Il mutuo a tasso misto

Indice dei contenuti dell'articolo


Tasso variabile e tasso fisso per il mutuo? - Esiste anche il tasso misto

In fatto di mutui, si tende sempre a parlare di due grandi tipologie di finanziamento: a tasso variabile e a tasso fisso, a cui, però si può aggiungere un meno noto e poco sfruttato tasso misto. A ricordare l'esistenza di questo tipologia di mutuo è il Codacons che ribadisce ai consumatori quali vantaggi offra questo tipo di tasso.

In breve, per fare un distinguo, il mutuo "fisso" prevede che una volta stabilito il tasso e sottoscritto il contratto, si abbia la sicurezza della rata che resta invariata per tutta la durata del finanziamento. Quello "variabile", invece, è composto da una parte fissa (spread contrattuale) e una variabile (Euribor) che non è possibile conoscere a priori. Ogni mese la rata da pagare viene calcolata in base all'andamento dell'Euribor che tende ad aumentare quando c'è il rischio di inflazione.

In realtà non esiste un "tasso migliore" ma esiste certamente quello più adatto ad una determinata situazione finanziaria. Per scegliere la forma di finanziamento più adatta bisogna basarsi sulla variabilità del proprio reddito e, se si ha passione, sarebbe utile conoscere i mercati e il loro andamento.

Caratteristiche del mutuo a tasso misto

Il Codacons, infatti, sostiene che pochi cittadini conoscano l'esistenza del mutuo a tasso misto. Si tratta - spiega l'Associazione dei Consumatori - di contratti che consentono al mutuatario di passare da una rata costante ad una variabile e viceversa, durante tutta la vita del contratto.

Poco pubblicizzata dalle banche italiane questa forma di mutuo, se utilizzata in modo accorto, può portare vantaggi economici ai mutuatari ? spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi.

Con il mutuo a tasso misto, il cittadino, spiega una nota del Codacons, ha la possibilità di modificare la misura iniziale degli interessi nel corso della durata del mutuo, ad esempio sulla base delle aspettative circa l'andamento del costo del denaro. In tal modo l'utente può gestire in modo attivo il rischio di tasso, contenendo gli effetti dei rialzi in caso di tasso variabile e di ribassi in caso di tasso fisso.

Ne consegue che, in base al contratto di mutuo stipulato, il mutuatario può optare, in base alle aspettative sull'andamento del costo del denaro, di scegliere per il tasso fisso o per quello variabile cercando così di contenere l'aumento delle rate quando i tassi di interesse tendono a salire.

Periodicamente, dunque, (di norma ogni 2, 3 o 5 anni) o una volta soltanto, il mutuatario ha la facoltà di mantenere il tipo di tasso oppure di cambiarlo. Da notare che il livello dei tassi non è predefinibile in partenza ma è quello che esiste sul mercato nel momento in cui viene esercitata l'opzione.

Il consiglio

Il tasso misto è consigliabile ha chi ha una certa dimestichezza con l'andamento dell'economia e riesce a guadagnare nel passare da uno o l'altro anticipando l'andamento del mercato.

20 Agosto 2013 · Piero Ciottoli


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo a tasso misto - vantaggi e svantaggi
Il mutuo a tasso misto è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso misto consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo a tasso misto è anche un contratto reale, perché si perfeziona con la consegna del denaro prestato al mutuatario. Il mutuo a tasso misto si definisce ipotecario quando la parte che presta il denaro, a garanzia della restituzione dello stesso, iscrive un'ipoteca su un bene di proprietà del mutuatario oppure di ...

Mutuo a tasso fisso e rata costante
Il mutuo a tasso fisso e rata costante è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso fisso e rata costante consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo a tasso fisso e rata costante è anche un contratto reale, perché si perfeziona con la consegna del denaro prestato al mutuatario. Il mutuo a tasso fisso e rata costante si definisce ipotecario quando la parte che presta il denaro, a garanzia della restituzione dello ...

Mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile (affitto o soffietto) – aspetti positivi e negativi
Il mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile è anche un contratto reale, perché si perfeziona con la consegna del denaro prestato al mutuatario. Il mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile si definisce ipotecario quando la parte che ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il mutuo a tasso misto. Clicca qui.

Stai leggendo Il mutuo a tasso misto Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 20 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 27 Giugno 2020 Classificato nella categoria tipologie e tassi di interesse del mutuo Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti