Indebitamento multiplo

Indebitamento multiplo che non si riesce più a pagare

Mio padre: titolare di un'agenzia immobiliare che non riscuote dal 2010, improvvisamente il mercato si è fermato.

Mia madre: non lavora.

Mio fratello: fino al 2010 ha lavorato nell'agenzia di mio padre, poi quando la situazione è precipitata ha cercato lavoro altrove ed ora guadagna €1200 al mese (però è sposato con una bambina piccola quindi non riesce a contribuire ai problemi di casa).

Io: ho terminato gli studi nel 2009 e sono riuscita a trovare lavoro solo un anno fa, sono agente di commercio e vendo prodotti per il settore turistico, aggiungo che in un anno di 10 ore di lavoro al giorno compresi sabato e domenica sono riuscita soltanto a guadagnare provvigioni per circa €200 ogni tre mesi: sono inutile o quasi!

Livello di indebitamento familiare:

€110.000 mutuo ipotecario rimasto da pagare per la casa in cui vivo con i miei genitori
€250.000 mutuo ipotecario rimasto da pagare per l'ufficio di mio padre
€98.000 scoperti di conto corrente con cui mio padre ha lavorato tranquillamente fino all'arrivo della crisi
€117.000 tre anni di arretrati di tasse e bollette (attualmente è da quest’inverno che non abbiamo il gas e la luce in casa..e farsi la doccia ghiacciata quest’inverno con la neve e senza riscaldamento credetemi che è dura!)

Aggiungo circa €30.000 di rate non pagate

Soluzioni che abbiamo cercato:

1) Riunire tutto il debito o una buona parte in un solo mutuo, ogni banca ce lo ha rifiutato
2) Vendere gli immobili, sono in offerta a prezzi stracciati da ormai più di due anni, non si riesce
3) Cercare di accordarci con i vari creditori per un piano di rientro, ma ripeto che mio padre non vede una lira da tre anni e il lavoro continua a peggiorare, non siamo più credibili
4) Nessun parente o amico o conoscente ha la volontà di darci una mano, anche con poco

Aggiungo che mia madre è caduta in depressione e mio padre ha avuto un principio di infarto.

Comunico che il livello di indebitamento generale costituisce 1/3 del valore degli immobili che fungono da garanzia.

Fra poco partirà la prima ingiunzione da una delle banche con cui abbiamo gli scoperti.

La mia domanda è:  esiste una soluzione o dobbiamo organizzare un suicidio familiare di massa? Perché l'aria che tira dentro casa è questa e non credo che la mia situazione sia l'unica in Italia, sta diventando la norma.

 

L'indebitamento è risolvibile

Nonostante quello che scrive, dal suo post traspare, evidente, la dignitosa determinazione di un soggetto dal carattere forte, che non ha alcuna intenzione di arrendersi. I miei complimenti sinceri ed un invito a continuare così.

La situazione è quella che è, e immagino, lei non si aspetta soluzioni miracolistiche ad una situazione che appare compromessa, data la crisi. Non potrebbe prospettarle nessuno che abbia un briciolo di onestà. E nessuna persona intelligente, come lei, si illuderebbe di individuarle.

Lei scrive che il livello di indebitamento generale costituisce 1/3 del valore degli immobili che fungono da garanzia . E' paradossale che un debitore con questi "fondamentali" si ritrovi invischiato nella situazione di cui lei ci riferisce.

Ora, se una crisi così anomala e pervasiva, nel mercato immobiliare e non solo, si protraesse all'infinito, sarebbe inutile stare qui a discuterne. Finirebbe tutto in "caciara" prima o poi, e chi s'è visto, s'è visto.

Continuiamo allora la discussione nella ragionevole ipotesi che, come diceva l'indimenticabile Eduardo, .. adda passà 'a nuttata .

Nell'attesa che torni il chiarore dell'alba, l'obiettivo primario è quello di sopravvivere e limitare i danni, per quanto possibile.

Il pericolo maggiore che corre la sua famiglia è quello che gli immobili, in seguito alle azioni esecutive dei creditori, vengano messi in vendita all'asta e che si trovi qualche speculatore in grado di acquistarli per quattro soldi.

