Riduzione del termine di prescrizione delle multe stradali

La notizia sulla riduzione del termine di prescrizione delle multe stradali, da cinque a due anni, che ha fatto felici molti automobilisti e ha avuto un grande (eccessivo) risalto in giornali e Tv, purtroppo non è vera; anzi è vero che la Finanziaria 2008 ha stabilito qualcosa in proposito, ma è stata fraintesa la portata della nuova disposizione di legge.

Va premesso che l'articolo 28 della legge 24 novembre 1981, numero 689 (Codice delle depenalizzazioni), tuttora pienamente vigente, stabilisce che: “Il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni indicate dalla presente legge si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riduzione del termine di prescrizione delle multe stradali. Clicca qui.

Stai leggendo Riduzione del termine di prescrizione delle multe stradali Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 15 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali originate da multe - prescrizione e decadenza Inserito nella sezione prescrizione dei debiti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Luigi 17 dicembre 2009 at 09:52

    Mi è arrivata una multa dal comune di Milano, perchè dice che sono entrato in centro senza pagare ECOpass.
    La multa è del 22 Giugno è arrivata 16 Dicembre, ammesso che abbia commesso l’infrazione non è in prescrizione sono passati più di 150 gg per la notifica.
    grazie

    • c0cc0bill 17 dicembre 2009 at 12:16

      Nel caso classico in cui vi sia contestazione immediata la notifica avviene tramite consegna nelle mani del trasgressore del verbale originale, solitamente redatto a mano su moduli prestampati.

      Tuttavia vi sono numerosi e frequenti casi in cui la contestazione immediata puo’ legittimamente non avvenire, con la conseguenza che il verbale dev’essere notificato in un momento successivo.

      Come regola generale, in questi casi il verbale dev’essere notificato all’effettivo trasgressore – se conosciuto – oppure ad uno dei soggetti solidalmente obbligati (il proprietario del veicolo, in genere) che risultino registrati al PRA alla data dell’accertamento.

      Tale notifica (ovvero l’invio del verbale) dev’essere fatta entro 150 giorni dall’identificazione di tali soggetti, ovvero – citando l’art.201 comma 1 – da quando l’amministrazione e’ “posta in grado di provvedere alla loro identificazione” considerando cio’ che risulta al PRA o all’archivio nazionale dei veicoli.

      E’ quindi chiaro che il giorno da cui partire col conteggio dei 150 giorni non e’ facile da stabilire perche’ puo’ variare da caso a caso, e non e’ pertanto possibile standardizzare ne’ le regole ne’ i possibili ricorsi riguardanti questo delicato punto.

    • cocco bill 28 dicembre 2009 at 12:16

      Nel caso classico in cui vi sia contestazione immediata la notifica avviene tramite consegna nelle mani del trasgressore del verbale originale, solitamente redatto a mano su moduli prestampati.

      Tuttavia vi sono numerosi e frequenti casi in cui la contestazione immediata puo’ legittimamente non avvenire, con la conseguenza che il verbale dev’essere notificato in un momento successivo.

      Come regola generale, in questi casi il verbale dev’essere notificato all’effettivo trasgressore – se conosciuto – oppure ad uno dei soggetti solidalmente obbligati (il proprietario del veicolo, in genere) che risultino registrati al PRA alla data dell’accertamento.

      Tale notifica (ovvero l’invio del verbale) dev’essere fatta entro 150 giorni dall’identificazione di tali soggetti, ovvero – citando l’art.201 comma 1 – da quando l’amministrazione e’ “posta in grado di provvedere alla loro identificazione” considerando cio’ che risulta al PRA o all’archivio nazionale dei veicoli.

      E’ quindi chiaro che il giorno da cui partire col conteggio dei 150 giorni non e’ facile da stabilire perche’ puo’ variare da caso a caso, e non e’ pertanto possibile standardizzare ne’ le regole ne’ i possibili ricorsi riguardanti questo delicato punto.

  • francesca 14 ottobre 2009 at 20:03

    è vero che le multe fatte o notificate nel 2004 non si pagano per via dell’indulto. Qualcuno ha sentito parlare di questa cosa? grazie!

    • c0cc0bill 14 ottobre 2009 at 20:05

      Dipende dal comune dove è stata commessa l’infrazione al codice della strada, se aderisce o meno al mini condono.

  • paola 9 luglio 2009 at 11:35

    mi è arrivata da equitalia gerit un sollecito di pagamenti di tributi iscritti a ruolo per multe prese negli anni 1995 e 1996. Potrei sapere se sono andate in prescrizione? grazie




Cerca