Imposta registro non pagata da defunto » Eredi responsabili pro quota

Imposta di registro: per i debiti del de cuius gli eredi rispondono solo pro quota.

Gli eredi rispondono dei debiti del de cuius, ai fini dell’imposta di registro, solo pro quota. Negata, quindi, la corresponsabilità solidale.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22426/14.

La Cassazione conferma che per gli eredi non c’è sempre solidarietà tributaria.

Innanzitutto, cominciamo dicendo che l’imposta di registro è una particolare tassa richiesta dallo Stato Italiano quando si registrano alcuni atti all’Agenzia delle entrate.

In particolare si presenta come una tassa quando l’erogazione riguarda un servizio, mentre si presenta come un imposta se l’erogazione è calcolata in una percentuale del valore economico dell’atto o del negozio.

Successivamente, per capire l’importanza della pronuncia facciamo un passo indietro, chiarendo un particolare aspetto: in base alla regola della solidarietà tributaria, a ciascun erede può essere richiesto l’integrale pagamento di tutto il debito, salvo poi per questi il diritto di rivalsa sugli altri.

Infatti, in caso di morte, gli eredi succedono al defunto non solo nella titolarità dei diritti di quest’ultimo, ma anche nei debiti relativi alle imposte non versate da questi.

Ebbene, secondo quanto disposto dagli Ermellini, per quanto riguarda l’imposta di registro non versata dal de cuius, la regola generale della corresponsabilità solidale non va applicata.

In tale fattispecie, infatti, il debito acquisito dalla tassa non versata deve essere ripartito pro quota, ossia in base alle rispettive quote dell’eredità, tra tutti i coeredi.

Ciò, perché la regola speciale della solidarietà passiva dei coeredi trova applicazione solo nel caso di mancato pagamento delle imposte dirette da parte del defunto o ancora in ipotesi di pagamento dell’imposta di successione.

Pertanto, nel caso di debiti contratti dal defunto in materia di imposta di registro e non definiti, ciascun coerede è tenuto a versare al Fisco la propria parte in base alle rispettive quote spettanti di eredità, e non in via solidale l’intera imposta dovuta.

23 Ottobre 2014 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Imposta di registro e di bollo » Mai più corrisposte neanche per le sentenze d'appello dei provvedimenti del giudice di pace
Piccole cause senza imposta di bollo e di registro, l'Agenzia delle Entrate si adegua. L'Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito all'ambito applicativo del regime di esenzione dall'imposta di registro e di bollo, previsto dall'articolo 46 della legge 21 novembre 1991, numero 374. Con la risoluzione 97/E, infatti, ha chiarito che, alla luce del recente orientamento della Corte di Cassazione, si estende l'esenzione anche alle sentenze di appello dei provvedimenti del giudice di pace, già esenti. L'Agenzia delle Entrate si riferisce, in particolare, alla pronuncia della Suprema Corte 16310/14, nella quale veniva spiegato che la legge, nel suo ...

Imposta di registro - prescrizione e decadenza
Ricordiamo che il termine di decadenza rappresenta il tempo massimo di legge entro cui la Pubblica Amministrazione deve notificare un atto di accertamento o un titolo esecutivo (avviso di rettifica o liquidazione, cartella esattoriale). Il termine di prescrizione rappresenta, invece, il tempo massimo entro cui, una volta notificata (correttamente) la cartella esattoriale, Equitalia deve procedere alla riscossione coattiva del credito affidatole quando non vi siano state comunicazioni interruttive (o tentativi, anche infruttuosi, di pignoramento ed espropriazione). L'imposta di registro relativa agli atti non presentati per la registrazione deve essere richiesta, a pena di decadenza, nel termine di cinque anni dal ...

Il cointestatario superstite a firma disgiunta non può movimentare il libretto di risparmio se gli eredi del de cuius non pagano l'imposta di successione
Com'è noto, con il contratto di deposito, la banca o Poste Italiane acquisiscono la proprietà delle somme depositate e si obbligano a restituirle al cliente alla scadenza del termine convenuto (depositi a scadenza fissa) ovvero a richiesta del depositante (depositi a vista), salva l'esigenza di rispettare un eventuale termine di preavviso (depositi con preavviso). A differenza dei saldi attivi su conto corrente bancario o postale, le somme conferite a deposito vengono remunerate con interessi più alti. Il libretto a risparmio rappresenta una tipologia di deposito. Il Collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) ha affrontato, nella decisione 5305/13, la questione ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su imposta registro non pagata da defunto » eredi responsabili pro quota. Clicca qui.

Stai leggendo Imposta registro non pagata da defunto » Eredi responsabili pro quota Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 23 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria eredità debiti tributari Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)