Il pignoramento dello stipendio - una soluzione ottima per consolidare i propri debiti

Non vedo quali motivi abbia lei per preoccuparsi: se non ha proprietà questa è una ottima notizia, per lei.

A mio parere dovrebbero preoccuparsi i creditori. Se lei prende coscienza del suo status di debitore insolvente e della sua ingenua velleità nel voler saldare un debito insaldabile, per i creditori saranno guai.

Smetta immediatamente di pagare (studi recenti hanno dimostrato che pagare i debiti nuoce gravemente alla salute). Se le va proprio malissimo le fanno un decreto ingiuntivo con pignoramento del quinto (il primo creditore procedente becca subito, gli altri tocca che si mettano in fila ad aspettare e le fanno fare anche la macumba perché lei possa campare cent’anni e più).

E dunque pagherà tutto il suo debito con comodissime rate forzate di 280 euro al mese (salvo errori o omissioni). La coscienza la lascerà tranquillo e le resteranno anche i soldi per mangiare, pagare l'affitto e godersi il lusso di una pizza con acqua minerale la domenica sera.

E guardi, che non sto mica scherzando …

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il pignoramento dello stipendio - una soluzione ottima per consolidare i propri debiti. Clicca qui.

Stai leggendo Il pignoramento dello stipendio - una soluzione ottima per consolidare i propri debiti Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca