IMU e comodato gratuito

Ho concesso l'unità abitativa di cui sono proprietario a mio figlio, con un contratto di comodato gratuito registrato presso l'Agenzia delle Entrate. Mio figlio abita e risiede nella casa di cui risulta comodatario. Chi dei due è obbligato al pagamento dell'IMU e, soprattutto, l'obbligato al pagamento dell'IMU potrà fruire dell'aliquota ridotta e delle altre agevolazioni previste per l'abitazione principale?

I comodatario è titolare di un diritto personale e non reale di godimento e, come tale, non è tenuto a corrispondere l'Imposta Municipale propria. L'unico obbligato passivo al pagamento dell'imposta è colui che detiene la proprietà dell'immobile. Dunque, suo figlio (comodatario) non dovrà pagare l'IMU, che resterà completamente a carico del padre (comodante).

Lei non potrà fruire di aliquota ridotta e di altre detrazioni previste per l'abitazione principale. Infatti, il comma 14, lettera b), dell'articolo 13 della legge 214/2011, ha espressamente abrogato la potestà regolamentare dei comuni di considerare "abitazioni principale" quelle concessa in uso gratuito (comodato) a parenti in linea retta o collaterale.

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su imu e comodato gratuito. Clicca qui.

Stai leggendo IMU e comodato gratuito Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 19 maggio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria iuc tarsu tia imu tasi service tax e altri tributi locali Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca