Spendi bene e vivi meglio

È importante sottolineare, in ogni caso, che i prodotti alimentari e di largo consumo incidono in misura maggiore sulla spesa delle famiglie meno abbienti. Il presente lavoro è finalizzato a fornire indicazioni proprio a questi nuclei familiari affinché non rinuncino a quote di acquisti alimentari nell'ambito di un'offerta varia e di qualità.

Gli aumenti di alcuni prodotti alimentari, al di là del dato fisiologico di adeguamento della domanda e dell'offerta, hanno avuto in questa congiuntura una matrice internazionale legata all'andamento delle materie prime e della produzione.

Tali aumenti spropositati si sono riversati sull'andamento dei prezzi al consumo che dovrebbero, ora che i costi delle materie prime sono in forte ribasso, rientrare rispecchiando in maniera trasparente tale andamento.

Registriamo tuttavia fenomeni di resistenza all'interno della filiera che contribuiscono, come nel caso della pasta, a mantenere a livelli sostenuti i prezzi di prodotti essenziali. Il nostro auspicio è che il livello dei prezzi segua la corretta dinamica di mercato - e in questo senso la Federazione Italiana Esercenti Specialisti dell'alimentazione (Fiesa) ha operato in questi mesi di difficoltà delle imprese e delle famiglie - e che i consumatori abbiano una offerta ricca a cui accedere, calmierando, con le loro scelte, il mercato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca