Immigrazione e presupposti per l’autorizzazione a rimanere in Italia del familiare del minore


In deroga alle disposizioni generali sull’immigrazione, la domanda di autorizzazione, ad entrare o a permanere temporaneamente sul territorio nazionale, proposta dalla madre, cittadina extracomunitaria, per gravi motivi connessi con lo sviluppo psico fisico del figlio minorenne residente in territorio italiano, può essere accolta solo al verificarsi di precise condizioni.

Tale domanda non può essere fondata semplicemente sulla circostanza che l’allontanamento improvviso della madre dal figlio comporterebbe un pregiudizio tale da legittimare il rilascio dell’autorizzazione e che qualora, invece, il minore seguisse la madre egli subirebbe comunque seri pregiudizi per lo sradicamento dal territorio italiano.

E’ ben vero che la temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore può comprendere qualsiasi danno effettivo, concreto, percepibile ed obiettivamente grave che, in considerazione dell’età o delle condizioni di salute ricollegabili al complessivo equilibrio psicofisico, deriva o deriverà certamente al minore a seguito dello sradicamento dall’ambiente in cui è cresciuto o dall’allontanamento del familiare.

Deve trattarsi, tuttavia, di situazioni non di lunga o indeterminabile durata e non caratterizzate da tendenziale stabilità che si concretizzino in eventi traumatici e non prevedibili che trascendono il normale disagio dovuto al proprio rimpatrio o a quello di un familiare.

Innanzitutto, se la permanenza su suolo italiano non è destinata a durare per un tempo determinato e temporaneo, ciò è incompatibile con la natura stessa dell’autorizzazione. In seconda battuta, il danno che deriverebbe dall’allontanamento della madre o dal rimpatrio anche del minore deve essere caratterizzato dai requisiti di effettività, concretezza e gravità richiesti dalla giurisprudenza.

Peraltro, il diritto all’unità familiare sancito dalla Convenzione di New York, non si configura nel nostro ordinamento come diritto assoluto, atteso che il legislatore ordinario può legittimamente limitare tale diritto, per bilanciare l’interesse dello straniero al mantenimento del nucleo familiare con gli altri valori costituzionali sottesi dalle norme in tema di ingresso e soggiorno degli stranieri.

Così hanno deciso i giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 17942/15.

12 Settembre 2015 · Ludmilla Karadzic

Argomenti correlati: 

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!







Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Immigrazione e presupposti per l’autorizzazione a rimanere in Italia del familiare del minoreAutore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 12 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 12 Settembre 2015 Classificato nelle categorie Numero di commenti e domande: 0. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)