Ipoteca non dichiarata » Si a risoluzione del preliminare di vendita

Si alla risoluzione del preliminare di vendita se l'ipoteca sull'immobile non è dichiarata » Sentenza Cassazione

Ipoteca sull'immobile taciuta? Sì alla risoluzione del preliminare di vendita

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 13208/13, ha sancito che: Il promissario acquirente di un immobile, garantito libero da ipoteche, ma, in realtà, da esse gravato, ha la facoltà, non l'obbligo, ai sensi dell'articolo 1482, comma 1, del codice civile, applicabile al contratto preliminare, di chiedere al giudice la fissazione di un termine per la liberazione dal vincolo da parte del promittente venditore, ma se ha chiesto la risoluzione del preliminare, per effetto dell'articolo 1453, comma 2, del codice civile, il promittente venditore non può attivarsi per ottenere la cancellazione della garanzia; inoltre, il promissario acquirente può sospendere il pagamento delle rate di prezzo pattuite, ai sensi dell'articolo 1482, comma 1, del codice civile.

A parere degli Ermellini, quindi, se l'ipoteca sull'immobile non è dichiarata, il venditore ha l'obbligo di cancellarla, pena la risoluzione del contratto.

Si alla risoluzione del preliminare di vendita se l'ipoteca sull'immobile non è dichiarata » Il fatto

L'oggetto del contendere era la mancata cancellazione di un'ipoteca iscritta sull'immobile da vendere, che aveva pregiudicato la possibilità delfuturo acquirente di ottenere un mutuo bancario a mezzo del quale saldare il prezzo di vendita.

Inoltre, era stata omessa l'informazione, in sede di stipula del preliminare, di un'ulteriore ipoteca iscritta sull'immobile a garanzia di crediti condominiali.

La sentenza in esame, confermando l'orientamento giurisprudenziale risalente alla pronuncia numero 15380 del 1.12.2000, ha riconosciuto la facoltà del promittente acquirente di agire in via principale per la risoluzione del preliminare, senza essere obbligato della previa richiesta della fissazione di un termine al promittente venditore, entro il quale liberare il bene dal vincolo reale che ne pregiudica il trasferimento.

1 agosto 2013 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fideiussione a garanzia delle somme versate nel preliminare di vendita della casa
Questa garanzia fideiussoria opera nel caso in cui il promittente venditore incorra in una “situazione di crisi” ovvero nei casi in cui il costruttore sia o sia stato sottoposto a esecuzione immobiliare, in relazione all'immobile oggetto del contratto, ovvero a fallimento, amministrazione straordinaria, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa. Il decreto ...
Risoluzione del preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente - Il promittente venditore ha diritto al risarcimento del danno per il mancato pagamento del prezzo e per l'eventuale illegittima occupazione dell'immobile
La somma di denaro che, all'atto della conclusione di un contratto preliminare di compravendita, l'acquirente consegna al venditore a titolo di caparra confirmatoria, assolve la funzione, in caso di successiva risoluzione del contratto per inadempimento, di preventiva liquidazione del danno per il mancato pagamento del prezzo, mentre il danno da ...
Gli effetti della trascrizione del contratto preliminare sono soggetti a termini di decadenza
Gli effetti della trascrizione del contratto preliminare cessano e si considerano come mai prodotti se entro un anno dalla data convenuta tra le parti per la conclusione del contratto definitivo, e in ogni caso entro tre anni dalla trascrizione predetta, non sia eseguita la trascrizione del contratto definitivo o di ...
Preliminare di compravendita - i termini di prescrizione per la denuncia di vizi non decorrono dalla data di immissione anticipata
in caso di preliminare di compravendita, la consegna anticipata dell'immobile oggetto dell'accordo effettuata prima della stipula del rogito non determina la decorrenza del termine di decadenza per opporre i vizi noti, né comunque di quello di prescrizione, perché l'onere della tempestiva denuncia presuppone che sia avvenuto il trasferimento del diritto. ...
Vincoli gravanti sul bene non rimossi dopo la stipula di un contratto preliminare di compravendita - E' legittimo il rifiuto a sottoscrivere il contratto definitivo
Nella stipula di un contratto preliminare di compravendita immobiliare, l'acquirente non può avvalersi della disciplina relativa alla garanzia dei vizi della cosa venduta o di quella relativa alla garanzia per mancanza di qualità della cosa venduta, le quali presuppongono la conclusione del contratto definitivo e sono estranee al contratto preliminare, ...

Spunti di discussione dal forum

Ipoteca giudiziale su immobile
Una zia compra un immobile che, due anni dopo, dona al nipote. Successivamente all'avvenuta donazione, si viene a conoscenza, in maniera informale, che pochi giorni dopo la stipula del contratto pubblico di compravendita sottoscritto dalla zia, al venditore veniva notificato un atto di iscrizione di ipoteca giudiziale. La trascrizione dell'ipoteca…
Azione revocatoria atto di compravendita immobile
Sono in procinto di stipulare un rogito dopo aver fatto e registrato un regolare contratto di compravendita. Vengo a conoscenza che il venditore dell'immobile ha perso una causa e quindi si aspetta da un momento all'altro che il creditore faccia applicare un'ipoteca sul suo immobile. Il venditore mi chiede se…
Vendita all’asta di un immobile del debitore su cui gravavano già due ipoteche – Come creditore insoddisfatto posso agire nei confronti di chi ha comprato l’immobile?
Vantando un credito da una ditta mi sono inserito come creditore in una vendita immobiliare di proprietà della ditta stessa: sull'immobile però gravavano due ipoteche di due istituti bancari (una di primo grado e l'altra di secondo) e dalla vendita si è ricavato il giusto per soddisfare le due banche.…
Il rischio di una revocatoria dell’atto di una compravendita quando è escluso?
Il rischio di una revocatoria dell'atto di compravendita per l’intero immobile o per quote di esso è escluso solo quando coesistono tutte e tre le situazioni o una delle tre: l’acquirente è un soggetto terzo (non parente o affine del venditore), il prezzo della transazione è quello di mercato e…
Affittare un immobile gravato da ipoteca
Vorrei avere le seguenti informazioni: è possibile dare in locazione un immobile (sia abitazione che commerciale) sul quale grava un'ipoteca? Inoltre, per l'immobile in questione la banca sta avviando le pratiche legali presso il servizio recupero crediti, in quanto le rate del mutuo non vengono pagate da diversi mesi, inoltre…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ipoteca non dichiarata » si a risoluzione del preliminare di vendita. Clicca qui.

Stai leggendo Ipoteca non dichiarata » Si a risoluzione del preliminare di vendita Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 1 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?