Ipoteca » Non si tratta di una espropriazione dell'immobile

Indice dei contenuti dell'articolo

Contrariamente a quanto spesso si dice, l’ipoteca non è in se per se un’espropriazione dell’immobile. Infatti, non è con l’iscrizione dell’ipoteca che viene avviata un’esecuzione forzata e la casa viene messa all’asta.

L’ipoteca è solo una causa legittima di prelazione: essa cioè consente al creditore che l’ha iscritta, qualora egli o altri creditori decidano di procedere alla vendita del bene ipotecato di essere preferito, rispetto a tutti gli altri creditori, nella distribuzione del denaro ricavato dalla vendita medesima.

Dunque, come già accennato, l’ipoteca è un diritto costituito su un immobile o su un bene mobile registrato a garanzia di un credito: il creditore che la iscrive ha quindi la possibilità , ma non l’obbligo, di espropriare il bene.

L’ipoteca, però, non toglie al proprietario la proprietà o il possesso dell’immobile, ma “vincola” il bene a garanzia del debito.

16 Settembre 2013 · Andrea Ricciardi

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ipoteca » non si tratta di una espropriazione dell'immobile. Clicca qui.

Stai leggendo Ipoteca » Non si tratta di una espropriazione dell'immobile Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 16 Settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Marzo 2017 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)