Iscritta alla CRIF per un debito di relazione

Il debito di relazione mantiene gli inconvenienti di un qualunque debito, ma vi aggiunge le inevitabili implicazioni negative sulla sfera affettiva.

Lei verrà iscritta sicuramente nella CRIF (Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria) e per un po' non potrà accedere a qualsiasi finanziamento (mutui, prestiti personali, carte revolving).

Alla ripresa del lavoro potrà poi subire, nel caso il creditore adisse vie giudiziali, il pignoramento dello stipendio nella misura massima del 20%.

Se altro non possiede, null'altro dovrà temere.

Può anche raggiungere un accordo stragiudiziale con il creditore. I debitori più bravi nel trattare (quelli che sanno bluffare) informati e determinati spuntano anche concordati sul 5-10% del finanziamento erogato dal creditore.

Nel caso volesse cimentarsi in questa esperienza, le sarà ultilissimo leggere gli articoli contenuti in questa sezione.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su iscritta alla crif per un debito di relazione. Clicca qui.

Stai leggendo Iscritta alla CRIF per un debito di relazione Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria domande e risposte su prestito negato e cattivi pagatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca