Bonus 600 euro Covid-19 - Al via le domande

Bonus 600 euro Covid-19 - Al via le domande

L’INPS comunica che da oggi 1 aprile 2020 è possibile presentare la domanda per fruire del contributo di 600 euro: questo l’indirizzo utile per presentare la domanda.

L’accesso è consentito ai soli soggetti in possesso di un PIN rilasciato dall’Istituto, di una identità SPID, almeno di livello 2, di una Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Le credenziali di accesso sono strettamente personali e il loro utilizzo non è delegabile. Tutte le operazioni effettuate sono soggette a tracciatura ed imputate al titolare dell’utenza, con le relative responsabilità civili e penali. L’eventuale stampa, annotazione o memorizzazione su supporti telematici dovrà essere conservata con cura, per non permettere l’accesso ai servizi telematici da parte di persone non autorizzate. Le utenze non possono essere utilizzate per effettuare accessi mediante strumenti informatici che generano richieste di servizio in maniera automatica (ad esempio robot). Le informazioni ed i dati personali, ottenuti mediante l’utilizzo dei servizi telematici, dovranno essere trattati nel pieno rispetto della normativa vigente.

La sessione di lavoro dell’utente viene chiusa automaticamente in seguito ad un periodo di inattività di 30 minuti. Le modalità operative di utilizzo del PIN INPS sono:

  1. al primo accesso il sistema obbliga l’utente alla modifica del PIN, il nuovo PIN generato sarà di soli 8 caratteri;
  2. il sistema obbliga l’utente alla modifica del PIN almeno ogni 6 mesi per i cittadini e ogni 3 per gli intermediari istituzionali;
  3. dopo 10 tentativi consecutivi di accesso con un PIN errato il sistema inibisce l’accesso all’utente per 5 minuti, ogni tentativo successivo richiederà l’attesa di ulteriori 5 minuti fino a quando non verrà inserito il PIN corretto.

Ricordiamo che il PIN è il codice personale che ti consente di accedere ai servizi telematizzati dell’INPS.

Il PIN iniziale è composto da 16 caratteri. I primi 8 ti sono inviati via SMS, email o posta elettronica certificata; i secondi 8 con posta ordinaria all’indirizzo di residenza.

Al primo utilizzo, il PIN iniziale di 16 caratteri viene sostituito con uno di 8 caratteri, da conservare per i successivi utilizzi. Attenzione: è possibile accedere ai servizi online INPS anche tramite le credenziali SPID, almeno di livello 2, la Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Inoltre, per richiedere prestazioni di natura economica occorre avere un PIN “dispositivo”. Per convertire il Pin ordinario in Pin dispositivo bisogna utilizzare la funzione di conversione accedendo a questa pagina.

Il governo aveva assicurato che non sarebbe stato un “click day”: chi prima arriva prende i soldi e gli altri si arrangiano. Anche perché i 3 miliardi stanziati basterebbero a coprire tutti. In realtà però il sito Inps, nelle sue istruzioni online, riporta per ogni categoria di lavoratore coinvolto, la stessa dizione: “In ragione di quanto sopra, l’Inps riconosce l’indennità in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande”. E le ragioni di “quanto sopra” sono proprio i limiti di spesa complessivi imposti dal decreto 18/2020 (Cura Italia). Ecco dunque la contraddizione. Nel comunicato diffuso il 31 marzo la stessa Inps scrive: “Si ribadisce che non si tratta di un click day. Le domande potranno essere inviate anche nei giorni successivi al 1° aprile, collegandosi al sito e cliccando sul banner dedicato che compare sulla homepage”. Tutto vero. Ma l’Inps sarà poi costretta dal vincolo di legge (i limiti di spesa)- a fare una lista e pagare in ordine di presentazione delle domande. Difficile raccomandare la calma, se poi le istruzioni sono queste.

1 Aprile 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Indennità Covid-19 (600 euro) » A chi spetta e come ottenerla
Il Decreto legge 18/2020 (noto anche come Decreto Cura Italia) ha introdotto, tra le altre misure, alcune indennità di sostegno al reddito in favore dei lavoratori le cui attività stanno risentendo dell'emergenza epidemiologica dovuta al Coronavirus (COVID-19). Si tratta di indennità previste per il mese di marzo 2020 dell'importo pari ad € 600, non soggette ad imposizione fiscale, non sono tra esse cumulabili e, naturalmente, non sono riconosciute ai percettori di reddito di cittadinanza. I lavoratori, potenziali destinatari dell'indennità COVID-19, al fine di ricevere la prestazione di interesse, dovranno presentare in via telematica all'INPS la domanda utilizzando i consueti canali ...

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 agli operai agricoli a tempo determinato
Agli operai agricoli a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito IRPEF e sarà . erogata dall'INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 330 milioni di euro per l'anno 2020. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i risultati di tale attività al Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Qualora dal predetto monitoraggio emerga il verificarsi di scostamenti rispetto ...

Emergenza Coronavirus - Indennità di 600 euro per il mese di marzo 2020 ai professionisti con partita IVA e ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa
Ai liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 e ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta un'indennità per il mese di marzo 2020 pari a 600 euro. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito IRPEF ed è erogata dall'INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 170 milioni di euro per l'anno 2020. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bonus 600 euro covid-19 - al via le domande. Clicca qui.

Stai leggendo Bonus 600 euro Covid-19 - Al via le domande Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 1 Aprile 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 1 Aprile 2020 at 07:41

    Sono titolare di assegno invalidità di 290 euro, nessun lavoro, posso chiedere i 600 € di Indennità Covid-19: se si cosa devo scegliere nella categoria lavoratori, non mi è chiaro.

    • Simone di Saintjust 1 Aprile 2020 at 15:54

      l’indennità Covid-19 di 600 euro non è fruibile da senza lavoro.