Contratti di prestito – credito di firma

Struttura e funzione economica del credito di firma

Il servizio reso dalla Banca nell'ambito del contratto di credito di firma è quello delle cosidette fideiussioni passive cioè quelle tramite le quali la Banca assume l'impegno a pagare un determinato importo ( entro una determinata data indicata nella garanzia) a favore di un terzo (creditore) nell'interesse di un proprio cliente (debitore principale), qualora quest’ultimo non faccia fronte puntualmente alla propria obbligazione.

La fideiussione rilasciata dalla Banca, è generalmente, di tipo automatico (chiamata a prima richiesta) proprio in ragione del fatto che la Banca in sede di escussione, provvede a pagare, senza eccezione alcuna restando esonerata dall'entrare nel merito di qualsiasi questione che insorgesse tra cliente e debitore.

Con il credito di firma, dunque, la banca si impegna ad assumere o a garantire un'obbligazione di un terzo. In particolare, se la banca autorizza il cliente a emettere o a fare emettere tratte su di essa e si impegna ad accettarle, essa concede un credito di accettazione; se la banca garantisce l'obbligazione del cliente, essa apre un credito di avallo, nel caso in cui la garanzia sia data firmando per avallo una cambiale, oppure un credito di fideiussione, se la garanzia è data in altra forma.

Con le aperture di credito di firma, la banca si espone al rischio di dovere adempiere l'obbligazione assunta o garantita per conto del cliente nell'ipotesi in cui questi sia insolvente alla scadenza. Nei crediti di firma assumono particolare rilievo le fideiussioni passive, cioè quelle prestate dalla banca a favore di un terzo nell'interesse di un proprio cliente.

Il principale rischio del contratto di credito di firma è rappresentato, in caso di pagamento della garanzia rilasciata dalla banca, dalla restituzione alla banca stessa di quanto corrisposto a seguito dell'avvenuta escussione.

Principali clausole contrattuali del credito di firma

Impegno a pagare. Il Cliente si impegna, su semplice richiesta della Banca e con preavviso di un giorno, a versare una somma pari all'importo della fideiussione anche se il pagamento non è ancora stato richiesto alla Banca. La somma versata dal Cliente è depositata presso la Banca su un conto fruttifero fino al termine ultimo in cui la Banca stessa potrà ricevere richiesta di pagamento.

Prelievo delle somme e compensazione. Al momento della richiesta di pagamento, la Banca potrà prelevare le somme dal deposito e, comunque ove necessario, potrà compensare il credito con la somma depositata, con l'intesa che se il credito relativo al deposito compreso interessi formasse oggetto di atti cautelari od esecutivi, il Cliente sarebbe tenuto a versare immediatamente una somma pari a quella oggetto degli atti predetti.

Impegno alla liberazione degli obblighi della Banca. Il Cliente in alternativa al pagamento delle somme e ad insindacabile giudizio della Banca, si impegna a liberare la Banca dalla fideiussione rilasciata oppure a costituire una controgaranzia bancaria di piena soddisfazione della Banca stessa.

Impegno al rimborso. Il Cliente si impegna a rimborsare a semplice richiesta l'importo che comunque la Banca fosse tenuta a pagare in dipendenza della garanzia, dispensando la Banca di accertare le regolarità della richiesta di pagamento che pervenisse dal Beneficiario senza sollevare eccezione alcuna.

Modifica delle condizioni. La Banca si riserva la facoltà di variare anche in senso sfavorevole al cliente i tassi, i prezzi e le altre condizioni di contratto (sia economiche che normative), qualora sussista un giustificato motivo.

Credito di firma - Garanzia ad adempiere per obblighi accertati e garanzia a prima richiesta

Garanzia ad adempiere per obblighi accertati in modo irrevocabile: la Banca provvede al pagamento solo successivamente alla prova dell'impegno fideiussorio determinato in modo irrevocabile dall'Autorità Giudiziaria, a mezzo decreto ingiuntivo divenuto definitivo, ovvero non opposto nei termini, o mezzo di sentenza di condanna passata in giudicato.

Garanzia a prima richiesta: la Banca in sede di escussione, provvede a pagare senza eccezione alcuna ed entro breve termine, con rinuncia ad opporre qualsiasi tipo di opposizione.

Per fare una domanda sul credito di firma, sui finanziamenti in genere, sui contratti di prestito e  su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

28 giugno 2013 · Chiara Nicolai


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito – credito documentario
L'operazione di credito documentario consiste nell'assunzione di un impegno da parte di una banca (Banca emittente), su ordine e per conto di un proprio Cliente (Ordinante), generalmente acquirente di merci, a seguito del quale tale banca effettuerà, o farà effettuare da propria Banca corrispondente, una prestazione economica (pagamento a vista, ...
Contratti di prestito – credito per finanziamento in valuta
Nell'anticipo all'esportazione, in Euro o in valuta, la Banca anticipa, tutto o in parte, le somme di cui il cliente è o sarà creditore nei confronti dell'acquirente estero, in relazione a forniture di merci o servizi, già effettuate o ancora da effettuare. L'anticipazione, di norma, non deve essere superiore al ...
Contratti di prestito – sconto di portafoglio
Lo sconto è il contratto di prestito con il quale la banca, previa deduzione dell'interesse, anticipa al cliente l'importo di un credito verso terzi non ancora scaduto, mediante la cessione, salvo buon fine, del credito stesso. L'operazione di sconto di portafoglio si sostanzia in un prestito monetario economicamente garantito dalla ...
La fideiussione bancaria attiva e passiva
La fideiussione, così come regolata dal codice civile, è una forma di garanzia accessoria alla obbligazione e quindi il fideiussore può opporre contro il creditore tutte le eccezioni che spettano al debitore principale (articolo 1945 del codice civile). La fideiussione così come regolata dal codice civile può avere anche le ...
Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratti di prestito – credito di firma. Clicca qui.

Stai leggendo Contratti di prestito – credito di firma Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 28 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca