Illegittima segnalazione in centrale rischi privata - Risarcimento

L'Autorità per la tutela della privacy ha già chiarito, nel Provvedimento del 16 luglio 2009, l'obbligo per la banca di fornire un preavviso al debitore circa l'imminente registrazione dei dati in uno o più sistemi di informazioni creditizie private (EURISC CRIF, Experian, CTC, BDCR di Assilea ecc.) al verificarsi di ritardi nei pagamenti.

In particolare, l'articolo 4 comma 7 del codice di deontologia e di buona condotta emanato dall'Autorità per la tutela della privacy, dispone che, al verificarsi di ritardi nei pagamenti, la banca, anche unitamente all'invio di solleciti o di altre comunicazioni, deve avvertire l'interessato circa l'imminente registrazione dei dati in uno o più sistemi di informazioni creditizie. Le informazioni relative al primo ritardo possono essere rese accessibili, nella centrale rischi privata, solo decorsi almeno quindici giorni dalla spedizione del preavviso al debitore.

Il trattamento dei dati relativi all'affidabilità e puntualità nei pagamenti è stato anche, più volte, oggetto di intervento dell'Arbitro Bancario Finanziario, il quale ha stabilito che la segnalazione nelle centrali rischi private è conforme alla legge solamente quando viene provata la circostanza dell'avvenuta ricezione da parte del debitore dell'avviso previsto dalla disposizione del codice deontologico sopra menzionata.

La responsabilità della banca è da ricondurre nell'alveo della cd. "responsabilità da false o inesatte informazioni", area nella quale vengono ricomprese fattispecie eterogenee, il cui elemento caratterizzante è la liceità dell'attività informativa svolta dalla banca.

Il disvalore della condotta, pertanto, non riguarda la diffusione della notizia in sé, ma l'erroneità del dato rilasciato. E' peraltro evidente che, nel caso di erronea segnalazione in una centrale rischi, la banca - attestando la non affidabilità di un soggetto ne compromette la reputazione di "buon pagatore", precludendo o rendendo più oneroso l'accesso al credito. Il comportamento della banca, quindi, da un lato può configurare un illecito extracontrattuale per lesione di un diritto soggettivo perfetto - riconducibile alla categoria dei diritti della personalità (danno all'immagine, alla riservatezza, alla reputazione, etc.) - e, dall'altro lato, in considerazione del rapporto contrattuale in essere, può integrare la violazione degli obblighi di protezione discendenti dalla clausola di buona fede (tra i quali, è ricompreso quello relativo alla verifica della correttezza delle informazioni rese a terzi).

Tale fatto integra in astratto un danno di tipo patrimoniale, quando il debitore oggetto di segnalazione illegittima offra un supporto probatorio che consenta di passare dalla configurazione in astratto del danno alla sua quantificazione in concreto, rendendo possibile una valutazione per via equitativa.

Diversa conclusione può, invece, trarsi in relazione ai danni non patrimoniali. Com'è noto, i danni non patrimoniali, dopo l'intervento delle SS. UU. Dell'11 novembre 2008, possono essere conseguenti sia ad un fatto illecito sia ad un inadempimento contrattuale. E' evidente che l'erronea segnalazione in una centrale rischi privata causa un danno da lesione del diritto alla reputazione di buon pagatore, elemento che può rilevare sia sotto il profilo della reputazione personale sia anche sotto quello della reputazione commerciale.

Dovendosi in questa ipotesi riconoscere la risarcibilità del danno, deve altresì precisarsi che la relativa liquidazione non può che avvenire in via equitativa vertendosi in tema di lesione di valori inerenti alla persona, in quanto tali privi di contenuto economico. Gli elementi da tenere in considerazione, al riguardo, sono sia la gravità della colpa della banca che l'intensità della lesione subita dal soggetto illegittimamente segnalato nella centrale rischi privata.

Così si è espresso l'Arbitro Bancario Finanziario nella decisione numero 2102 del 10 ottobre 2011.

6 maggio 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e preavviso di segnalazione con posta ordinaria - non sempre illegittima l'iscrizione in Centrale Rischi
Secondo la normativa vigente i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi, sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare il segnalando della prossima sua iscrizione in una centrale rischi. Tuttavia circa ...
Risarcimento danni da segnalazione illegittima in Centrale Rischi - il debitore deve dimostrare di non essere un cattivo pagatore
Secondo la normativa vigente, la giurisprudenza civile e quella dell'Arbitro Bancario Finanziario, i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi privata (CRIF, Experian, CTC) sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare ...
Segnalazione in centrale rischi da parte dell'istituto di credito » Ecco quando è illecita
Quando il cliente di un istituto di credito è insolvente, la banca ha l'obbligo di segnalarlo alla Centrale rischi. Ma a volte la segnalazione può essere illecita. Infatti, c'è una procedura da rispettare. Prima della messa a sofferenza, l'istituto di credito deve necessariamente fare una valutazione complessiva del cliente e ...
Segnalazione alla Centrale Rischi di un credito in sofferenza - quando è legittima e quando determina il risarcimento del danno
Ai fini dell'obbligo di segnalazione in centrale rischi che incombe sulle banche, il credito può essere considerato in sofferenza allorché sia vantato nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, anche non accertato giudizialmente o che versino in situazioni sostanzialmente equiparabili, nozione che non si identifica con quella dell'insolvenza fallimentare, ...
Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su illegittima segnalazione in centrale rischi privata - risarcimento. Clicca qui.

Stai leggendo Illegittima segnalazione in centrale rischi privata - Risarcimento Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 6 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di protesto e segnalazione illegittima in centrale rischi Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca