Il fondo antiusura ADICONSUM e lo sportello famiglia

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

A chi si rivolge il Fondo e come fare la richiesta

Il Fondo di prevenzione usura gestito da Adiconsum opera a livello nazionale, e tutti gli interessati possono contattare direttamente alla sede nazionale di Adiconsum.

Il Fondo si rivolge esclusivamente alle famiglie, non imprese, che si trovano in situazioni di difficoltà economica (sovraindebitamento) e che per questa difficoltà non sono più in grado di coprire con le loro entrate mensili tutte le spese necessarie per il sostentamento del nucleo familiare (vitto, fitto, rata del mutuo, bollette, spese sanitarie, ecc.).

Per accedere al Fondo e poter ottenere garanzie, il Ministero del Tesoro ha individuato alcuni criteri guida che dovranno seguire i garanti per valutare la meritevolezza del richiedente.

La valutazione delle richieste, la selezione e l’istruttoria delle pratiche saranno curate dal Fondo antiusura Adiconsum impegnato da anni, anche attraverso lo “Sportello Famiglia”, nelle prevenzione, la lotta all’usura, al sovra indebitamento e per l’utilizzo responsabile del denaro.

I prestiti personali verranno erogati da Fiditalia secondo i criteri e le modalità di accesso adottati dal Regolamento attuativo stabilito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Tra le condizioni di accesso al Fondo:

  1. effettivo stato di bisogno del richiedente e serietà della ragione dell’indebitamento
  2. capacità di rimborso del finanziamento concesso
  3. entità dell’indebitamento non superiore a 26.000 euro (escludendo il mutuo casa se in regola con i pagamenti delle rate)
  4. sottoscrizione del debito per esigenze personali, e non per conto di esigenze d’impresa.

Se volete mettervi in contatto diretto con ADICONSUM per avere ulteriori informazioni potrete farlo scrivendo una lettera a: Adiconsum Via Lancisi numero 25 – 00161 Roma, oppure chiamando il numero telefonico 06 44 17 02 38/7 dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 10-13, o, anche* inviando un fax al numero 06.44 17 02 30.

Il contatto può essere stabilito anche via email, inviando comunicazioni all’indirizzo di posta elettronica: prevenzioneusura@adiconsum.it

Non appena avrete ricevuto tutte le necessarie informazioni da parte degli operatori ADICONSUM, e una volta stabilita la presenza dei requisiti necessari per accedere al Fondo, potrete presentare la domanda per l’ottenimento della garanzia.

Il Comitato

E’ una commissione presieduta da un Presidente e da una serie di esperti che vantano competenze specifiche nelle materie, finanziarie, giuridiche e sociali.

Il Comitato una volta valutata la presenza o meno dei requisiti delibera la concessione o la mancata concessione della garanzia utile per l’attivazione del finanziamento.

La risposta del Comitato viene fornita tramite lettera raccomandata.

Contemporaneamente il Comitato invia una comunicazione scritta (con allegata documentazione) alla banca convenzionata, che dopo un ulteriore esame della richiesta, concede il prestito alle condizioni previste dalla convenzione stipulata tra il Fondo e la banca.

Lo Sportello Famiglia

Lo Sportello Famiglia, fornisce consulenza e supporto psicologico gratuito, per un massimo di 10 incontri, alle famiglie sovraindebitate che presentano domanda di accesso al fondo di prevenzione usura gestito da Adiconsum.

Per le famiglie o gli utenti fuori sede, lo sportello provvede, oltre all’accoglimento e alla ridefinizione della richiesta di aiuto, anche all’accompagnamento e all’invio delle stesse presso strutture pubbliche del territorio di residenza, in particolar modo presso specialisti o strutture che possano adeguatamente rispondere alle particolari esigenze dell’utenza.

Per accedere al servizio è sufficiente:

  1. presentare la domanda di accesso al fondo di prevenzione usura
  2. telefonare per prendere appuntamento

Dopo aver ricevuto la richiesta di accesso al fondo, sarà dato avvito agli incontri di consulenza che si svolgeranno presso la sede nazionale di Adiconsum, o tramite colloqui telefonici per quanti, essendo fuori sede, debbano essere inviati presso strutture pubbliche del territorio di residenza.

Il percorso di consulenza psicologica non influenza in alcun modo l’esito della domanda di accesso al fondo presentata presso Adiconsum e sarà portato a termine indipendentemente dall’eventuale esito negativo della stessa.

 

20 Maggio 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Usura – i fondi antiusura
Si tratta di un prestito ad interesse zero da restituire in dieci anni, il cui importo è commisurato al danno subito dal debitore nel rapporto usurario. Questo fondo è destinato a consentire il reinserimento delle vittime nel circuito dell'economia legale. Il termine per la presentazione della domanda di accesso al fondo è di sei mesi, calcolati dal giorno in cui la vittima ha notizia dell'inizio delle indagini per il delitto di usura. La domanda va presentata alla Prefettura della località in cui si è verificato il reato di usura. Il mutuo è destinato a tutti coloro che esercitano un'attività imprenditoriale, ...

Pignoramento di un immobile inserito in un fondo patrimoniale » Rientrano fra i bisogni della famiglia le bollette condominiali
Può essere disposto il pignoramento per una casa, inserita in un fondo patrimoniale, a causa di debiti contratti per oneri condominiali non corrisposti. Sono soggetti a esecuzione forzata i beni del fondo patrimoniale in caso di debiti contratti per i bisogni della famiglia tra i quali rientra il mancato pagamento degli oneri condominiali. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 23163/14. Da quanto si apprende dalla pronuncia esaminata, qualora i coniugi siano morosi per oneri condominiali, l'eventuale destinazione del bene immobile nel fondo patrimoniale, non li salva dall'esecuzione forzata, iniziata con ipoteca e finita con il ...

Concessione prestito garantito dal Fondo nazionale per le vittime di usura
Avendo ottenuto il benestare con un'associazione per avere la garanzia per un prestito personale tramite il fondo per il sovraindebitamento e l'usura, sono ora in attesa che la banca convenzionata mi convochi per l'erogazione del finanziamento. Essendo io iscritto nelle banche dati varie come cattivo pagatore, è possibile che la banca possa rifiutarsi di concedere il finanziamento anche con un solido garante come l'Associazione? Tale finanziamento servirà proprio a chiudere le posizioni debitorie. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il fondo antiusura adiconsum e lo sportello famiglia. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Giuseppe Vallarelli 10 Febbraio 2011 at 17:27

    Mi sono rivolto al vostro ufficio di Milano….. Cordiali saluti

    • cocco bill 10 Febbraio 2011 at 19:19

      Sarà, Massimo. Ma noi non abbiamo uffici a Milano e non abbiamo rapporti con ADICONSUM. Comunque, in bocca al lupo per i suoi problemi. Speriamo trovino adeguata soluzione.

  • cocco bill 14 Gennaio 2011 at 14:57

    Solo per precisare. Noi di indebitati.it non abbiamo alcun legame con ADICONSUM ed, in ogni caso, non disponiamo di uffici, nè a Milano nè altrove.