Iscrizione in CAI per irregolare utilizzo di bancomat

Due anni fa, e con esattezza luglio 2008, ho scoperto che mi avevano bloccato bancomat e carta di credito, senza nessun avviso. Mi sono recata in banca e mi hanno detto che era stata bloccata perché ero in rosso sul conto senza altre spiegazioni.

Non interessata da questo..ho sistemato la situazione, premetto che lavoro a tempo indeterminato dal 2006 e che ogni mese puntualmente viene accreditato lo stipendio, ho un finanziamento in corso di una macchina sempre pagato regolarmente..infatti ho richiesto i miei dati al crif è tutto è regolare.

A dicembre 2009 mi sono recata in banca per avere informazioni per un mutuo insieme al mio fidanzato...e li ho scoperto di essere iscritta al CAI per via del bancomat e che la revoca mi scade il 10 luglio 2010, il consiglio del signore in banca è quello di stare tranquilla perché il rogito essendo a ottobre..la richiesta di mutuo la banca la emette dopo il 10 luglio..

Ora vorrei sapere...La cancellazione avviene in automatico proprio il 10 luglio?dal giorno dopo non risulta nulla ?
Secondo voi potrò avere qualche problema con il mutuo?

Il fatto che io nn sapessi nulla di questa iscrizione...non c'è un modo per poterla cancellare prima?in modo da essere più tranquilla?

Se volessi aprire il conto in un altra banca per via di condizioni migliori di mutuo secondo voi avrei qualche problema?
E' possibile intestare il conto a mio marito e il mutuo essere intestato ad entrambi?

Scusate per la confusione del racconto..però è mesi che nn dormo tranquilla...

L'iscrizione in CAI dei soggetti a cui sia stata revocata l'autorizzazione all'uso di carte di credito e di debito (bancomat) a causa di mancati pagamenti delle somme relative a prelievi o transazioni effettuati con le stesse, permane per due anni.

Probabilmente il signore che lei ha incontrato in banca si riferiva alla revoca di sistema per emissione di assegni irregolari (senza autorizzazione o non coperti) che, effettivamente, viene registrata in CAI e vi permane sei mesi.

14 maggio 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando il bancomat non eroga il contante e la banca annota comunque l'addebito
Chiariamo innanzitutto che, in relazione alle operazioni compiute con il bancomat ed in particolare alla mancata erogazione del contante, le banche negoziatrici impartiscono solo ordini di addebito alla banca emittente sulla base di un accordo interbancario. Il che implica che la banca emittente è tenuta a controllare, su istanza del ...
La banca o le poste ritardano la consegna del bancomat? Il cliente ha diritto al risarcimento danni
Può capitare che, per le più svariate ragioni (clonazione, smagnetizzazione, smarrimento) si renda necessaria la sostituzione della carta Bancomat. Se si registra un ritardo consistente per la consegna della nuova carta ed il ritardo è ascrivibile alle modalità di spedizione e comunque ad aspetti organizzativi propri della banca (o di ...
Clonazione del Bancomat - No al disconoscimento degli addebiti se si ammette di aver custodito la carta insieme al codice pin
Com'è noto, quando il titolare del Bancomat disconosce gli addebiti in conto corrente imputandoli a clonazione della carta, le perdite conseguenti, di cui il correntista deve farsi carico, non possono superare, al massimo, i 150 euro. Naturalmente, ciò vale solo nel caso in cui egli non abbia agito in modo ...
Prelievo dal Bancomat con parziale erogazione di banconote - La banca deve dimostrare il corretto funzionamento del dispositivo
Qualora l'utilizzatore dei servizi Bancomat rilevi una parziale erogazione di banconote in un'operazione di prelievo, è onere della banca provare che l'operazione è stata autenticata, correttamente registrata e contabilizzata e che non ha subito le conseguenze del malfunzionamento dei dispositivi di erogazione o altri inconvenienti. La banca deve produrre un ...
Duplicazione, clonazione, furto e smarrimento di carte di credito e bancomat - La banca deve rimborsare gli addebiti disconosciuti
Sono molto frequenti i contenziosi con le banche e con Poste Italiane aventi a oggetto gli utilizzi non autorizzati di strumenti di pagamento, con particolare riguardo alle fattispecie di duplicazione, clonazione, furto e smarrimento di carte di credito e, soprattutto, bancomat. In numerose sue decisioni l'Arbitro Bancario Finanziario ha applicato ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su iscrizione in cai per irregolare utilizzo di bancomat. Clicca qui.

Stai leggendo Iscrizione in CAI per irregolare utilizzo di bancomat Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 14 maggio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria domande e risposte su prestito negato e cattivi pagatori .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca