Impiegato di banca - No al licenziamento per sovraindebitamento

Le condotte extra lavorative di un impiegato di banca possono integrare giusta causa di licenziamento soltanto se integranti illecito penale: ed infatti, la giurisprudenza si è limitata ad ammettere il licenziamento di dipendenti bancari resisi responsabili di reati contro il patrimonio.

I debiti accumulati da un impiegato di banca non possono essere considerati tali da ledere irrimediabilmente il rapporto fiduciario con il datore di lavoro, vuoi perché essi trovavano origine in vicende esclusivamente private, vuoi perché, nel caso specifico, non è stato in alcun modo dimostrato che la situazione economica del dipendente avesse negativamente influenzato l'espletamento dei compiti lavorativi o il tenore professionale della prestazione.

E' vero che il concetto di giusta causa non si limita all'inadempimento tanto grave da giustificare la risoluzione immediata del rapporto di lavoro, ma si estende anche a condotte extra lavorative che, seppur formalmente estranee alla prestazione oggetto di contratto, nondimeno possano essere tali da ledere irrimediabilmente il vincolo fiduciario tra le parti.

Infatti, la condotta illecita extra lavorativa è suscettibile di rilievo disciplinare poiché il lavoratore è tenuto non solo a fornire la prestazione richiesta, ma anche, quale obbligo accessorio, a non porre in essere, fuori dall'ambito lavorativo, comportamenti tali da ledere gli interessi morali e materiali del datore di lavoro o comprometterne il rapporto fiduciario.

Tuttavia, è pur sempre necessario che si tratti di comportamenti che, per la loro gravità, siano suscettibili di scuotere irrimediabilmente la fiducia del datore di lavoro perché idonei, per le concrete modalità con cui si manifestano, ad arrecare un pregiudizio, anche non necessariamente di ordine economico, agli scopi aziendali.

E, comunque, la potenzialità lesiva di comportamenti extra lavorativi di un impiegato di banca va esclusa se i compiti del dipendente sono di carattere meramente amministrativo: controllo della regolarità formale di cessioni di crediti rivenienti da fatture, loro registrazione nel sistema informatico, aggiornamento dei dati anagrafici e societari dei clienti e mera compilazione di lettere di intimazione di rientro destinate ai morosi.

Compiti assegnati che non sono tali da poter essere negativamente influenzati dalla pesante esposizione debitoria del dipendente.

In questi termini si sono espressi i giudici di legittimità nella sentenza 16268/15.

4 agosto 2015 · Roberto Petrella

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Giudizio penale e licenziamento per giusta causa
Il reato del lavoratore è giusta causa di licenziamento solo se compromette il rapporto fiduciario con il datore Nel caso in cui il lavoratore sia stato rinviato a giudizio per gravi reati non commessi nello svolgimento del rapporto di lavoro, ma ritenuti dal datore di lavoro potenzialmente idonei ad incidere ...
Licenziamento per comportamenti della vita privata
In linea generale, i comportamenti che il lavoratore assume nella sua vita privata, al di fuori del contesto lavorativo, non possono giustificare il licenziamento. In proposito, l'articolo 8 dello Statuto dei lavoratori vieta di effettuare indagini su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell'attitudine professionale del dipendente. Riguardo i ...
Rifiuto del lavoratore di passare da tempo pieno a tempo parziale - Non può costituire motivo di licenziamento
La norma nazionale, interpretata alla luce di quella comunitaria, impone di ritenere che il datore di lavoro che licenzi il lavoratore che rifiuta la riduzione di orario ha l'onere di dimostrare che sussistono effettive esigenze economico ­organizzative in base alle quali la prestazione non può essere mantenuta a tempo pieno, ...
E' legittimo il licenziamento conseguente ad una diversa ripartizione delle mansioni fra il personale
Può costituire giustificato motivo oggettivo di licenziamento anche soltanto una diversa ripartizione di date mansioni fra il personale in servizio, attuata a fini di più economica ed efficiente gestione aziendale, nel senso che, invece di essere assegnate ad un solo dipendente, certe mansioni possono essere suddivise fra più lavoratori, ognuno ...
Licenziamento per scarso rendimento
Il licenziamento per scarso rendimento, costituisce un'ipotesi di recesso del datore di lavoro per notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore. E' pur vero che, nel contratto di lavoro subordinato, il lavoratore non si obbliga al raggiungimento di un risultato ma alla messa a disposizione del datore delle proprie energie, ...

Spunti di discussione dal forum

Validità pignoramento in caso di riassunzione presso lo stesso datore di lavoro
Premetto che sono un dipendente a tempo determinato presso una azienda di Trasporto Pubblico Locale (TPL): l'azienda mi assume a tempo determinato per coprire determinate esigenze aziendali. Durante la mia precedente assunzione a tempo determinato, Equitalia ha pensato bene di effettuare pignoramento presso il datore di lavoro per delle cartelle…
Il datore di lavoro attuale è obbligato a continuare la trattenuta per un prestito su cessione del quinto ottenuto e non rimborsato durante un precedente impiego?
In merito a questa precedente discussione, avrei bisogno ancora di chiarimenti e quindi ripropongo il quesito, dettagliandolo con ulteriori elementi. In un precedente lavoro, assunto a tempo indeterminato, avevo 2 trattenute in busta paga (una cessione e una delega), sono stato licenziato per giusta causa e adesso una società di…
Recupero TFR in caso di datore di lavoro non fallibile
Sono stata licenziata a novembre 2011 ma non ho percepito il TFR poiche il mio datore di lavoro e’ scappato lasciando la società formalmente attiva ma senza nessun tipo di attività effettiva. Essendo l’unica dipendente non ho potuto proporre fallimento. Ho provato a riscuotere tramite avvocato e fare le procedure…
Una vicenda Kafkiana: quando è meglio non avviare una vertenza di lavoro
Il mio ultimo mese lavorativo presso il mio ex datore di lavoro risale al novembre 2012: avevo un contratto a progetto che arrivato alla sua naturale scadenza non è stato più rinnovato perché la Srl in questione è entrata subito dopo in liquidazione volontaria. Ho fatto richiesta all'INPS dell'Una Tantum…
Cessione del quinto dello stipendio – Il nuovo datore di lavoro è obbligato ad operare la trattenuta?
Forse non mi sono spiegato bene: il mio datore mi ha fatto vedere la lettera di notifica e poi con quella sono andato da un avvocato per chiedere consiglio e costui mi ha invitato a continuare a far pagare il mio datore di lavoro ed è li che mi è…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impiegato di banca - no al licenziamento per sovraindebitamento. Clicca qui.

Stai leggendo Impiegato di banca - No al licenziamento per sovraindebitamento Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 4 agosto 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info