Il conflitto di interessi del PD sul caso Alitalia

Il Partito Democratico dell’ineffabile uòlter ha messo su un governo ombra all’indomani delle elezioni, da cui è uscito rovinosamente sconfitto.

In questo governo “barzelletta” Matteo Colaninno  è preposto al dicastero ombra dello Sviluppo Economico.

Scrive Massimo Giannini in un articolo di  ieri: “E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della “Nuova Alitalia”, il padre Roberto Colaninno.”

E al segretario del Partito Democratico gli è andata anche bene. Massimo Calearo avrebbe potuto far parte della cordata …

30 Agosto 2008 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Il conflitto di interessi del PD sul caso Alitalia Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 30 Agosto 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)