Io, credo, che la strategia da adottare sia quella di rendere questo scenario il meno probabile possibile, rendendo temporaneamente meno appetibili e praticamente inutilizzabili nel breve, medio periodo, i beni a rischio. Cercando, nel contempo, di complicare le procedure esecutive di cui saranno eventualmente oggetto. Il che comporterà un'altra desiderabile conseguenza: prolungare la durata delle procedure giudiziali esecutive. Ed il tempo è una risorsa preziosa a cui attingere, nel corso della fatidica "nuttata".

Quindi occorre temporeggiare ed operare da guastatori, un pò come fece Fabio Massimo contro Annibale.

I beni espropriabili a garanzia dei debiti contratti devono essere, prima che intervenga un pignoramento, locati (in tutto o in buona parte) a terzi con contratti (opponibili ai creditori)  di durata ultranovennale (ad esempio l'ufficio di suo padre). Su di essi devono essere costituiti, a favore di terzi (e non), diritti di abitazione (ma anche di usufrutto) opponibili ai creditori. Ad esempio, e per quanto riguarda l'appartamento attualmente occupato dalla famiglia, con un diritto di abitazione derivante da una separazione legale con assegnazione della casa coniugale a sua madre ed ai figli conviventi non economicamente autonomi. Oppure con donazione del bene ai figli, con usufrutto vitalizio riservato al genitore debitore (la possibile azione di revoca della donazione diventa meno certa e la nuda proprietà non è soggetta, in siffatte condizioni, ad esproprio) .

Questa è, secondo me, la strategia da seguire, senza rincorrere i miraggi di consolidamento del debito o di altri finanziamenti che non farebbero che aggravare la situazione /ammesso che si trovi qualcuno disposto a concederli).

Poi, chi vivrà vedrà. E, non è detto che fra qualche mese il panorama economico, europeo e mondiale, sia quello di oggi. Domani potremmo cominciare a sperare e, forse , non conteremo ancora monete e banconote in euro ...

12 settembre 2012 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione fittizia per pagare meno tasse » La crisi e i suoi rimedi
Più che il cuore, conta il poter tirare avanti e il fenomeno, ormai dilagante, delle coppie che optano per la separazione (solo sulla carta) per pagare meno tasse è più diffuso di quello che si possa pensare. Così come la scelta di non sposarsi per non perdere vantaggi fiscali o ...
Separazione personale - il coniuge superstite perde il diritto di abitazione
Com'è noto, al coniuge è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio dell'altro, salve le disposizioni dettate in caso di concorso con i figli, le quali prevedono in favore del coniuge la riserva della quota di un terzo, in caso di un solo figlio, e ...
Assegnazione della casa coniugale - opponibilità a terzi e responsabilità del venditore
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale, in sede di separazione personale o divorzio, non è idoneo a costituire un diritto reale di uso o di abitazione a favore dell'assegnatario, ma solo un diritto di natura personale, opponibile, se avente data certa, ai terzi entro nove anni, ai sensi dell'articolo ...
Donazione di un immobile » Ecco quando è possibile effettuarla senza dover pagare il notaio
Ecco quando è possibile effettuare la donazione di un immobile senza dover pagare le spese notarili. Effettuare la donazione di un bene senza pagare notaio e tasse, in alcuni casi, è possibile. Come noto, non tutte le donazioni necessitano dell'atto pubblico (rogito notarile e presenza di due testimoni), ma solo ...
Casa coniugale » Dopo la separazione l'assegnazione è opponibile al compratore per nove anni
Il coniuge separato oppone all'acquirente l'assegnazione della casa coniugale per nove anni dal provvedimento del giudice. Infatti, Ai sensi dell'articolo 6, comma 6, della legge 1 dicembre 1970, numero 898 (nel testo sostituito dall'articolo 11 della legge 6 marzo 1987, numero 74), applicabile anche in tema di separazione personale, il ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indebitamento multiplo. Clicca qui.

Stai leggendo Indebitamento multiplo Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 12 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 10 marzo 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca