Indice del post il patto di quota lite e il gioco delle tre carte - il banco vince sempre

Il Consiglio Nazionale Forense (CNF) ha sempre condotto una battaglia non solo ideologica, senza riserve, al patto di quota lite, definendo nel dettaglio le modalità con cui gli iscritti (gli avvocati, per obbligo) possono pattuire il proprio compenso con cliente. In pratica, il CNF ha ritenuto non proponibile l’accordo in cui il cliente promette al proprio legale, ad esempio, il 20% di quanto il giudice gli riconoscerà in sentenza nei confronti della controparte, mentre ha dato la propria benedizione al patto con cui il cliente promette all'avvocato il 20% di quanto egli, nella domanda giudiziale, chiede alla controparte, sebbene [ ... leggi tutto » ]

Capita però che, inaspettatamente, il cliente porti a casa un accordo transattivo con la controparte, ottenendo, a chiusura della lite, un importo molto più elevato di quello, presunto, che era stato richiesto nella domanda giudiziale. Apriti cielo! L'avvocato ricorre fino alla Corte Suprema, per vedersi riconoscere il diritto ad un onorario stabilito non secondo i canoni fissati dal CNF, ma, udite, udite, in percentuale al valore effettivo della causa. Insomma, proprio secondo quello che era l'obiettivo, prima che fosse snaturato dal CNF, del patto di quota lite introdotto da Bersani con le liberalizzazioni del 2006 (le famose lenzuolate). Ed [ ... leggi tutto » ]

Fatto sta, comunque, che i giudici della Corte di cassazione, con la sentenza 20302/14, hanno dato ragione all'avvocato e torto al suo cliente, il quale pretendeva, ohibò, di corrispondere al proprio legale un onorario commisurato al lavoro svolto secondo le tariffe professionali che, peraltro, vengono fissate dal CNF. Secondo i giudici di legittimità è da ritenersi ingiustificata la liquidazione del compenso dovuto sulla base del valore della domanda quando notevolmente divergente da quello della causa. In questo caso è necessario liquidare gli onorari a carico del cliente in base al valore effettivo della controversia perché tale valore risulta manifestamente [ ... leggi tutto » ]

10 ottobre 2014 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il patto di quota lite - vietato anche a ragionieri e commercialisti se svolgono attività di patrocinio nelle commissioni tributarie
Una delle numerose novità introdotte nel panorama delle liberalizzazioni dal decreto Bersani del 2006, riguardava l'abolizione del divieto del patto di quota lite. Questo patto altro è un accordo tra avvocato e cliente in base al quale si attribuisce al primo, quale compenso della sua attività professionale, una parte (quota) ...
Patto di quota lite - l'avvocato non può pretendere un compenso percentualmente rapportato al danno risarcito al cliente
Il patto di quota lite è l'accordo che può intervenire fra avvocato e cliente in virtù del quale il primo percepisce, quale compenso per l'attività espletata, una quota del bene oggetto della lite, a risultato ottenuto. Secondo il Consiglio nazionale Forense è illecito l'accordo volto a spartirsi il ricavato al ...
Stop al patto di quota lite » Le disposizioni del Consiglio Nazionale Forense
Stop al patto di quota lite: validi i patti sui compensi parametrati ai risultati conseguiti, aventi ad oggetto, non una quota del bene oggetto della prestazione o della ragione litigiosa, ma una percentuale del valore del bene controverso o del bene stesso. Il patto di quota lite è, o meglio ...
Prescrizione ordinaria del diritto dell'avvocato al pagamento dell'onorario in caso di morte del cliente
La prescrizione del diritto dell'avvocato al pagamento dell'onorario decorre non solo dalla decisione della lite, dalla conciliazione delle parti o dalla revoca del mandato o ancora dall'ultima prestazione resa (in caso di rapporto di assistenza legale non portato a termine), ma anche dal momento in cui, per qualsiasi causa, cessi ...
Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Decorrenza degli interessi moratori per la parcella contestata
In tema di liquidazione di diritti ed onorari di avvocato e procuratore a carico del cliente, la disposizione comune alle tre tariffe forensi (civile, penale e stragiudiziale) prevede che gli interessi di mora decorrano dal terzo mese successivo all'invio della parcella. Tuttavia quando insorge controversia tra l'avvocato ed il cliente ...

Spunti di discussione dal forum

Pignoramento immobile in comunione
Se la banca creditrice della moglie (separata) del mio cliente pignora un immobile che ricade in comunione legale cosa si può fare? Preciso che non è stato dato alcun avviso al mio cliente! Deve essere fissata ancora l'udienza di vendita. Inoltre il valore del credito è nettamente inferiore a quello…
Come procedere se un avvocato nega di aver ricevuto acconti per l’assistenza tecnica nel contenzioso e pretende l’intera parcella?
Vorrei sapere se un avvocato possa pretendere un compenso superiore liquidato in sentenza dal giudice e se può far finta di non aver ricevuto acconti in questi anni di causa pretendendo tutta la cifra delle spese legali.
Accordo per evitare sfratto con inserimento clausola ricattatoria
Sto cercando di dare in affitto d'azienda l' attività per cui ho presentato domanda legge 3/2012. La rata servirà a presentare un piano di accordo con i creditori. Ero disponibile a firmare un accordo con il padrone del fondo tramite i nostri avvocati per sospendere la procedura di sfratto fino…
Mutuo cointestato ex moglie e casa cointestata con ex cognato dopo donazione
Sono legalmente separato dopo una causa giudiziale quindi non consensuale durata tre anni: purtroppo sia in primo grado che in appello non e' stato recepito un accordo sottoscritto davanti al giudice di primo grado ed in presenza degli avvocati in cui la mia ex cedeva il suo 50% della ex…
Debito con avvocato, ma sono disoccupato e nullatenente
Mi trovo in una situazione spiacevole, ho un debito con un avvocato di circa 1500 euro, un debito risalente a circa 4 anni fa per una causa assurda che non sto qui a spiegarvi; partendo dal presupposto che l'avvocato in questione mi aveva dato la sua parola che io non…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post il patto di quota lite e il gioco delle tre carte - il banco vince sempre. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Il patto di quota lite e il gioco delle tre carte - Il banco vince sempre Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 10 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria difendersi dai creditori con il gratuito patrocinio - assistenza legale Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca