E’ questa la ragione per cui ci battiamo per l’introduzione in italia di una legge che consenta il fallimento del debitore consumatore

Se la banca mi mette all’asta la casa comprata col mutuo e non riesce a recuperare tutto il capitale residuo da me dovuto mi può chiedere la differenza e se non ce l’ho?

Purtroppo caro Marco è proprio cosi’.

E’ questa la ragione per cui ci battiamo per l’introduzione in italia di una legge che consenta il fallimento del debitore consumatore (cioè il debitore non professionista).

Se non hai la differenza fra debito e quanto recuperato con la vendita all’asta, resterà una tua obbligazione vita natural durante. Cioè società di recupero che ti tampineranno con possibilità di future escussioni del debito.

Una storia infinita. Con il concordato e la procedura fallimentare, invece, tutto sarebbe finito con la vendita all’asta dell’immobile e di altri beni del debitore.

Una volta spogliato il debitore di ogni bene, lo si deve ancora perseguire domani, quando sarà riuscito a costruirsi una nuova vita senza debiti?

A me sembra una ingiustizia. Un accanimento che, fra l’altro, spinge il cittadino a delinquere.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

20 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fallimento personale del debitore consumatore - Poter dire addio ai debiti con la legge sul sovraindebitamento (legge 3/2012 - salva suicidi)
Come premessa, va detto che un imprenditore, per poter essere considerato "non fallibile", deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; aver realizzato, nei tre esercizi precedenti, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila avere un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila. La legge numero 3 del 27 gennaio 2012, in vigore dal 29 Febbraio 2012, introduce nel nostro ordinamento ...

Esdebitazione e fallimento del debitore consumatore - pillole del decreto legge sulla liberazione dai debiti
Il debitore consumatore (non professionista) in stato di sovraindebitamento può proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti e di rimborso dei crediti sulla base di un piano che preveda scadenze e modalità di pagamento ed indichi le modalità per la liquidazione dei beni ancora eventualmente posseduti. E' addirittura possibile prevedere che i crediti garantiti ipoteca possono non essere soddisfatti integralmente, allorché ne sia assicurato il pagamento in misura non inferiore a quella realizzabile al valore di mercato dei beni ipotecati. Va tuttavia evidenziato che per quanto attiene i tributi che costituiscono risorse proprie dell'Unione europea, l'imposta sul valore ...

Esdebitazione e fallimento del debitore consumatore - Il decreto legge che consente di azzerare i debiti
Articolo 6 - Finalità e definizioni Al fine di porre rimedio alle situazioni di sovraindebitamento non soggette nè assoggettabili a procedure concorsuali diverse da quelle regolate dal presente capo, è consentito al debitore concludere un accordo con i creditori nell'ambito della procedura di composizione della crisi disciplinata dalla presente sezione. Con le medesime finalità, il consumatore può anche proporre un piano fondato sulle previsioni di cui all'articolo 7, comma 1, ed avente il contenuto di cui all'articolo 8. Ai fini del presente capo, si intende: per «sovraindebitamento»: la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su e’ questa la ragione per cui ci battiamo per l’introduzione in italia di una legge che consenta il fallimento del debitore consumatore. Clicca qui.

Stai leggendo E’ questa la ragione per cui ci battiamo per l’introduzione in italia di una legge che consenta il fallimento del debitore consumatore Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 20 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)