Omettere un'insolvenza debitoria premeditandola? » Configura un reato

Insolvenza fraudolenta: contrarre un debito, al fine, premeditato, di non onorarlo mai, omettendo una situazione debitoria tragica appositamente, configura un reato per il quale il trasgressore può vedersi aprire le porte del carcere.

L'atto di tacere, in modo preordinato, delle proprie condizioni economiche ai fini della capacità di assolvimento di un'obbligazione, viola il principio di buona fede contrattuale ed integra la dissimulazione della propria condizione di insolvenza come elemento costitutivo della fattispecie prevista dall'articolo 641 c.p. (insolvenza fraudolenta).

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 30022/14.

In parole povere, a parere degli Ermellini, nasconde la propria condizione di insolvenza anche chi, consapevole della propria condizione economica, eviti di riferirla alla persona con cui contrae il debito.

Nella fattispecie, un uomo veniva condannato in appello per il reato di insolvenza fraudolenta, in quanto aveva contratto un'obbligazione con il proposito di non adempierla, dissimulando il proprio stato di insolvenza.

L'imputato ricorreva in Cassazione, lamentando il fatto che mancasse la prova di qualsiasi atto con cui l'imputato avesse dissimulato la propria condizione di insolvenza.

Ma la Suprema Corte, rigettando il ricorso, ha confermato la sussistenza del reato di insolvenza fraudolenta, spiegando che la condotta dissimulativa della propria condizione di insolvenza, è integrata da chi, consapevole della propria condizione economica, eviti di riferire la situazione alla persona con cui contrae l'obbligazione.

Pertanto, a parere di piazza Cavour, anche il semplice silenzio è idoneo ad integrare la condotta dissimulatoria, essendo sufficiente a contrastare i principi di correttezza e buona fede alla base del comportamento di una persona nella stipula di un negozio giuridico.

Per il reato in questione, la legge prevede la reclusione fino a due anni o la multa fino a 516 euro.

Il crimine consiste, dunque, come accennato, nel nascondere la propria incapacità economica ad adempiere al debito.

Ma l'importanza della pronuncia esaminata è che anche il semplice tacere le proprie condizioni economiche può essere considerato al pari di nascondere.

Praticamente, anche un'omissione della propria situazione economica, qualora sia praticamente nulla, rientra tra i comportamenti che fanno scattare l'illecito penale.

11 luglio 2014 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non pagare un debito » Quando l'inadempimento può configurare il reato di insolvenza fraudolenta o quello più grave di truffa
E' bene sapere che quando il debitore non rimborsa un prestito, la mancata restituzione di quanto ricevuto può anche comportare un reato penale, così come hanno spiegato i giudici della sezione penale della Corte di cassazione che hanno tentato di tracciare i confini tra la truffa, l'insolvenza fraudolenta ed il ...
Omesso pagamento del pedaggio autostradale - Si può incorrere nel reato di insolvenza fraudolenta
La disposizione secondo la quale è soggetto ad una sanzione amministrativa pecuniaria chiunque ponga in essere qualsiasi atto al fine di eludere in tutto o in parte il pagamento del pedaggio autostradale, non ha depenalizzato il reato di insolvenza fraudolenta; il quale continua pertanto a configurarsi tutte le volte in ...
Il reato di bancarotta fraudolenta si consuma nel momento in cui interviene la sentenza di fallimento
Il reato di bancarotta fraudolenta si consuma nel momento in cui interviene la sentenza dichiarativa di fallimento. Non si può legare la consumazione del reato presupposto al momento della materiale “distrazione” delle somme di denaro dalle casse della società, azione in sé non configurabile come delitto fino al momento della ...
Pagare una fornitura con assegni postdatati privi di copertura non integra il reato di truffa se l'insolvenza interviene in epoca successiva
La legge tutela il diritto del creditore contro particolari, preordinati, successivi inadempimenti fraudolenti consumati dal debitore. Il discrimine tra mero inadempimento di natura civilistica e commissione dei reato poggia sull'elemento ispiratore della condotta; con la conseguenza che il comportamento consistente nel tenere il creditore all'oscuro dello stato di insolvenza in ...
Segnalazione alla Centrale Rischi di un credito in sofferenza - quando è legittima e quando determina il risarcimento del danno
Ai fini dell'obbligo di segnalazione in centrale rischi che incombe sulle banche, il credito può essere considerato in sofferenza allorché sia vantato nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, anche non accertato giudizialmente o che versino in situazioni sostanzialmente equiparabili, nozione che non si identifica con quella dell'insolvenza fallimentare, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su omettere un'insolvenza debitoria premeditandola? » configura un reato. Clicca qui.

Stai leggendo Omettere un'insolvenza debitoria premeditandola? » Configura un reato Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 11 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria sovraindebitamento - decadenza del beneficio del termine Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca