La TARI




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


La TARI, ha sostituito la Tares, la quale ha avuto vita breve. La TARU è dovuta per finanziare il servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati.

Va corrisposta su tutti gli immobili suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Sono esenti le superfici che producono rifiuti speciali e le aree scoperte pertinenziali.

La tari è composta da una quota fissa e da una variabile: la prima è a copertura dei costi fissi del servizio, mentre la seconda per la fruizione del servizio da parte del contribuente.

Le utenze domestiche pagano in funzione dei metri quadrati e del numero dei componenti il nucleo familiare.

Le altre utenze, invece, si pagano in funzione dei metri quadrati e degli indici medi di produttività dei rifiuti.

La TASI si paga alle scadenze stabilite dal Comune che deve assicurare almeno due rate semestrali.

D notare bene che entro il 30 giugno 2014 il ministero dell’Ambiente dovrebbe approvare un nuovo regolamento per determinare le nuove tariffe della Tari.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


5 Maggio 2014 · Andrea Ricciardi




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la tari. Clicca qui.

Stai leggendo La TARI Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 5 Maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria iuc tarsu tia imu tasi service tax e altri tributi locali Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)