Indice del post interessi corrispettivi, moratori, cumulo e tasso soglia di usura

Cumulo degli interessi corrispettivi e degli interessi moratori ai fini della verifica del superamento del tasso soglia anti-usura

Bisogna innanzitutto che si faccia chiarezza su cosa si debba intendere come cumulo degli interessi corrispettivi e moratori. L’interesse corrispettivo costituisce la remunerazione concordata per il godimento diretto di una somma di denaro, avuto riguardo alla normale produttività della moneta. L’interesse di mora, secondo quanto previsto dall'articolo 1224 del codice civile, rappresenta invece il danno conseguente l’inadempimento di un’obbligazione pecuniaria. Secondo la regola generale, l’interesse di mora è dovuto nella misura legale o, se maggiore, nella medesima misura degli interessi corrispettivi eventualmente previsti dal contratto. È fatta salva la possibilità per il creditore di provare il maggior danno. Il [ ... leggi tutto » ]

La nullità del contratto di prestito quando il tasso di interesse moratorio supera il tasso soglia di usura degli interessi moratori

Come noto, la Banca d’Italia provvede alla rilevazione della media dei tassi convenzionali di mora (intesi come media dello spread da applicare agli interessi corrispettivi - in pratica è stata rilevata una maggiorazione media, in caso di mora, di 2,1 punti percentuali rispetto alla media degli interessi corrispettivi). Pertanto si può calcolare, uno spread soglia di usura maggiorando di un quarto la media dei tassi convenzionali di mora rilevata dalla Banca d'Italia, più altri 4 punti percentuali, proprio come la legge 108/1996, all'articolo 2, comma 4, prevede per l'individuazione del tasso soglia di usura per gli interessi corrispettivi. Nella [ ... leggi tutto » ]


La clausola di salvaguardia utilizzata nei contratti di finanziamento al fine di evitare lo sforamento del tasso di interesse oltre la soglia di usura

Si tratta di una clausola particolarmente diffusa nella contrattazione bancaria, a partire dall'entrata in vigore della legge 108/1996, secondo cui, quale che sia la fluttuazione del saggio di interesse convenzionalmente pattuito, esso non potrà mai superare il tasso soglia, che ne costituisce quindi il tetto massimo. Dal punto di vista pratico tale clausola opera in favore della banca, piuttosto che del cliente: infatti, ai sensi dell'articolo 1815 del codice civile, comma 2, se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi. La clausola di salvaguardia, dunque, assicurando che gli interessi non oltrepassino mai la [ ... leggi tutto » ]

20 ottobre 2019 · Simonetta Folliero

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post interessi corrispettivi, moratori, cumulo e tasso soglia di usura. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Interessi corrispettivi, moratori, cumulo e tasso soglia di usura Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 20 ottobre 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 21 ottobre 2019 Classificato nella categoria contratti di prestito debiti e sovraindebitamento » mini guide Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca