Il diritto di interpello ed il silenzio assenso

Diritto di interpello ed il silenzio assenso - Le diverse tipologie di interpello

Il contribuente può interpellare l'amministrazione per ottenere una risposta riguardante fattispecie concrete e personali relativamente a:

  1. l'applicazione delle disposizioni tributarie, quando vi sono condizioni di obiettiva incertezza sulla corretta interpretazione di tali disposizioni e la corretta qualificazione di fattispecie alla luce delle disposizioni tributarie applicabili alle medesime, ove ricorrano condizioni di obiettiva incertezza;
  2. la sussistenza delle condizioni e la valutazione della idoneità degli elementi probatori richiesti dalla legge per l'adozione di specifici regimi fiscali nei casi espressamente previsti;
  3. l'applicazione della disciplina sull'abuso del diritto ad una specifica fattispecie.

Il contribuente interpella l'amministrazione finanziaria anche per la disapplicazione di norme tributarie che, allo scopo di contrastare comportamenti elusivi, limitano deduzioni, detrazioni, crediti d'imposta, o altre posizioni soggettive altrimenti ammesse dall'ordinamento tributario, fornendo la dimostrazione che nella particolare fattispecie tali effetti elusivi non possono verificarsi.

Nei casi in cui non sia stata resa risposta favorevole, resta comunque ferma la possibilità per il contribuente di fornire la dimostrazione che nella particolare fattispecie non possono verificarsi effetti elusivi anche ai fini dell'accertamento in sede amministrativa e contenziosa.

L'amministrazione risponde alle istanze di cui alla lettera a) nel termine di novanta giorni e a quelle di cui alle lettere b) e c) nel termine di centoventi giorni. Sempre nel termine di 120 giorni è prevista la risposta all'interpello riguardante la disapplicazione di norme tributarie

La risposta, scritta e motivata, vincola ogni organo della amministrazione con esclusivo riferimento alla questione oggetto dell'istanza e limitatamente al richiedente.

Quando la risposta non è comunicata al contribuente entro il termine previsto, il silenzio equivale a condivisione, da parte dell'amministrazione, della soluzione prospettata dal contribuente.

Gli atti, anche a contenuto impositivo o sanzionatorio difformi dalla risposta, espressa o tacita, sono nulli. Tale efficacia si estende ai comportamenti successivi del contribuente riconducibili alla fattispecie oggetto di interpello, salvo rettifica della soluzione interpretativa da parte dell'amministrazione con valenza esclusivamente per gli eventuali comportamenti futuri dell'istante.

L'amministrazione finanziaria deve portare a conoscenza dei contribuenti, tempestivamente e con i mezzi idonei, tutte le circolari e le risoluzioni da essa emanate, nonchè ogni altro atto o decreto che dispone sulla organizzazione, sulle funzioni e sui procedimenti. Non ricorrono condizioni di obiettiva incertezza quando l'amministrazione ha compiutamente fornito la soluzione per fattispecie corrispondenti a quella rappresentata dal contribuente mediante le risoluzioni e le circolari pubblicate.

La presentazione delle istanze di interpello non ha effetto sulle scadenze previste dalle norme tributarie, nè sulla decorrenza dei termini di decadenza e non comporta interruzione o sospensione dei termini di prescrizione.

L'amministrazione provvede alla pubblicazione mediante la forma di circolare o di risoluzione delle risposte rese nei casi in cui un numero elevato di contribuenti abbia presentato istanze aventi ad oggetto la stessa questione o questioni analoghe fra loro, nei casi in cui il parere sia reso in relazione a norme di recente approvazione o per le quali non siano stati resi chiarimenti ufficiali, nei casi in cui siano segnalati comportamenti non uniformi da parte degli uffici, nonchè in ogni altro caso in cui ritenga di interesse generale il chiarimento fornito.

Resta ferma, in ogni caso, la comunicazione della risposta ai singoli istanti.

Il diritto di interpello - A chi va presentata l'istanza

Le istanze di interpello riguardanti i tributi erariali vanno presentate alla Direzione Regionale competente in relazione al domicilio fiscale del soggetto istante. Le istanze concernenti l'imposta ipotecaria dovuta in relazione agli atti diversi da quelli di natura traslativa, le tasse ipotecarie e disposizioni o fattispecie di natura catastale vanno presentate alla Direzione Regionale nel cui ambito opera l'ufficio competente ad applicare la norma tributaria oggetto di interpello.

In via transitoria fino al 31 dicembre 2017, le istanze di interpello riguardanti l'applicazione della disciplina sull'abuso del diritto ad una specifica fattispecie, andranno presentate direttamente alla Direzione centrale Normativa.

In ogni caso, se l'istanza d'interpello viene presentata ad ufficio diverso da quello competente, essa verrà trasmessa tempestivamente all'ufficio competente. In tal caso, tuttavia, il termine per la risposta inizierà a decorrere dalla data di ricezione dell'istanza da parte dell'ufficio competente. Della data di ricezione dell'istanza da parte dell'ufficio competente sarà data notizia al contribuente.

L'istanza di interpello, redatta in forma libera ed esente da bollo, è presentata dal contribuente agli uffici competenti con la consegna a mano, la spedizione a mezzo plico raccomandato con avviso di ricevimento, la presentazione per via telematica attraverso l'impiego della posta elettronica certificata, ovvero attraverso l'utilizzo di un servizio telematico erogato in rete dall'Agenzia delle Entrate.

L'istanza di interpello deve sottoscritta con firma autografa, ovvero, nei casi in cui il documento è trasmesso via posta elettronica certificata con firma digitale oppure accompagnate da copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. Nei casi in cui il documento è trasmesso attraverso l'impiego di un servizio telematico erogato in rete, l'istanza si intende sottoscritta in virtù delle modalità di accesso con codice di identificazione personale (PIN - Personal idenfication Number).

Qui gli indirizzi di posta elettronica certificata degli uffici competenti a ricevere istanza di interpello.

Il contenuto dell'istanza di interpello

L'istanza deve espressamente fare riferimento alle disposizioni che disciplinano il diritto di interpello e deve contenere:

  1. i dati identificativi dell'istante ed eventualmente del suo legale rappresentante, compreso il codice fiscale;
  2. l'indicazione della tipologia di interpello (si veda la prima sezione dell'articolo);
  3. la circostanziata e specifica descrizione della fattispecie;
  4. le specifiche disposizioni di cui si richiede l'interpretazione, l'applicazione o la disapplicazione;
  5. l'esposizione, in modo chiaro ed univoco, della soluzione proposta;
  6. l'indicazione del domicilio e dei recapiti anche telematici dell'istante o dell'eventuale domiciliatario presso il quale devono essere effettuate le comunicazioni dell'amministrazione e deve essere comunicata la risposta;
  7. la sottoscrizione dell'istante o del suo legale rappresentante ovvero del procuratore (generale o speciale) incaricato. In questo ultimo caso, se la procura non è contenuta in calce o a margine dell'atto, essa deve essere allegata allo stesso.

All'istanza di interpello è allegata copia della documentazione, non in possesso dell'amministrazione procedente o di altre amministrazioni pubbliche indicate dall'istante, rilevante ai fini della risposta. Nei casi in cui la risposta presupponga accertamenti di natura tecnica, non di competenza dell'amministrazione procedente, alle istanze devono essere allegati altresì i pareri resi dall'ufficio competente.

Nei casi in cui le istanze siano carenti dei requisiti di cui alle lettere b), d), e), f) e g), l'amministrazione invita il contribuente alla loro regolarizzazione entro il termine di 30 giorni. I termini per la risposta iniziano a decorrere dal giorno in cui la regolarizzazione è stata effettuata.

Se la regolarizzazione non viene effettuata entro i 30 giorni, l'istanza di interpello è dichiarata inammissibile.

7 gennaio 2016 · Ludmilla Karadzic


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Interpello - Obbligo di risposta entro 90 giorni e applicazione della regola del silenzio assenso
Nell'ambito delle deleghe fiscali conferite al governo dalla legge 23/14, sono stati approvati, con il decreto 83/15, alcuni importanti provvedimenti in materia di interpello. Il decreto, in coerenza con quanto disposto dalla legge delega, intende potenziare e razionalizzare l'istituto dell'interpello per dare ai contribuenti certezza circa i tempi di risposta ...
Interpello - Come funzionerà a partire da gennaio 2016
Il contribuente può interpellare l'amministrazione fiscale per ottenere una risposta riguardante fattispecie concrete e personali relativamente: all'applicazione delle disposizioni tributarie, quando vi sono condizioni di obiettiva incertezza sulla corretta interpretazione di tali disposizioni e la corretta qualificazione di fattispecie alla luce delle disposizioni tributarie applicabili alle medesime, ove ricorrano condizioni ...
Interpello - Nulli gli atti impositivi e sanzionatori in contrasto con l'interpretazione fornita dal Fisco
Come sappiamo, attraverso la presentazione di un'istanza di interpello il contribuente ha la possibilità di conoscere il parere dell'Amministrazione finanziaria sul significato da attribuire alle norme che disciplinano la materia tributaria riguardo ad un caso concreto e personale sul quale sussistono obiettive condizioni di incertezza. La risposta dell'ufficio finanziario all'istanza ...
Interpello ordinario » Ecco di cosa si tratta: piccolo prontuario
L'interpello è un'istanza che il contribuente rivolge all'Agenzia delle Entrate prima di attuare un comportamento fiscalmente rilevante, per ottenere chiarimenti in merito all'interpretazione di una norma obiettivamente incerta, relativa a tributi erariali, da applicare a casi concreti e personali. L'istituto dell'interpello ordinario è previsto dall'articolo 11 della legge numero 212/2000 ...
Interpello – la richiesta di chiarimento ed interpretazione sull'applicazione delle norme fiscali
Attraverso la presentazione di un'istanza di interpello il cittadino ha la possibilità di interpellare l'Amministrazione finanziaria per conoscere la soluzione da dare al suo caso concreto e personale sul quale sussistono obiettive condizioni di incertezza. L'interpello è uno strumento prezioso per migliorare il rapporto con l'Amministrazione finanziaria: il contribuente non ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il diritto di interpello ed il silenzio assenso. Clicca qui.

Stai leggendo Il diritto di interpello ed il silenzio assenso Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 7 gennaio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria come chiedere chiarimenti al fisco con l'interpello Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca