Conto corrente e importo vendita per sfuggire ai debiti

Forti debiti del convivente

Convivo con un uomo proprietario di 1/3 di una casa ora in vendita.

A giorni firmeranno il rogito.

Lui ha contratto debiti per la sua attività. Per alcuni di questi debiti sono stati emessi decreti ingiuntivi.

In particolare ha un debito per causa di lavoro di circa 30.000 euro (per il quale gli hanno pignorato il c/c), ed altri debiti più piccoli per un ammontare totale di circa 60.000 euro. Non ho ben chiara la situazione con equitalia. Sicuramente c’è qualcosa anche lì.

Abbiamo un bambino di 7 anni per il quale ho sempre provveduto solo io. Premetto che io ho sempre lavorato e lavoro. Non ho debiti. Pago un mutuo di una casa intestata solo a me (anche il mutuo è intestasto solo a me). Sono titolare unica del mio c/c.

Ora: i debitori possono rivalersi su di me? Al momento della vendita del mio compagno mi è stato consigliato di depositare i soldi su un conto corrente intestato a me con firma da parte sua. Appena eseguito il deposito togliamo la firma.

I creditori posso valersi su questo c/c? Se con quei soldi comprassi una casa intestata solo a me, possono valersi su di essa? Possono dimostrare che questi soldi mi vengono restituiti per il mancato mantenimento del bambino da parte del padre praticamente da quando è nato e per quanto da me anticipato in tutti questi anni?

Vorrei che il ricavato della vendita mi venisse dato per il mancato e per il futuro mantenimento di mio figlio. Vorrei investirlo nell’acquisto di una casa. E’ possibile intestarla al minore con usufrutto da parte mia? Al fine di vivere serena, vorrei patteggiare con questi creditori un piano di rientro. Possono attaccare l’immobile che andrò ad acquistare?

Se lei avesse chiamato in causa il padre del bambino per ottenere gli alimenti arretrati

Certo, se lei avesse chiamato in causa il padre del bambino per ottenere gli alimenti arretrati, anche dovendo comunque farvi supportare da due legali (ma se ne trovano tanti a buon prezzo, per concordare una causa dall’esito scontato) sarebbe stato meglio.

Con una sentenza, nessun creditore del suo compagno avrebbe potuto chiedere a lei di giustificare il trasferimento a suo favore di una somma rilevante di denaro.

Così com’è stata condotta, l’operazione, appare evidentemente finalizzata ad impedire il rimborso dei debiti.

Ma vedo ottime possibilità di “farla franca” dal momento che nessuno dei creditori ha pensato di iscrivere ipoteca giudiziale sulla casa di proprietà del debitore, pur potendolo fare con lo stesso titolo con cui è stato disposto il pignoramento del conto corrente.

L’intestazione dell’immobile al minore configura una donazione dal padre al figlio. Io eviterei una simile soluzione. Meglio dare al trasferimento di danaro la fattispecie di un “rimborso” per spese precedentemente sostenute nell’interesse del figlio comune.

20 Settembre 2012 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di esecuzione forzata con cui ordina al datore di lavoro di versare le somme direttamente nelle sue mani. In realtà, tale procedimento può essere effettuato non solo nei confronti del datore, ma anche di chiunque sia debitore del contribuente. Il debitore, ha 60 giorni di tempo dalla notifica del pignoramento per ...

Equitalia » Inutile vendere casa al marito per sfuggire al debito
Disfarsi in extremis della proprieta` del bene fingendosi incapiente, non e` un rimedio valido che salva da quanto dovuto a Equitalia per non aver pagato la cartella esattoriale notificata. L'agente della riscossione, ai sensi dell'articolo 49, comma 1, del Dpr 602/1973, può mettere in pratica ogni azione cautelare e conservativa posta a favore del creditore. Questa è la conclusione sostanziale cui è giunto il Tribunale di Padova che, con la sentenza 1253/2/2013 del 16 maggio, ha stabilito che la cessione dell'immobile in famiglia tra moglie e marito, di fatto unica proprietà di quest’ultimo, e avvenuta successivamente al ricevimento delle cartelle ...

Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate in banca o alla posta a titolo di ultima retribuzione del rapporto di lavoro o della pensione. Infatti, il Decreto Legge del 21 giugno 2013, numero 69, detto il Decreto del Fare, ha modificato la precedente disciplina in materia di pignoramenti sugli stipendi, di salario o di altre indennità dovute ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente e importo vendita per sfuggire ai debiti. Clicca qui.

Stai leggendo Conto corrente e importo vendita per sfuggire ai debiti Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Giugno 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)