I vincoli imposti al problema sono molti ma  c'è una soluzione. Si chiama prestito vitalizio ipotecario.

Cosa è? Il prestito vitalizio ipotecario  è un finanziamento  a lungo termine assistito da ipoteca di primo grado su un immobile residenziale. E' riservato a persone fisiche proprietarie dell'abitazione in cui risiedono e che abbiano compiuto 65 anni di età. Il finanziamento è ideato in modo che non  si debba effettuare alcun pagamento finché si è in vita.

Infatti non è previsto alcun piano di rimborso rateale: gli interessi e le spese che maturano sul finanziamento vengono capitalizzati annualmente e dovranno essere corrisposti in unica soluzione, di solito entro 10 mesi dalla morte del mutuatario o del mutuatario più longevo, in caso di finanziamento cointestato. Dunque tocca agli eredi (se ve ne sono) la valutazione dell'opportunità di pagare il debito  o lasciare, invece, che l'immobile venga venduto all'asta, incamerando la liquidità eventualmente eccedente.

Per quel che mi riguarda questo tipo di finanziamento vale quanto lo svolazzare di avvoltoi (o la veglia di un branco di iene, se preferite) intorno alla preda agonizzante. Ma che dire, il titolo dell'articolo parla chiaro. Solo in tale contesto mi è sembrato doveroso informare di questa (penosa) opzione.

Per porre una domanda sul consolidamento debiti, sulla CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria) sugli altri Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC)  sui cattivi pagatori, sui debiti in genere e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

7 agosto 2008 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • karalis 30 settembre 2008 at 12:38

    buongiorno, io riento nella categoria sopra elencata operaia malpagatore orfana di garanti con molti debiti da pagare. sarei interessata al prestito cambializzato. mi può dire a chi dovrei rivolgermi? in attesa di una sua risposta la ringrazio.

    Commento di carolina | Martedì, 30 Settembre 2008

    Cara Carolina,

    non facciamo, di solito, pubblicità a finanziarie.
    La cosa potrebbe destare sospetti ed è l’ultima cosa che vogliamo.

    Googlando in internet troverai, forse fin troppe, società che si occupano di cambializzazione del debito.

    Non essere precipitosa nella scelta e leggi tutte le clausole del contratto prima di aderire. Ti consiglio, per questo, di non perfezionare il contratto su Internet. Cerca su Internet filiali nella tua città, recati di persona nella sede, fatti dare prima il contratto, esaminalo e poi, eventualmente, sottoscrivi.

    Se non ti danno copia del contratto per poterlo esaminare, ma richiedono una firma contestuale, scappa via…




Cerca