Conto corrente cointestato con genitore deceduto - Truffa aggravata per il figlio che dichiara all'INPS l'esistenza in vita del pensionato defunto

Commette il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, e non quello più grave di truffa, chi percepisce la pensione di pertinenza di una persona deceduta, essendo cointestatario del medesimo conto corrente su cui confluivano i ratei della pensione, ed omette di comunicare all'INPS il decesso del pensionato.

Tuttavia, quando come nel caso affrontato dai giudici della Corte di cassazione (sentenza 40260/2017, sezione penale), emerge che l'imputato, in qualità di delegato alla riscossione dell'avente diritto alla pensione, si sottoponeva ad identificazione in occasione di ogni erogazione e dichiarava (falsamente) l'esistenza in vita del genitore, la fattispecie criminosa si sostanzia nel reato di truffa aggravata.

Infatti, in tal modo, la dichiarazione circa l'esistenza in vita della persona che aveva diritto alla pensione incide su una attività di accertamento e controllo affidata in tale ambito all'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. La falsificazione di tale certificazione è, pertanto, idonea ad integrare l'attività fraudolenta tipica della truffa aggravata in quanto insiste sui presupposti dell'erogazione, esulando dall'area del mero comportamento passivo che legittima l'inquadramento della condotta nella più lieve fattispecie di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, prevista dall'articolo 316 ter del codice penale.

7 settembre 2017 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti Inps su eredi del pensionato deceduto
Quando l'indebito percepito dal pensionato deceduto risulti conseguente alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene ...
Pensione di reversibilità per il figlio superstite del pensionato deceduto
In caso di morte dei pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico dei genitore al momento dei decesso di questi, laddove il requisito della "vivenza a carico", se non si identifica indissolubilmente con lo stato di convivenza, ...
Dipendente pubblico timbra anche il cartellino del collega assente - Per entrambi il reato è quello di truffa
La falsa attestazione del pubblico dipendente, circa la presenza in ufficio riportata sui cartellini marcatempo o nei fogli di presenza, è condotta fraudolenta, idonea oggettivamente ad indurre in errore l'amministrazione di appartenenza circa la presenza su luogo di lavoro, ed è dunque suscettibile di integrare il reato di truffa aggravata, ...
Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo
Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa. Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile ...
Cosa accade quando si preleva la pensione del defunto
Nei casi di indebita riscossione di rate di pensione dopo la morte del beneficiario, l'INPS si attiva per il recupero del credito con azioni diverse in relazione alla modalità di pagamento e al soggetto, banca o poste, che vi ha provveduto. Per l'indebita riscossione di rate di pensione in pagamento ...

Spunti di discussione dal forum

Riaccredito pensione defunto su conto corrente in rosso – Precisazioni
In riferimento a questa discussione, intendo precisare che il conto in rosso era quella di mia madre, deceduta il 2 aprile ultimo scorso. La circolare a cui mi riferivo è proprio la numero 40 del 2007. L'INPS, in data 16 aprile 2015 ha versato il rateo di pensione di mia…
Riaccredito pensione defunto su conto corrente INPS – A cosa serve il ricorso all’ABF?
Sempre in riferimento a questa discussione, ora pongo un altro quesito sempre sulla mia situazione. Dal 02/04/2015 ad oggi 24/09/2015 sei mesi sono passati dalla mia domanda presentata all'INPS per i ratei di pensione, la banca non restituisce la pensione acquisita dopo la morte di mia madre, l'INPS invita la…
Denuncia per truffa per un prestito non rimborsato
Ho smesso di pagare un finanziamento a partire dalla quarta rata, continuano a chiamarmi dicendo che ci sarà la denuncia per truffa nei miei confronti. Io avevo deciso di farmi pignorare il quinto dello stipendio. Come devo comportarmi per la denuncia per truffa.
Recupero crediti INPS su pensione e nuove tutele di impignorabilità del minimo vitale
Sono un pensionato INPS con pensione di circa 579 euro al mese e un debito di alcune migliaia di euro con l'INPS. Da 5 anni mi vengono decurtati 97 euro direttamente dall'INPS prima di erogarmi la pensione per "recupero crediti". Mi chiedo: con l'entrata in vigore del nuovo art. 545…
Richiesta di restituzione di due mensilità della pensione dieci anni dopo il decesso
Oggi 11/08/2016 ho ricevuto una richiesta dall'INPS di restituzione di due rate di pensione, che secondo loro sono state indebitamente riscosse dopo il decesso di mia madre. Mia madre è deceduta il 10 febbraio 2006 e dopo qualche giorno è stato rilasciato il certificato di morte dall'ospedale, essendo deceduta in…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato con genitore deceduto - truffa aggravata per il figlio che dichiara all'inps l'esistenza in vita del pensionato defunto. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente cointestato con genitore deceduto - Truffa aggravata per il figlio che dichiara all'INPS l'esistenza in vita del pensionato defunto Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 7 settembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 7 settembre 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info