Compatibilità fra indennità di disoccupazione e attività lavorative

Compatibilità fra indennità di disoccupazione e borse lavoro, stage, tirocini professionali, assegni di ricerca, attività sportive

Per i soggetti beneficiari di indennità di disoccupazione, titolari di borse lavoro, stage e tirocini professionali, premi o sussidi per fini di studio o addestramento professionale, pur a fronte dell’assimilazione, ai fini fiscali, delle somme percepite ai redditi da lavoro dipendente, non si ravvisa lo svolgimento di un’attività lavorativa prestata dal soggetto con correlativa remunerazione. In tali ipotesi, pertanto, le remunerazioni derivanti da borse lavoro, stage e tirocini professionali, nonché i premi o sussidi per fini di studio o di addestramento professionale sono interamente cumulabili con l'indennità di disoccupazione e il beneficiario della prestazione non è tenuto ad ad effettuare all'INPS comunicazioni relative all'attività e alle relative remunerazioni.

Anche relativamente ai premi e ai compensi conseguiti per lo svolgimento di attività sportiva dilettantistica si precisa che gli stessi sono interamente cumulabili con l'indennità di disoccupazione e il beneficiario della prestazione non è tenuto ad effettuare all'INPS comunicazioni relative all'attività e ai relativi compensi e ai premi.

Nei casi, invece, di soggetti beneficiari di indennità di disoccupazione, titolari di borse di studio e assegni di ricerca (assegnisti e dottorandi di ricerca con borsa di studio), essendo stata l’attività di tali figure ricondotta ad attività lavorativa tanto da riconoscere alle stesse, attraverso la prestazione di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi un indennizzo per gli eventi di disoccupazione involontaria, trova applicazione la disciplina in tema di riduzione dell’importo dell'indennità di disoccupazione per l'ipotesi di contestuale svolgimento di attività di lavoro subordinato. Pertanto i compensi derivanti dalle suddette attività non possono superare il limite annuo di euro ottomila.

In tale caso il beneficiario della prestazione deve, a pena di decadenza, informare l’INPS entro un mese dall'inizio dell’attività cui si riferiscono i compensi, o dalla presentazione della domanda di indennità di disoccupazione se la suddetta attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarne anche ove sia pari a zero.

Compatibilità fra indennità di disoccupazione e reddito da attività professionale di ingegneri, avvocati e infermieri

Nell'ipotesi di esercizio di attività, in costanza di percezione di indennità di disoccupazione, da parte di professionisti (ingegneri, avvocati, infermieri eccetera), è ammessa la compatibilità tra l'indennità di disoccupazione ed il reddito da attività professionale. Il limite di reddito entro il quale è da ritenersi consentita l’attività professionale è pari ad euro 4.800.

Il beneficiario della prestazione deve, a pena di decadenza, informare l’INPS entro un mese dall'inizio dell’attività cui si riferiscono i compensi, o dalla presentazione della domanda di indennità di disoccupazione se la suddetta attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarne anche ove sia pari a zero.

Compatibilità fra indennità di disoccupazione con redditi derivanti dallo svolgimento delle funzioni di amministratore, consigliere e sindaco di società

Qualora fra la società e il socio si instauri un rapporto di lavoro subordinato, il reddito prodotto dall'attività del socio lavoratore è un reddito da lavoro dipendente e pertanto trova applicazione la disciplina in tema di riduzione dell’importo della prestazione di disoccupazione percepita nell'ipotesi di contestuale svolgimento di attività lavorativa subordinata. Il limite di reddito entro il quale è da ritenersi consentita l'attività in questione è pari ad euro ottomila. Il beneficiario della prestazione deve, a pena di decadenza, informare l’INPS entro un mese dall'inizio dell’attività cui si riferiscono i compensi, o dalla presentazione della domanda di indennità di disoccupazione se la suddetta attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarne anche ove sia pari a zero.

Compatibilità indennità di disoccupazione per soci di società di persone (snc e sas)

Per i soci e i familiari e per i soci accomandatari che svolgono la loro attività con carattere di abitualità e prevalenza e sono iscritti alla Gestione previdenziale degli Artigiani o dei Commercianti, a fronte della produzione di un reddito da lavoro in forma autonoma o di impresa, trova applicazione la disciplina sulla riduzione dell’importo della prestazione di disoccupazione percepita nell'ipotesi di contestuale svolgimento di attività lavorativa in forma autonoma o di impresa individuale.

Le medesime disposizioni si applicano anche ai soci accomandanti che svolgono in qualità di coadiutore la loro attività e sono iscritti alla Gestione previdenziale degli Artigiani o dei Commercianti. Il limite di reddito entro il quale è da ritenersi consentita l’attività in questione è pari ad euro 4.800. Il beneficiario della prestazione deve, a pena di decadenza, informare l’INPS entro un mese dall'inizio dell’attività cui si riferiscono i compensi, o dalla presentazione della domanda di indennità di disoccupazione se la suddetta attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarne anche ove sia pari a zero.



