Ritardi con il fisco » Corresponsione degli interessi

Il Fisco, purtroppo, usa due pesi e due misure quando si tratta di corresponsione degli interessi: quando il contribuente è in ritardo con i pagamento il tasso d'interesse è doppio, infatti, rispetto a quello in caso di rimborsi.

Il Fisco ha la mano pesante quando il debitore è in ritardo con i pagamenti, pretendendo sanzioni e interessi elevati, mentre, invece, sembra avere la mano leggera quando deve rimborsare il contribuente.

Comunque per il Fisco non è prevista nessuna sanzione e gli interessi sono più bassi rispetto a quelli dovuti dai contribuenti per tardivi pagamenti.

Inoltre, oltre alle differenti misure degli interessi, chiedere i rimborsi può causare diversi problemi.

Ciò, perché, prima di rimborsare, il Fisco prima vuole vederci chiaro ed effettuare controlli.

Così, in alcuni casi, il contribuente che ha chiesto il rimborso si è, addirittura, pentito di averlo fatto, perché, oltre ad avere avuto un diniego parziale o totale del rimborso, a seguito del controllo, ha pagato di più del risarcimento richiesto.

Interessi in caso di sanzioni e rimborsi per ritardati pagamenti con il Fisco

Quando è il contribuente che deve avere il rimborso, l'interesse riconosciuto per il ritardo è, di regola, il 2% annuo, mentre se il contribuente paga dopo la scadenza, l'interesse è al 4%.

In ambito di sanzioni, invece, se è il contribuente che paga in ritardo i tributi, la sanzione varia dal 30% al 200%, mentre nessuna sanzione è prevista a carico del Fisco quando esegue i rimborsi in ritardo.

Da notare, però, che negli ultimi anni, il problema dei rimborsi è stato attenuato dalla compensazione tra dare e avere dei tributi e contributi, che è stata la novità più rilevante in vigore dal 1998.

Come chiarito in diversi nostri interventi sul blog, da qualche anno tra Fisco e contribuente si compensano subito i debiti e i crediti, e il debitore paga la differenza, con eccezione dei crediti Iva che sono subordinati a limiti che ne condizionano l'impiego, in aggiunta al visto di conformità per quelli di ammontare superiore a 15.000 euro, prima richiesto per i crediti Iva. Dal 2014, invece, il visto è richiesto anche per gli altri crediti.

Comunque, nonostante la morsa fiscale degli ultimi anni, con la compensazione si sono ridotti parzialmente, i problemi legati ai rimborsi e le sanzioni ai contribuenti che pagavano un tributo, pur essendo creditori dell'erario per lo stesso o per un altro tributo.

In tema di interessi, infatti, è fissato nella misura del 3,5% annuo l'interesse dovuto per le somme versate nei termini, in caso di:

  • rinuncia al'impugnazione dell'accertamento;
  • accertamento con adesione;
  • conciliazione giudiziale;

5 maggio 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accertamento fiscale » Nullo se l'interessato riesce a dimostrare di non aver potuto adempiere all'invito del Fisco perché lontano per motivi di lavoro
Se il contribuente dimostra di non aver potuto adempiere all'invito del fisco a comparire, poiché lontano dalla residenza per motivi di lavoro, il conseguente accertamento fiscale e la sanzione dell'agenzia delle entrate sono nulli. La sanzione dell'inutilizzabilità dei documenti non prodotti in sede amministrativa opera solamente se l'Amministrazione abbia rivolto ...
Maggiorazioni semestrali del 10% per le multe pagate in ritardo - La Cassazione sancisce che si tratta di una sanzione aggiuntiva legittima e non di interessi
In materia di sanzioni amministrative (nella specie per violazioni stradali), la maggiorazione del dieci per cento semestrale, ex articolo 27 della legge 689/1981, per il caso di ritardo nel pagamento della somma dovuta, ha natura di sanzione aggiuntiva, che sorge dal momento in cui diviene esigibile la sanzione principale. Pertanto, ...
Dichiarazione redditi » Se il tuo commercialista dimentica di presentarla non devi pagare le relative more e sanzioni
Se il commercialista dimentica di presentare la dichiarazione redditi del proprio cliente, il contribuente deve pagare comunque le tasse ma non le more e le sanzioni per il ritardo. La dichiarazione redditi consegnata all'intermediario entro i termini e poi dallo stesso non trasmessa al fisco, non va considerata omessa. Rimane ...
INPS – Tasso degli interessi di differimento e misura delle sanzioni civili
L'Inps, con circolare numero 92 del 21 ottobre 2008, e l'Inail, con circolare numero 63 del 16 ottobre 2008, hanno reso noto che, rispettivamente, con decorrenza 15 e 8 ottobre 2008, la misura del tasso di dilazione, di differimento e le somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi ...
Sanzioni Fiscali » Statuto del contribuente - Principio del favor rei
Allentata la morsa sulle sanzioni fiscali. Il giudice potrà applicare d'ufficio al contribuente sanzioni meno salate, anche se entrate in vigore successivamente all'accertamento. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 1656 del 24 Gennaio 2013, ha sancito che: In tema di sanzioni tributarie, alla abrogazione ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ritardi con il fisco » corresponsione degli interessi. Clicca qui.

Stai leggendo Ritardi con il fisco » Corresponsione degli interessi Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 5 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria accertamento con adesione Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca