Una nota sul protesto per mancata accettazione di una tratta

La cambiale tratta, che a differenza del pagherò non contiene una dichiarazione di pagamento ma un ordine da parte del creditore (traente) verso il debitore (trattario), prevede di solito un'accettazione scritta, da apporre da parte del debitore sul titolo stesso tramite firma.

Il debitore/trattario diventa obbligato al pagamento solo se accetta il titolo, e quindi solo in questo caso può essere protestato in caso di mancato pagamento per poi subire azioni di recupero dirette.

Il suo rifiuto di accettare comporta in ogni caso la possibilità , per l'eventuale portatore (a cui per esempio la tratta è stata girata), di esercitare le azioni di recupero sul traente o sugli altri obbligati.

Per far ciò il creditore deve far levare un apposito protesto, detto “protesto per mancata accettazione” (l'azione di regresso può avvenire senza levare il protesto solo se sul titolo vi sia una clausola tipo “senza protesto” o “senza spese”).

Il traente, infatti, oltre a rispondere solidalmente col debitore/accettante del pagamento. risponde anche della sua mancata accettazione.

Questo tipo di protesto, come quello per mancato pagamento, è un atto autentico che dev'essere levato da un notaio o da un pubblico ufficiale autorizzato dopo che è stata constatata la mancata accettazione.  Anche questi protesti vengono pubblicati nel bollettino tenuto dalle camere di commercio.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • maria serra 11 febbraio 2010 at 10:57

    Roma: protestati riabilitati con documenti falsi, 12 arresti delle Fiamme Gialle

    Riabilitavano le persone protestate prive dei necessari requisiti con un sofisticato sistema fraudolento. Questo è quanto scoperto dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Roma.

    Nell’operazione le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria, hanno arrestato dodici persone ed eseguito decine di perquisizioni presso le abitazioni degli indagati e le sedi di numerose societa’.

    Gli arrestati, costituenti un vero e proprio sodalizio criminale, si occupavano di ricostruire la posizione dei soggetti protestati, consentendogli in tal modo di ottenere illecitamente la riabilitazione.

    Il tutto era reso possibile grazie alla produzione di falsa documentazione attestante inesistenti requisiti soggettivi ad opera di compiacenti funzionari pubblici in servizio presso alcuni municipi Capitolini e il Tribunale Civile di Roma.

    Qui, in particolare, operava un cancelliere, oggi in pensione, che assicurava l’emissione dei decreti di riabilitazione. L’esistenza di tale illecito meccanismo ha, nel tempo, determinato una abnorme confluenza, sulla Capitale, di istanze di riabilitazione di soggetti protestati provenienti da tutto il territorio nazionale.

    L’indebita ricostruzione della posizione soggettiva dei protestati si perfezionava mediante: la falsa attestazione della residenza dei protestati a Roma; la formazione di dichiarazioni sostitutive firmate da ignari creditori attestanti l’avvenuto pagamento dei titoli protestati; la produzione di falsi titoli di credito (assegni e cambiali); la formazione di artefatte levate di protesto recanti false firme di notai e inesistenti numeri di repertorio.

    Per la produzione dei falsi documenti, necessari per ottenere il decreto di riabilitazione protesti, i sodali si sono avvalsi anche della collaborazione di alcune stamperie Capitoline che hanno abusivamente riprodotto i sigilli di Stato ed i timbri comunali, utilizzati successivamente per la formazione degli atti falsi. L’attivita’ fraudolenta non si e’ poi limitata al conseguimento della riabilitazione presso il Tribunale Civile.

  • giovanni 21 settembre 2009 at 21:34

    come posso controllare se sono un cattivo pagatore?

  • rosario ingroia 5 settembre 2009 at 18:54

    La normativa che regola la cancellazione del protesto è la nr. 235 del 2000, per procedere alla cancellazione è necessario rivolgersi al Presidente della Camera di Commercio della provincia competente per territorio bisogna inoltare la cosiddetta istanza di cancellazione.

    La cancellazione dal Registro Informatico dei protesti è ammessa nei seguenti casi:

    * dopo aver pagato entro 12 mesi dalla levata del protesto il titolo protestato ( costi comprensivi di oneri ed interessi), questa possibilità è riservata solo in caso di protesto del vaglia cambiario o cambiale o non per gli assegni, l’istanza è richiesta direttamente dal debitore.
    * Nel caso in cui si subisce e dimostri un protesto illegittimo o errato a proprio nome sia di cambiale che di assegno.
    * Sempre in caso di levata del protesto illeggittima o errata a cura dei pubblici ufficiali levatori o dagli Istituti Bancari.

    Nel caso in cui si procede al pagamento del titolo protestato (Vaglia o Cambiale ed Assegno) dopo 12 mesi dal protesto è necessario richiedere ed ottenere la riabilitazione al Tribunale competente per territorio, in seguito è necessario presentare l’istanza di cancellazione al presidente della Camera di Commercio allegando il decreto di riabilitazione, (è necessario che durante questo periodo non si subisca ulteriori protesti); oppure richiedere inserimento nell’archivio (registro informatico dei protesti) informazione di aver provveduto al pagamento.




Cerca