Impiego di immigrati clandestini - I rischi per il datore di lavoro

Il datore di lavoro che occupa alle proprie dipendenze immigrati clandestini privi del permesso di soggiorno, ovvero il cui permesso sia scaduto e del quale non sia stato chiesto, nei termini di legge, il rinnovo, revocato o annullato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa di 5 mila euro per ogni lavoratore impiegato.

Le pene sono aumentate da un terzo alla metà se gli immigrati clandestini occupati sono in numero superiore a tre; se gli immigrati clandestini occupati sono minori in età non lavorativa; se i gli immigrati clandestini occupati sono sottoposti alle altre condizioni lavorative di particolare sfruttamento.

Con la sentenza di condanna il giudice applica al datore di lavoro la sanzione amministrativa accessoria del pagamento del costo medio di rimpatrio del lavoratore straniero assunto illegalmente: Il costo medio del rimpatrio per ogni lavoratore immigrato clandestino assunto illegalmente,è fissato, per l’anno 2018 in euro 1398.

Si tratta, in particolare, delle sanzioni penali ed amministrative previste dal decreto legislativo 286/1998, agli articoli 12, 12 bis e 12 ter.

23 Febbraio 2019 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Pagamento da parte del nuovo datore di lavoro di cessione del quinto sottoscritta durante l'impiego presso un precedente datore di lavoro
Vorrei sapere se il datore di lavoro è tenuto a pagare un debito derivante dalla richiesta di una società di recupero crediti che opera per conto di una assicurazione garante di cessione del quinto, a suo parere estinta anticipatamente con Tfr e per il quale residuo io non sono a conoscenza; e inoltre il datore di lavoro deve avvertire il dipendente che sta effettuando tale pagamento? ...

Il datore di lavoro attuale è obbligato a continuare la trattenuta per un prestito su cessione del quinto ottenuto e non rimborsato durante un precedente impiego?
In merito a questa precedente discussione, avrei bisogno ancora di chiarimenti e quindi ripropongo il quesito, dettagliandolo con ulteriori elementi. In un precedente lavoro, assunto a tempo indeterminato, avevo 2 trattenute in busta paga (una cessione e una delega), sono stato licenziato per giusta causa e adesso una società di recupero crediti comunica al mio attuale datore di lavoro di versare queste due trattenute direttamente a loro per continuare il pagamento citando ex art. 1264 del cc e scrivendo il testo seguente: Si evidenzia che ex art. 1264 codciv, il debitore ceduto che ha conoscenza dell'avvenuta cessione non provvedesse al ...

Datore di lavoro che ignora diffida del dipendente - Preventivo tentativo di conciliazione presso Ispettorato del lavoro e successivo contenzioso innanzi al giudice del lavoro
Può un datore di lavoro non rispondere ad una lettera di diffida di un avvocato che chiede ricollocazione del lavoratore che gli venne imposta l'aspettativa non retribuita e risarcimento del danno allorché il lavoratore chiese esclusivamente l'esonero del turno di notte. Come si ci comporta in questi casi? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impiego di immigrati clandestini - i rischi per il datore di lavoro. Clicca qui.

Stai leggendo Impiego di immigrati clandestini - I rischi per il datore di lavoro Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 23 Febbraio 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Febbraio 2019 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)