Compatibilità indennità di disoccupazione per soci di società di capitali

Ai soci di Società per Azioni e di società in accomandita per azioni, non essendo essi iscrivibili alla Gestione previdenziale degli Artigiani o dei Commercianti o per l’Agricoltura, poiché si è in presenza di soli redditi da capitale non riconducibili ad attività di lavoro dipendente o ad attività lavorativa in forma autonoma o di impresa individuale, il beneficiario dell'indennità di disoccupazione, titolare di redditi da capitale, potrà percepire la prestazione per intero.

Ciò vale anche per i promotori e ai soci fondatori di società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata che partecipano agli utili: il beneficiario dell'indennità di disoccupazione può percepire la prestazione per intero.

Tuttavia, per quanto attiene i soli soci di società a responsabilità limitata, è iscrivibile alla Gestione previdenziale degli Artigiani o dei Commercianti o per l’Agricoltura il socio che, sebbene non abbia la piena responsabilità giuridica ed indipendentemente dalla qualifica di amministratore, esercita in modo personale, continuativo e prevalente l'attività prevista dall'oggetto sociale. Il limite di reddito entro il quale è da ritenersi consentita l’attività in quest’ultimo caso è pari ad euro 4.800. Il beneficiario della prestazione deve, a pena di decadenza, informare l’INPS entro un mese dall'inizio dell’attività cui si riferiscono i compensi, o dalla presentazione della domanda di indennità di disoccupazione se la suddetta attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarne anche ove sia pari a zero.

Effetti dell’iscrizione ad Albi professionali e della titolarità di partita IVA sulla indennità di disoccupazione

Naturalmente, l'iscrizione ad Albi professionali del beneficiario di prestazione di disoccupazione non è da sola sufficiente a consentire e quindi a far supporre lo svolgimento di attività di lavoro autonomo. Altrettanto può dirsi in ordine alla semplice apertura di una partita IVA riferita al medesimo soggetto.

Sarà cura della struttura territoriale dell'INPS esercitare i controlli adeguati per verificare se chi percepisce l'indennità di disoccupazione, ove emerga l’apertura di una partita IVA o l’iscrizione ad un Albo professionale, svolga effettivamente attività di lavoro autonomo, anche contattando l'interessato.

Se l’attività è effettivamente svolta e l’interessato non ha provveduto a comunicarne l'avvio con indicazione del relativo reddito presunto, si produrrà la decadenza dalla prestazione. Se l’attività non risulta svolta, la prestazione potrà continuare ad essere erogata.

I contenuti dell'articolo sono stati estratti dalla circolare INPS 174/2017.

26 novembre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Come beneficiare dell'indennità di disoccupazione corrisposta in unica soluzione per avviare una attività autonoma
La normativa vigente prevede che il lavoratore avente diritto alla corresponsione dell'indennità di disoccupazione può richiedere la liquidazione anticipata, in unica soluzione, dell'importo complessivo del trattamento che gli spetta e che non gli è stato ancora erogato, a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma o di impresa individuale [ ... leggi tutto » ]
Indennità di disoccupazione - Si può richiedere la liquidazione anticipata per intraprendere un'attività autonoma
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione dell'indennità di disoccupazione ASpI o mini ASpI può richiedere la liquidazione anticipata in un'unica soluzione degli importi non ancora percepiti; ciò al fine di intraprendere un'attività di lavoro autonomo, ovvero per avviare un'attività in forma di auto impresa o di micro impresa, o per [ ... leggi tutto » ]
Divieto di cumulo fra indennità di disoccupazione e assegno ordinario di invalidità - Ma l'invalido può optare per l'indennità di disoccupazione
Il divieto di cumulo dell'indennità di disoccupazione con i trattamenti pensionistici a carico dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, vecchiaia e i superstiti, si estende all'assegno ordinario di invalidità, la cui natura di trattamento pensionistico trova conferma nella modalità di erogazione che avviene secondo il sistema dell'assicurazione generale obbligatoria, nella modalità [ ... leggi tutto » ]
Pignoramento indennità di disoccupazione
L'indennità di disoccupazione ha natura previdenziale: l'articolo 38 comma 2 della Costituzione dispone, infatti, che i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ed infatti, con la sentenza 85/2015 la Corte costituzionale [ ... leggi tutto » ]
APE (Anticipo PEnsionistico) sociale - Con un voucher non si perderà lo stato di disoccupazione
Il Ministero del lavoro e delle Politiche sociali, con una nota diffusa il 13 ottobre 2017, ha finalmente chiarito che, per fruire del beneficio della riduzione del requisito contributivo per l'accesso al pensionamento anticipato dei lavoratori precoci e alla indennità di APE sociale, le domande di certificazione che vengono presentate [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su compatibilità fra indennità di disoccupazione e attività lavorative. Clicca qui.

Stai leggendo Compatibilità fra indennità di disoccupazione e attività lavorative Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 26 novembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 26 novembre 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info