È escluso che il pignoramento sia nullo - La possibilità di conversione del pignoramento sarà tutelata altrimenti

È smentita la tesi secondo cui il pignoramento presso terzi sarebbe un procedimento speciale rispetto a quello "generale" dell'espropriazione mobiliare e dunque non richiederebbe la necessità di avvertire il debitore della facoltà di conversione.

L'articolo 492 Cc negli ultimi anni è stato modificato dalla legge 80/2005, modificata dalla legge 263/05 e dalla legge 52/2006 che hanno aggiunto numerose altre disposizioni.

Risultato: l"avvertimento ex articolo 492, comma 3, Cpc è necessario è un elemento che deve essere contenuto in ogni atto di pignoramento, a prescindere dalla forma particolare che esso debba rivestire in ragione della natura del bene pignorato.

Se l'avviso al debitore dovesse mancare, la nullità dell'atto di pignoramento va esclusa perché l'interesse del debitore a essere informato delle modalità e del termine per avanzare un'utile istanza di conversione può essere soddisfatto altrimenti nel corso della procedura esecutiva.

Ma a patto che ciò avvenga prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione a norma degli articoli 530, 552 e 569 Cc. Altrimenti scatta l'opposizione agli atti esecutivi.

Per fare una domanda agli esperti vai al forum

Per approfondimenti, accedi alle sezioni tematiche del blog

1 settembre 2013 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • breezer 26 febbraio 2013 at 18:16

    Grazie per la risposta.

    Mi chiedo solo perché il messo sia stato così zelante nei miei confronti e non con mia madre e mia sorella ad esempio, che sono nella stessa situazione. Forse perché io ho votato e loro no? (hanno notato il mio voto con il vecchio domicilio)
    Per la posta ho già richiesto al postino che mi arrivi qui dai miei nonni, dove sono temporaneamente.
    Cosa si rischia se non si dichiara la nuova residenza?
    Posso dare un domicilio “temporaneo”, visto che me ne andrò ad Aprile? Non so, avvisare la polizia municipale?

    Grazie

    • Ornella De Bellis 26 febbraio 2013 at 18:50

      Guardi che c’è un equivoco di fondo. Evidentemente il messo la conosce e si è premurato di avvertirla. Non ritirare un atto notificato per temporanea irreperibilità rappresenta solo uno svantaggio per il destinatario, che non saprà “di che morte dovrà morire”. La procedura va avanti ugualmente, sia che lei firmi e ritiri, sia che lei sia assente. La prossima volta che lo incontra, offra un caffè al messo, magari riuscirà ad ottenere la cortesia di sapere, al suo ritorno, se le sono stati notificati atti e da chi.

      A nessuno interessa se lei dichiari o meno una residenza dove qualcuno (un familiare) possa ritirare eventuali atti che le verranno notificati (e, semmai, avvertirla per tempo). E’ un suo interesse precipuo. Se lascia la residenza all’ultimo domicilio conosciuto non fa danni (se non a lei) e non viola obblighi.

      Al massimo potrà capitare che il comune avvii la procedura per sancire la sua irreperibilità assoluta, visto che a quell’indirizzo il nuovo affittuario potrebbe dichiarare che lei non vi risiede. Ma non cascherà il mondo per questo e lei, di certo, non andrà al “gabbio”.

  • breezer 26 febbraio 2013 at 17:16

    Salve, una domanda che spero sia più o meno pertinente.

    Sto viaggiando spesso all’estero, in sudamerica, dove sto per trasferirmi definitivamente. Starò lì il più tempo possibile, ma per ora, non avendo ancora ottenuto i documenti, potrò stare solo tre mesi e poi uscire dal paese. Detto ciò, nel frattempo ho lasciato il vecchio affitto e quando vengo in Italia sto (a turno) dai parenti. ieri mi ha trovato, tramite mio zio, un messo comunale che dice sostanzialmente che devo dichiarare dove sto se no “perdo i documenti”. Io vorrei evitare di mettere una residenza dai miei parenti, soprattutto perché qui ci sto veramente poco (sarebbe sostanzialmente residenza fittizia), ma anche perché ho un debito con ENI per un conguaglio spropositato che mi sono rifiutato di pagare. Che devo fare? so che c’è l’AIRE, ma da quanto ne so non posso iscrivermi se non risiedo almeno un anno continuativamente nel paese straniero. Cosa mi consigliate?

    • Ornella De Bellis 26 febbraio 2013 at 17:53

      Se queste sono le condizioni, c’è da fare ben poco, atteso che le interessa venire a conoscenza di eventuali notifiche perfezionatesi correttamente causa temporanea irreperibilità del destinatario. Ogni volta che rientra in Italia dovrà recarsi all’ufficio postale dove vengono depositati gli atti in attesa della compiuta giacenza, a quello preposto all’albo pretorio comunale nonché presso le agenzie territorialmente competenti di Equitalia e delle Entrate, allo scopo di verificare … se c’è posta per lei.

  • vehuel 13 gennaio 2013 at 21:05

    Ciao ho letto cosa dite a proposito dell art 492 cpc e legge 80… ma vi è una contraddizione secondo me… io ho scoperto della 492 cpc solo cercando info sul pignoramente ex art 555.. e ad oggi con consultazione telematica ho saputo che l’istanza di vendita è gia stata depositata… in nessun atto e nessuno mi ha mai parlato delle regolarità o vizi… però mi sto documentando… Quindi per capirci in base alla Vostra esposizione dell argomento posso fare ricorso o qualsiasi altra cosa….? oppormi ecc grazie

    • Annapaola Ferri 14 gennaio 2013 at 06:03

      Non si tratta della nostra esposizione, ma di una sentenza della Suprema Corte di Cassazione (6662/2011), il cui testo integrale può leggere qui.

Altre info