Protesto di assegni e cambiali - Identificazione del debitore

Dal 29 dicembre 2002 sull'effetto cambiario devono essere indicati anche il luogo e la data di nascita o il codice fiscale del debitore (“emittente” in caso di vaglia cambiario e “trattario” nel caso di cambiale). Tale norma è stata introdotta per i casi di omonimia. Il Ministero delle Attività Produttive, ora dello Sviluppo Economico, ha fornito indicazioni al riguardo con Circolare 14 febbraio 2003, numero 3557/C.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca