L'ipoteca esattoriale è illegittima se iscritta per un credito inferiore ad 8 mila euro, anche se anteriore all'entrata in vigore della legge numero 73/2010

Con sentenza del 10 aprile 2012, numero 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l'iscrizione di ipoteca esattoriale dell'Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad 8 mila euro.

E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima del  26 maggio 2010, data di ‘entrata in vigore della Legge numero 73/2010, che ha vietato espressamente l'iscrizione di ipoteca per debiti inferiori alla soglia di 8 mila euro.

La Cassazione, richiamando l'orientamento già consolidato, ha ribadito la non iscrivibilità di ipoteca esattoriale per un importo inferiore ad 8 mila euro, poichè - essendo l'ipoteca esattoriale preordinata e strumentale all'espropriazione immobiliare - soggiace anch'essa al limite stabilito per l'espropriazione immobiliare, che è appunto di 8 mila euro.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'ipoteca esattoriale è illegittima se iscritta per un credito inferiore ad 8 mila euro, anche se anteriore all'entrata in vigore della legge numero 73/2010. Clicca qui.

Stai leggendo L'ipoteca esattoriale è illegittima se iscritta per un credito inferiore ad 8 mila euro, anche se anteriore all'entrata in vigore della legge numero 73/2010 Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 13 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca Inserito nella sezione giurisprudenza del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • valina rossi 9 settembre 2013 at 17:29

    Salve, sono erede di mio padre venuto a mancare ad aprile 2009. Nel marzo 2009 Equitalia iscrive ipoteca sull’immobile oggi di mia proprietà per debiti di mio padre per INPS, AGENZIA ENTRATE, MULTE per un totale di 10.133 €. Vorrei pagare quanto di mia competenza ma non riesco a farlo. Inoltre vorrei liberare la casa dall’ipoteca. Ho scritto ai singoli creditori (come richiesto da Equitalia) per lo sgravio di quanto non dovuto in qualità di erede, ma nessuna risposta.Dal 2009 mai nessun atto è stato notificato a me erede nè ancora a nome di mio padre, anche se in equitalia ho visto con l’estrazione che continuano ad aprire cartelle a suo nome mai notificate a nessuno. Vorrei capire come procedere.
    posso pagare direttamente a nome di mio padre almeno la cartella INPS all’equitalia (di cui se non sbaglio non posso ricevere sgravi) e a questo punto chiedere l’illegittimità dell’ipoteca che a quel punto ammonterebbe a circa 6000€? Se si a chi devo chiedere la cancellazione in questo caso? inoltre per gli importi iscritti a debito ipotecario relativi a multe posso fin da ora chiederne la decurtazione visto che se non ho letto male per le multe non andrebbe iscritta ipoteca?

    Vi ringrazio in anticipo per una vostra risposta e per il buon lavoro che state offrendo a tutti noi.
    valentina

    • Ludmilla Karadzic 9 settembre 2013 at 18:46

      Sarebbe meglio, a questo punto, acquisire da Equitalia tutte le posizioni aperte a nome di suo padre, recarsi personalmente presso le agenzie di INPS ed ADE territorialmente competenti, ribadire l’avvenuta di successione, e presentare (per ADE) istanza di sgravio parziale in autotutela per le sanzioni tributarie, dettagliando, per ciascun creditore, i numeri di ruolo.

      Dovrà invece pagare gli importi relativi ad omessi e/o insufficienti pagamenti di tributi e contributi riconducibili a suo padre.

      Analoga procedura dovrà essere eseguita presso i creditori delle sanzioni amministrative, per le quali potrà richiedere lo sgravio integrale.

      Solo dopo aver concluso questa via crucis, potrà ottenere la cancellazione dell’ipoteca iscritta da Equitalia.

      Con le comunicazioni, anche in piego e con raccomandata AR, non si riesce ad ottenere molto dalla PA. Inoltre le suggerisco di seguire l’iter delle pratiche.

  • ignazio 8 giugno 2013 at 06:12

    ciao ho un problema ….la serit nel 2005 febbraio mi ha messo un ipoteca nella casa dove abito (prima casa ed unica) per un importo di 7 mila euro da quanto ho letto ho visto che equitalia ha tolto le ipoteche per quei debiti inferior a 8 mila euro (addirittura prima casa sino a 20 mila euro) ma questo vale per le ipoteche iscritte dal 2 dicembre 2005 quindi io non ci dovrei far parte…è vero questa notizia, anche perchè non mi sembra giusto che chi ha un debito esattoriale dopo il 2005 lo trattano in un modo e chi ha la sfortuna come me di aver un ipoteca di alcuni mesi prima non vi rientro come se ci sono cittadini con diritti di serie a e cittadini con diritti di serie b.potete chiarmi questo dubbio?

    Scusi ancora vorrei dirle un’altra cosa oltre al problema dell’ipoteca devo dirle che a me già tolgono 1/5 della mia pensione per quel debito è normale che mi hanno messo l’ipoteca visto che pago 1/ 5 trattenuta dalla mia pensione?

    • Ludmilla Karadzic 8 giugno 2013 at 07:42

      L’ipoteca esattoriale è illegittima se iscritta per un credito inferiore ad 8 mila euro, anche se anteriore all’entrata in vigore della legge n. 73/2010.

      Con sentenza del 10 aprile 2012, n. 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l’iscrizione di ipoteca esattoriale dell’Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad 8 mila euro.

      E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima del 26 maggio 2010, data di ‘entrata in vigore della Legge n. 73/2010, che ha vietato espressamente l’iscrizione di ipoteca per debiti inferiori alla soglia di 8 mila euro.

      La Cassazione, richiamando l’orientamento già consolidato, ha ribadito la non iscrivibilità di ipoteca esattoriale per un importo inferiore ad 8 mila euro, poiché – essendo l’ipoteca esattoriale preordinata e strumentale all’espropriazione immobiliare – soggiace anch’essa al limite stabilito per l’espropriazione immobiliare, che è appunto di 8 mila euro.




Cerca