Indice del post l'invito ade alla verifica di conformità fiscale - cosa è e cosa fare

Per favorire una proficua collaborazione con il contribuente e promuovere l’adempimento spontaneo degli obblighi tributari (la cosiddetta tax compliance), l’Agenzia delle Entrate ha deciso di inviare alle persone fisiche una comunicazioni per segnalare che non sarebbe stato dichiarato, o lo sarebbe stato in modo parziale, un reddito derivante da un contratto di locazione di un immobile, un reddito da lavoro dipendente, una plusvalenza, un reddito di partecipazione in società, eccetera. In questo modo, prima che l’Agenzia notifichi un avviso di accertamento, il destinatario della comunicazione potrà regolarizzare l’errore o l’omissione attraverso il ravvedimento operoso. Se, invece, il contribuente ritiene [ ... leggi tutto » ]

Le comunicazioni di invito alla verifica della compliance fiscale sono inviate ai contribuenti che, sulla base dei dati in possesso dell’Agenzia, non hanno compilato correttamente la dichiarazione dei redditi. In particolare, si tratta di contribuenti che sembrerebbero aver percepito e non dichiarato (o dichiarato solo in parte) una delle seguenti tipologie di reddito: redditi dei fabbricati derivanti da contratti di locazione di immobili (compresi quelli per i quali si è scelto il regime della “cedolare secca”); redditi di lavoro dipendente o di pensione; assegni periodici corrisposti dal coniuge, a seguito di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio; redditi di [ ... leggi tutto » ]

Chi riceve la lettera dell’Agenzia deve attivarsi per evitare che le irregolarità riscontrate nella dichiarazione dei redditi diventino, successivamente, il motivo dell'emissione di un avviso di accertamento. La prima cosa da fare quando arriva la lettera è quella di verificare che i rilievi fatti dall'Agenzia siano corretti. Dopo questa verifica, il contribuente potrà fornire elementi utili a giustificare, in tutto o in parte, l’anomalia riscontrata ovvero presentare una dichiarazione integrativa nella quale indicare i redditi non dichiarati per correggere le irregolarità evidenziate nella comunicazione. Qualora si abbia la necessità di richiedere ulteriori informazioni in merito al contenuto della comunicazione [ ... leggi tutto » ]

Dopo aver verificato i dati contenuti nella lettera, se si riconosce di aver commesso gli errori segnalati dall'Agenzia delle Entrate, è possibile correggerli mediante ravvedimento operoso. In pratica, ci si può mettere in regola ed evitare successivi avvisi di accertamento presentando una dichiarazione integrativa e versando le maggiori imposte dovute, gli interessi e le sanzioni (previste per l’infedele dichiarazione) in misura ridotta. Nella dichiarazione integrativa, da presentare esclusivamente per via telematica (direttamente o tramite intermediario abilitato), devono essere indicati: i redditi non dichiarati, come segnalato nella lettera ricevuta e tutti gli altri dati relativi a redditi, oneri e crediti [ ... leggi tutto » ]

20 novembre 2016 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi precompilata - Come il familiare fiscalmente a carico può evitare che i dati sensibili sul proprio stato di salute vengano resi disponibili all'Agenzia delle entrate e quindi al dichiarante
Come è noto, in fase di accesso alla dichiarazione precompilata, il contribuente visualizza, nell'elenco delle informazioni ad essa attinenti, i dati relativi alle spese sanitarie sostenute anche dai familiari fiscalmente a carico. Se il familiare risulta a carico di più contribuenti, le spese sanitarie vengono inserite nelle dichiarazioni precompilate in ...
Rimborsi fiscali oltre i 4 mila euro - chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
la Legge di Stabilità 2014 ha disposto che, al fine di contrastare l'erogazione di indebiti rimborsi dell'imposta sul reddito delle persone fisiche da parte dei sostituti d'imposta, l'Agenzia delle entrate, entro sei mesi dalla scadenza dei termini previsti per la trasmissione della dichiarazione (ovvero dalla data della trasmissione, ove questa ...
Agenzia delle Entrate » Per i rimborsi fiscali i contribuenti sono invitati a fornire l'IBAN
I contribuenti interessati a ricevere i rimborsi fiscali da parte dell'Agenzia delle Entrate e in particolare i contribuenti che nel 2014 non hanno più un proprio sostituto di imposta sono stati invitati dalla massima autorità fiscale a fornire le proprie coordinate bancarie al fine di ricevere l'accredito di quanto dovuto ...
Accertamento fiscale tramite redditometro » Rate del mutuo sproporzionate rispetto alla dichiarazione dei redditi? Da provare gli esborsi del genitore
Accertamento fiscale con redditometro: se le rate del mutuo che il contribuente paga sono incongrue, rispetto alla dichiarazione dei redditi, va dimostrato che a onerarle è stato un familiare. Scatta il “redditometro” se il contribuente non dimostra, mediante idonea documentazione, che i soldi per comprare la casa li ha messi ...
Incrocio con i dati comunicati da terzi - I lavoratori autonomi potranno regolarizzare omissioni ed anomalie con il nuovo ravvedimento operoso
Al fine di favorire l'emersione spontanea delle basi imponibili, l'Agenzia delle entrate mette a disposizione di specifici contribuenti soggetti passivi IVA, le informazioni derivanti dal confronto con i dati comunicati dai loro clienti da cui risulterebbe che gli stessi abbiano omesso, in tutto o in parte, di dichiarare i ricavi ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post l'invito ade alla verifica di conformità fiscale - cosa è e cosa fare. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post L'invito ADE alla verifica di conformità fiscale - Cosa è e cosa fare Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 20 novembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca