Indennità di disoccupazione – Si può richiedere la liquidazione anticipata per intraprendere un’attività autonoma


Il lavoratore avente diritto alla corresponsione dell’indennità di disoccupazione ASpI o mini ASpI può richiedere la liquidazione anticipata in un’unica soluzione degli importi non ancora percepiti; ciò al fine di intraprendere un’attività di lavoro autonomo, ovvero per avviare un’attività in forma di auto impresa o di micro impresa, o per associarsi in cooperativa.

L’erogazione in una unica soluzione ed in via anticipata dell’indennità ASpI o mini ASpI assume la natura specifica di contributo finanziario per lo sviluppo dell’autoimprenditorialità destinato a sopperire alle spese iniziali di un’attività che il lavoratore in disoccupazione svolge. Il contributo risulta inoltre preordinato allo scopo di ridurre la pressione sul mercato del lavoro subordinato, indirizzando i disoccupati nel settore delle attività autonome e delle cooperative, in luogo del reimpiego con rapporto di natura subordinata, che, potrebbe essere di difficile reperimento specie in fasi congiunturali dell’economia.

Il lavoratore che intende avvalersi dell’anticipazione deve inoltrare telematicamente all’INPS specifica domanda entro la fine del periodo di fruizione della prestazione mensile ASpI o mini ASpI e, comunque, entro 60 giorni dalla data di inizio dell’attività autonoma o parasubordinata o dell’associazione in cooperativa.

21 Marzo 2015 · Piero Ciottoli

Argomenti correlati: 

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!







Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Indennità di disoccupazione – Si può richiedere la liquidazione anticipata per intraprendere un’attività autonomaAutore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 21 Marzo 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 27 Giugno 2020 Classificato nelle categorie Numero di commenti e domande: 2. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 23 Luglio 2018 at 19:30

    1)Possono pignorare interamente la naspi anticipata?
    2)È vero che la verifica equitalia scatta solo se l’importo della naspi anticipata è superiore o pari a 5 mila euro ?
    3) Qualora l’importo della naspi anticipata fosse inferiore a 5 mila euro, l’inps non effettua alcuna verifica equitalia, nè conseguente pignoramento?

    • Simone di Saintjust 24 Luglio 2018 at 01:54

      Risposta alla domanda 1) Il massimo pignorabile è il 20% dell’indennità di disoccupazione.
      Risposta alla domanda 2) L’INPS prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad ADER, si sostanzia nel verificare l’eventuale morosità del beneficiario rispetto all’obbligo di pagamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento, comunicando, poi, al soggetto pubblico richiedente l’importo dovuto dal beneficiario.
      Risposta alla domanda 3) Per importi inferiori a 10 mila euro non c’è compensazione automatica, ma non si può escludere un eventuale pignoramento.