Cosa è l'IRAP

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!





» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



L’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive, istituita dal decreto legislativo 446 del 1997, è una delle imposte più discusse.

È l’unica imposta a carico delle aziende che è proporzionale al fatturato e non applicata all’utile di esercizio.

Da anni è al centro di un dibattito sull’identificazione dei contribuenti soggetti al prelievo.

Secondo l’articolo 3 del decreto legislativo 446/1997 sono tenuti al versamento dell’Irap:

L’ultimo punto è quello più discusso e che, non avendo trovato una soluzione normativa, è stato risolto dalla magistratura con il concetto di autonoma organizzazione.

In parole povere, si è deciso che, ad esempio, paga l’Irap l’avvocato che ha una segretaria mentre, è escluso dal pagamento del tributo il professionista o l’agente di commercio dotato di un’auto, un pc e un telefono ma che non si avvale dell’aiuto di collaboratori o dipendenti.

Alcuni professionisti, per cercare di non corrispondere l’imposta, hanno trovato l’escamotage di porre la segreteria in Outsourcing.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


19 Aprile 2013 · Giorgio Valli




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa è l'irap. Clicca qui.

Stai leggendo Cosa è l'IRAP Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 19 Aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria IVA ed IRAP Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!