Impignorabilità del minimo vitale - si applica solo alla pensione

L’articolo 545 del codice di procedura civile prevede che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione (ma anche di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza) non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale (minimo vitale) aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dalla legge.

In pratica il minimo vitale impignorabile per le pensioni viene quantificato come corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale (minimo vitale) aumentato della metà.

Il Tribunale di Viterbo aveva sollevato questione di legittimità costituzionale sull’articolo 545 del codice di procedura civile, nella parte in cui non prevede l’impignorabilità del minimo vitale anche al lavoratore stipendiato (o salariato).

Secondo i giudici del Tribunale viterbese, in pratica, si sarebbe dovuto estendere al pignoramento degli stipendi l’impignorabilità del minimo vitale allo scopo di garantire anche al lavoratore i mezzi indispensabili alle proprie, minimali, esigenze di vita.

La Consulta ha risposto ribadendo che il regime dei crediti pensionistici a quelli di lavoro non sono assimilabili e che dall’intangibilità della parte della pensione necessaria per assicurare mezzi adeguati alle esigenze di vita del pensionato (minimo vitale) non discende automaticamente analoga conseguenza riguardo alle retribuzioni.

Per quanto attiene la pretesa illegittimità della norma perché inidonea a garantire al lavoratore i mezzi adeguati alle sue esigenze di vita, i giudici della Corte Costituzionale hanno precisato che lo scopo dell’articolo 545 del codice di procedura civile è quello di contemperare la protezione del credito con l’esigenza del lavoratore di avere, attraverso una retribuzione congrua, un’esistenza libera e dignitosa. La facoltà di escutere il debitore non può essere sacrificata totalmente, anche se la privazione di una parte del salario è un sacrificio che può essere molto gravoso per il lavoratore scarsamente retribuito.

Né si può ritenere arbitraria la norma impugnata solo perché non ha incluso, anche per gli stipendi ed i salari più esigui, l’impignorabilità del minimo vitale. La scelta del criterio di limitazione della pignorabilità e l’entità di detta limitazione rientrano nel potere costituzionalmente insindacabile del legislatore.

In conclusione, l’assoggettamento della retribuzione, da qualsiasi lavoratore percepita, alla responsabilità patrimoniale quale “bene” sul quale qualsiasi creditore può, nei limiti di legge, soddisfarsi è conforme a Costituzione. Conseguentemente, va respinta la questione di legittimità costituzionale nella parte in cui non prevede l’impignorabilità della quota di retribuzione necessaria (minimo vitale) al mantenimento del lavoratore debitore (non pensionato) e della sua famiglia.

Quelli appena riportati sono, in sintesi, i contenuti della sentenza della Corte Costituzionale 248/15.

5 Dicembre 2015 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Lo stipendio anche se esiguo è sempre pignorabile nella misura del quinto dell'intera retribuzione netta
La facoltà di escutere il debitore non può essere sacrificata totalmente, anche se la privazione di una parte del salario o dello stipendio è un sacrificio che può essere molto gravoso per il lavoratore scarsamente retribuito. Con l'articolo 545 del codice di procedura civile il legislatore si è dato carico di contemperare i contrapposti interessi contenendo nel limite del possibile la somma pignorabile e graduando il sacrificio in misura proporzionale all'entità della retribuzione: chi ha una retribuzione più bassa, infatti, è colpito in misura proporzionalmente minore. Perciò non si può ritenere arbitraria la norma che prevede l'impignorabilità assoluta del minimo ...

La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di legittimità, una componente non pignorabile della pensione necessaria alla sopravvivenza, che è pari a circa 500 euro mese (equivalente al trattamento minimo di pensione indicato dall'INPS). Nel decreto legge 83/15 (che ha apportato modifiche all'articolo 545 del codice di procedura civile) è stabilito che le somme da chiunque dovute a ...

La Consulta ribadisce la legittimità del minimo vitale impignorabile previsto solo per la pensione e non per lo stipendio
Il Tribunale ordinario di Viterbo, in funzione di giudice dell'esecuzione aveva sollevato questione di legittimità costituzionale dell'articolo 545 del codice di procedura civile nella parte in cui non prevede l'impignorabilità assoluta di quella parte della retribuzione necessaria a garantire al lavoratore i mezzi indispensabili alle sue esigenze di vita, e, in via subordinata, nella parte in cui non prevede le medesime limitazioni in materia di pignoramento di crediti tributari. Com'è noto, l'articolo 545 del codice di procedura civile dispone che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impignorabilità del minimo vitale - si applica solo alla pensione. Clicca qui.

Stai leggendo Impignorabilità del minimo vitale - si applica solo alla pensione Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 5 Dicembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento di stipendi e pensioni Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)