INPS e INAIL

INPS e INAIL

Ad ogni cittadino, e quindi anche agli stranieri che lavorano in Italia, sono garantiti i mezzi adeguati alle esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità, vecchiaia e disoccupazione involontaria. I soggetti deputati a svolgere tali funzioni sono l’INPS e l’INAIL. I due enti forniscono prestazioni come pensioni, indennità e assegni per infortuni, malattia, cessazione del lavoro per raggiunti limiti di età o invalidità. Le prestazioni previdenziali spettano anche ai familiari in caso di morte del lavoratore assicurato.

Gli stranieri possono ricevere prestazioni previdenziali anche per malattia e per infortuni sul lavoro.

Cos’è l’INPS?

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale assicura la quasi totalità dei lavoratori dipendenti del settore privato, la maggior parte dei lavoratori autonomi, i lavoratori parasubordinati, e alcuni lavoratori del settore pubblico.
L’attività principale consiste nella liquidazione e nel pagamento delle pensioni che sono di natura previdenziale ed assistenziale.
Le prime sono:

  • la pensione di vecchiaia;
  • la pensione di anzianità;
  • la pensione ai superstiti;
  • la pensione di inabilità;
  • l’assegno di invalidità;
  • la pensione in convenzione internazionale per il lavoro svolto all’estero.

Le seconde sono:

  • l’assegno sociale;
  • l’assegno familiare;
  • l’invalidità civile.

L’INPS eroga, inoltre, le prestazioni a sostegno del reddito (disoccupazione, malattia, maternità, cassa integrazione guadagni, mobilità e trattamento di fine rapporto) e provvede alle visite mediche per l’accertamento dell’invalidità e dell’inabilità al lavoro.

Anche se sei in fase di rinnovo del permesso di soggiorno, o in attesa del primo rilascio del permesso di soggiorno, hai diritto ad esercitare regolarmente l’attività lavorativa, e ad usufruire delle prestazioni ad essa connesse (malattia, maternità, prestazioni a sostegno del reddito) a patto di possedere la documentazione idonea a dimostrare di aver chiesto il rinnovo o il rilascio nei termini stabiliti dalla legge (copia del vecchio permesso di soggiorno e copia della ricevuta di richiesta del rinnovo nel primo caso; oppure copia del modello di richiesta del permesso di soggiorno rilasciata dallo Sportello Unico per l’Immigrazione e copia della ricevuta di presentazione della richiesta stessa nel secondo).

Cos’è l’INAIL?

L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali gestisce l’assicurazione obbligatoria, a tutela del lavoratore, contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. In particolare l’INAIL si occupa di:

  • garantire prestazioni economiche, sanitarie ed integrative;
  • provvedere all’informazione e formazione, per le piccole e medie imprese, riguardo alla prevenzione nei luoghi di lavoro;
  • assicurare la riabilitazione e il reinserimento del lavoratore.

7 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Richiesta del permesso di soggiorno CE - termine di 90 giorni per il rilascio
Sulla richiesta del permesso di soggiorno CE ("carta di soggiorno") l'amministrazione deve provvedere entro 90 giorni in modo conforme alla richiesta L'articolo 9 del Testo unico dell'immigrazione prevede che il procedimento per il rilascio del permesso di soggiorno CE ("carta di soggiorno") deve concludersi entro il termine massimo di 90 giorni, come ribadito dalla recente sentenza del TAR del Lazio numero 8154/2013. Solitamente questo termine non viene rispettato. Non solo! Molto spesso, la Questura, anzichè il permesso di soggiorno CE di lungo periodo, rilascia un normale permesso di soggiorno per motivi familiari, di durata biennale, o altro titolo di soggiorno ...

Il permesso di soggiorno - cosa è e quanto dura
Il permesso di soggiorno è, per uno straniero, un documento molto importante perché autorizza il suo soggiorno in Italia. I cittadini dell'Unione Europea che vogliono soggiornare in Italia per un periodo inferiore ai tre mesi, possono presentare presso un ufficio di polizia la dichiarazione di presenza sul territorio nazionale. L'ufficio gli restituirà una copia, timbrata, che andrà mostrata ad ogni richiesta da parte delle forze di polizia. In mancanza della dichiarazione di presenza, il cittadino comunitario si intende soggiornante in Italia da più di tre mesi. Tutti gli stranieri provenienti da un Paese non appartenente all'Unione Europea, che vogliono vivere ...

L'immigrato irregolare non può essere espulso se ha contratto matrimonio con una immigrata soggiornante in Italia
Secondo la normativa vigente (articolo 5, comma 5, decreto legislativo 286/1998) Il permesso di soggiorno o il suo rinnovo sono rifiutati e, se il permesso di soggiorno è stato rilasciato, esso è revocato quando mancano o vengono a mancare i requisiti richiesti per l'ingresso e il soggiorno nel territorio dello Stato. Nell'adottare il provvedimento di rifiuto del rilascio, di revoca o di diniego di rinnovo del permesso di soggiorno dello straniero che ha esercitato il diritto al ricongiungimento familiare ovvero del familiare ricongiunto, si tiene anche conto della natura e della effettività dei vincoli familiari dell'interessato. Il Giudice di Pace ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su inps e inail. Clicca qui.

Stai leggendo INPS e INAIL Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 7 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 11 Marzo 2017 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anna Carmela Carchia 23 Dicembre 2014 at 14:30

    Buon giorno! Vorrei segnalare un problema! 2 anni fa ho perso il lavoro. Ho prima la cassa integrazione straordinaria. Poi la disoccupazione un’anno
    Poi mi spettava dall’INPS la mobilità in deroga pagata dalla regione 4 mesi mi hanno pagatosolo 56.giorni perché regione Emilia Romagna non ha più i fondi.secondo voi me li daranno!

    • Ludmilla Karadzic 23 Dicembre 2014 at 14:35

      Signora, può stare tranquilla. I soldi glieli daranno sicuramente. Dovrà solo avere un po’ di pazienza. Con la legge di stabilità approvata, riprenderanno i conferimenti alle Regioni.

  • Luciano 17 Febbraio 2011 at 17:43

    Salve io non ho mai fatto richiesta del duec come e possibile averla

    • cocco bill 17 Febbraio 2011 at 18:00

      Per il DURC deve rivolgersi alla sede territoriale dell’INPS.

      Ma la richiesta del DURC di solito devono avanzarla i suoi committenti.

  • giovanna 17 Marzo 2009 at 14:49

    salve vorrei sapere se è ossibile rateizzare entrambi?
    e come?