Il debitore deve contestare le modalità di applicazione degli interessi anche in sede di decreto ingiuntivo

Al posto suo non mi preoccuperei tanto della eventuale visita dell’ufficiale giudiziario.

Sia a lei che a suo marito verrà eseguito il pignoramento del quinto dello stipendio.

E’ pur vero che ciascuno di voi si vedrà pignorato al massimo il 20% dello stipendio a fronte di tutta l’esposizione debitoria a ciascuno imputabile.

Ma anche il periodo di ammortamento del debito ha una sua importanza. E non è giusto regalare soldi ai creditori.

Lei ha avuto modo di osservare che le società di recupero crediti sono alquanto superficiali con il calcolo degli interessi. Ha visto il suo debito aumentare di 10 mila euro in un mese.

Così, quando il creditore chiede un decreto ingiuntivo porta al giudice la documentazione che prova la sussistenza del debito. Questa documentazione è fatta di fogli di calcolo dove gli interessi sono applicati arbitrariamente dal creditore e quasi sempre superano abbondantemente la soglia di usura.

Ma il giudice non può (e non ha i mezzi) per controllare l’entità degli interessi applicati. E quindi il creditore si trova accordato un decreto ingiuntivo per somme spropositate. Ed il debitore è costretto così al prelievo del quinto dello stipendio, o della pensione, vita natural durante.

Ecco perchè è in ogni caso necessario che il debitore faccia opposizione al decreto ingiuntivo. Associando, se possibile, con il supporto di un ottimo legale (difficile però a trovarsi) un’azione riconvenzionale finalizzata a mettere in dubbio l’affidabilità e la certezza delle scritture contabili fornite dal creditore e ad evidenziare la natura usuraia dei tassi di interesse applicati.

Per rendere l’azione più incisiva e credibile è necessario anche che il debitore, prima che si giunga alla fase giudiziale, richieda al creditore l’invio di estratti conto analitici con l’informazione corretta e fruibile dei tassi applicati.

Insomma, la regola aurea è opporsi al decreto ingiuntivo e preventivamente esigere tutta la documentazione necessaria a certificare esistenza e corretta quantificazione del debito. Difficile che si ottenga tale documentazione e questo giocherà a favore del debitore, nella fase di opposizione al decreto ingiuntivo, se la stessa è stata richiesta con raccomandata AR (cioè con attestati di prova che possono essere esibiti al giudice).

Se lo crede opportuno e se vuole, si documenti leggendo gli articoli contenuti nella sezione consigli al debitore ed i commenti presenti in questo forum utilizzando i link di navigazione in fondo alla pagina (commenti precedenti, commenti seguenti).

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Una guida di sopravvivenza per il debitore assediato
Non vorrei essere frainteso, dando la sensazione di voler asserire che le società di recupero credito operino in contesti fuori legge. Ma, anche se può sembrare un paradosso, è assolutamente certo che una delle armi di difesa più efficaci nelle mani del debitore perseguitato  consiste proprio nella scrupolosa e attenta istanza di applicazione delle leggi vigenti. Questo perchè, di solito, non viene data, nelle operazioni di cessione dei crediti, la giusta importanza alle carte. Carte non classificate che, in scatoloni abbandonati e in archivi improvvisati, trovano la loro ingloriosa fine. Nella convinzione (sbagliata)  da parte di molte società di recupero ...

Debiti e recupero crediti – cose che succedono quando non si seguono le procedure consigliate
Innanzitutto deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico con cui sta perfezionando il concordato. ...

Debiti e società di recupero crediti – consigli da seguire se si decide di pagare 
Gentile debitore, se proprio ha intenzione di pagare, segua questi consigli: innanzitutto lei deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico con cui sta perfezionando il concordato. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il debitore deve contestare le modalità di applicazione degli interessi anche in sede di decreto ingiuntivo. Clicca qui.

Stai leggendo Il debitore deve contestare le modalità di applicazione degli interessi anche in sede di decreto ingiuntivo Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)