Il dramma del gioco d'azzardo in Italia

Il vizio del gioco d'azzardo interessa circa il 27% degli italiani, che arrivano a giocare più di tre volte alla settimana spendendo oltre 500 euro. Scommesse on-line le più ambìte, poi slot-machine, lotto e superenalotto. Sono i dati emersi da una ricerca pubblicata dal Conagga, Coordinamento nazionale gruppi per giocatori d'azzardo, che denunciano: “il gioco d'azzardo dà dipendenza”.

Al microfono di Alessandra De Gaetano il presidente del Conagga, Matteo Iori, ne traccia un identikit.

R. - Un giocatore d'azzardo che ha problemi di patologia più rilevanti, risulta essere una persona sui 40-50 anni, comunque con un lavoro, integrato, con una rete sociale, e costoro sono appunto le persone che dichiarano di spendere di più e con maggior frequenza. Quello che però ci preoccupa di più sono anche coloro che non spendono tantissimo, però sono molto frequenti al gioco e passano molte delle proprie ore davanti a qualche tipologia di gioco, soprattutto quando non hanno risorse economiche.


D. - Quali sono le situazioni che inducono al gioco d'azzardo?


R. - Più è grave il periodo di recessione economica più proprio coloro che hanno meno risorse cercano di trovare una via attraverso il gioco d'azzardo.


D. - Il giocatore d'azzardo, giovane o adulto, può mettere in atto comportamenti deviati?


R. - I comportamenti deviati si vedono solo negli adulti, nel senso che sono gli adulti che, a un certo punto, quando restano imbrigliati all'interno della spirale del gioco, per trovare denaro devono fare anche cose legate a qualche forma di eventuale delinquenza, come possono esser truffe o possono essere raggiri per trovare i soldi; perché generalmente, un giocatore prima di tutto prova a trovare i soldi in famiglia.


D. - Quali sono le conseguenze del comportamento deviato del giocatore sulla famiglia?


R. - Il giocatore si ritrova a distruggere i rapporti familiari, i rapporti col contesto lavorativo.


D. - Come uscire dalla dipendenza indotta dal gioco?


R. - La prima cosa è la consapevolezza del fatto che sia un problema: questo permette di chiedere aiuto.


D. - Lo Stato, spesso responsabile dell'induzione al comportamento, come potrebbe intervenire per diminuire il problema?


R. - Lo Stato interviene sempre pro gioco d'azzardo; su 49 miliardi spesi nel gioco d'azzardo nel 2008, sono 7 quelli che vanno allo Stato. Potrebbe, prima di tutto, riconoscere il gioco d'azzardo come una dipendenza, secondo mettere in campo delle azioni informative vere, di prevenzione per i più giovani, e inoltre permettere che i propri servizi, le Usl, i Ser - che sono i servizi che seguono le dipendenze - possano avere anche dei fondi per trattare questo, nel senso che è assurdo che se una persona utilizza alcol o utilizza droghe possa fare un percorso anche in comunità, ma se un giocatore non ha risorse, non ha nessuno che gli dà una mano, sempre che non abbia la fortuna d'incrociare sul territorio qualche volontario o qualcuno esperto su questo.

13 gennaio 2009 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Link a ritroso

Stai leggendo Il dramma del gioco d'azzardo in Italia Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 13 gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Paolo redattore quote calcio 21 giugno 2009 at 22:56

    I giochi d’azzardo e le lotterie sono un problema mondiale. Cina, Corea, Danimarca, Gran Bretagna e Italia sono tra i paesi nel quale il gioco d’azzardo diventa spesso un problema. Sui siti internet è da sottolineare il fatto che i siti più famosi offrono assistenza ai dipendenti al gioco e limitano il deposito ogni 24 ore. Vuol dire che un utente, non può giocare più di una certa cifra al giorno.

  • Paolo redattore quote calcio 21 giugno 2009 at 22:56

    I giochi d’azzardo e le lotterie sono un problema mondiale. Cina, Corea, Danimarca, Gran Bretagna e Italia sono tra i paesi nel quale il gioco d’azzardo diventa spesso un problema. Sui siti internet è da sottolineare il fatto che i siti più famosi offrono assistenza ai dipendenti al gioco e limitano il deposito ogni 24 ore. Vuol dire che un utente, non può giocare più di una certa cifra al giorno.

  • Paolo redattore quote calcio 21 giugno 2009 at 22:56

    I giochi d’azzardo e le lotterie sono un problema mondiale. Cina, Corea, Danimarca, Gran Bretagna e Italia sono tra i paesi nel quale il gioco d’azzardo diventa spesso un problema. Sui siti internet è da sottolineare il fatto che i siti più famosi offrono assistenza ai dipendenti al gioco e limitano il deposito ogni 24 ore. Vuol dire che un utente, non può giocare più di una certa cifra al giorno.

  • costy 17 febbraio 2009 at 15:41

    voglio smettere

  • costy 17 febbraio 2009 at 15:40

    sono caduta nel gioco d azzardo un amica mi ha portato a questo

  • ida maria 13 gennaio 2009 at 11:00

    il gioco d’azzardo è davvero un problema.
    credo però che lo stato italiano sia uno dei fautori di questa “piaga sociale”.
    mi sembra una contraddizione la pubblicità a tappeto di lotto e super-enalotto in tv quando la gente non ha soldi per mangiare, quando a metà mese siamo già senza stipendi.
    eppure…..le tabaccherie sono piene di persone che giocano.
    capisco che il miraggio di una vita migliore fa gola a tutti ma quando tentare la fortuna diventa un chiodo fisso…. è lo stato che dovrebbe intervenire e cercare di arginare il problema.
    è un po quello che accade per le sigarette: “IL FUMO UCCIDE E NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE” però parte degli introiti di quella vendita finisce nelle casse dello stato ed è lo stato stesso che ne permette la vendita.
    boh… io credo che solo un genitore incosciente da in mano ad un bambino un coltello e gli dice di stare attento a non farsi male!




Cerca