mentre con il crescere delle dimensioni aziendali sembra crescere anche il loro tasso di affidabilità.

Nella sua analisi Intrum ha anche provato a ripartire in sette tipologie i debitori dell'area business, in base ai loro comportamenti.

Per un 18% di realtà definite "sincere", vittime di disguidi commericali, tecnici e amministrativi, si trova un 22% di cosiddetti "specialisti", che attuano vere e proprie strategie di non pagamento, ignorando solleciti o creando contestazioni che hanno il solo scopo di rallentare le procedure di recupero.
Un 20% fa parte dei cosiddetti "selettivi", che pagano i loro fornitori in base alle loro priorità, privilegiando quelli che possono influenzare la loro immagine o la loro reputazione.
Un 8% è semplicemente "insolvente" e si trova in una situazione di difficoltà economica che rende difficile onorare gli impegni, mentre un ulteriore 7% non può che incolpare se stesso delle situazioni di morosità: sono i "disorganizzati", che non hanno una corretta gestione della contabilità.

Interessante anche le conclusioni, riassumibili in una sorta di to-do-list anche per chi sceglie di non affidarsi all'outsorurcing o a un partner specializzato come Intrum Justitia è.
- Introdurre i limiti di credito
- Verificare sempre la correttezza e la corrispondenza degli indirizzi di fatturazione
- Raccogliere informazioni sostanziose sullo stato di solvibilità dei potenziali clienti e su quello dei clienti chiave per la propria impresa
- Offire termini di pagamento flessibili
- Inviare solleciti secondo la formula 2-2-2: primo sollecito dopo due settimane di ritardo, secondo sollecito dopo due ulteriori settimane, non più di due solleciti prima di ricorrere alle misure legali
- Addebitare interessi passivi e spese di istruzione delle pratiche.

Maria Teresa Della Mura

Per porre una domanda sulla CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria, sugli altri Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) e sui cattivi pagatori clicca qui.

19 agosto 2008 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca