Il boom dei pignoramenti e la casa va all’asta

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Nel grande business delle aste giudiziarie  sono entrate anche le banche. Gli impiegati (precari) nei servizi informatici sono stati sostituiti dai dipendenti di una società legata all’associazione delle banche italiane. Gli istituti di credito, così, avranno modo di mettere mano alla gestione delle vendite all’asta dei beni pignorati (nel 99% dei casi il pignoramento viene chiesto dagli istituti di credito stessi).

Il giudice a seguito di un’esecuzione immobiliare o di un fallimento dispone la vendita forzate di uno o più beni mobili o immobili di proprietà della persona esecutata o fallita, per ottenere il denaro con il quale soddisfare, in tutto o in parte, i creditori.
Esistono però beni che non si possono pignorare: per esempio la fede nuziale, gli oggetti di culto, il frigorifero, al lavatrice. Ovvero ciò che il suo valore morale o per stretta necessità della vita domestica è compreso nei bisogni del debitore tanto da essere più importante rispetto al principio per cui tutti i beni dovrebbero fungere da garanzia dei creditori.

Inoltre ci sono i crediti che il debitore vanta nei confronti di terzi o sussidi di grazia, sostentamento, maternità e malattia, la retribuzione dei dipendenti pubblici.
Possono essere pignorati nei limiti di un quinto (solo nei casi in cui con gli altri beni non si copre il debito) tutti i beni indispensabili per l’esercizio della professione.

Tornando alle case, le aste giudiziarie sono pubbliche, seguono un calendario reperibile sui quotidiani e sui siti internet 45 gg prima dell’udienza (come previsto dal nuovo articolo 490 del codice di procedura civile). Facendo domanda al custode giudiziario, poi, grazie alla legge 80/2005, è possibile vedere l’immobile. La prima fase è la vendita senza incanto: gli offerenti presentano entro il termine fissato dal giudice un’offerta in busta chiusa con un assegno circolare per la cauzione.

Il giudice le apre: se l’offerta è superiore al prezzo base di almeno un quinto, viene accolta. Diversamente si può passare all’incanto: un vendita in cui le offerte di acquisto vengono fatte in una pubblica gara a offerte successive in aumento, davanti al giudice o una notaio.

Altra cosa è l’asta tra privati. Spiega luca Rossi della Borsa immobiliare romana: chi vuol comprare casa con noi, avrà garantita maggiore trasparenza. Un agente immobiliare professionista seguirà il cliente in tutte le fasi che porteranno all’acquisto o alla vendita. La provvigione è del 2%, più 250 euro per le pratiche. L’immobile viene valutato in ogni aspetto, poi viene fatta la stima ed è messo all’asta in seguito a una delibera del comitato aste.

Per fare una domanda sul pignoramento e la vendita all’asta della casa, sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

17 Luglio 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Equitalia » Ritornano pignoramenti e fermi amministrativi
Equitalia, addio tanto amata sanatoria: si ritorna alla vecchia e riscossione. Da oggi, lunedì 16 giugno 2014, infatti, tornano pignoramenti e fermi. Sono finiti, ormai, i tempi della sanatoria delle cartelle esattoriali. Da oggi, i contribuenti irregolari devono tornare a temere le operazioni di riscossione: dal fermo amministrativo all'ipoteca, fino al pignoramento, sia mobiliare che immobiliare. Ma come funzionano queste attività di esecuzione forzata? Vediamolo nell'articolo seguente. ...

Pignoramenti mobiliari Equitalia
mio marito risiede presso il mio appartamento di mia proprietà .Sono separata in casa ed abbiamo la separazione dei beni.Lui ha ricevuto una cartella esattoriale per circa 100.000,oo euro. Possono effettuare un pignoramento dei miei mobili che sono stati pagati tutti da me o con finanziamenti o con miei assegni grazie ...

Pignoramenti stipendio e altre procedure coattive
Con lo stipendio da impiegato presso una srl privata, pignorato per un decimo da Equitalia, e con il restante quinto da pochi giorni pignorato dalla banca, posso dire che sto facendo fronte a tutti i miei debiti di una vecchia ditta individuale. Tuttavia il mio dilemma è questo: posso, ormai avviate queste procedure da parte dei creditori, intestarmi beni (esempio un'automobile) senza pericolo che questi beni mi possano essere a loro volta pignorati, essendo già esecutato da questi due soggetti creditori, che restano tra l'altro gli unici? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il boom dei pignoramenti e la casa va all’asta. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • giacomo dotta 8 Settembre 2009 at 13:48

    Aste fallimentari online: si inizia

    Ci si registra, si visualizzano le aste, si effettua la propria scommessa e si spera di rimanere fino alla scadenza il miglior offerente. La dinamica è simile in tutto e per tutto a quella di eBay, ma gli oggetti non sono in vendita, ma provenienti invece da fallimenti.

    Le aste fallimentari approdano così online, partendo dall’Istituto Vendite Giudiziarie del Tribunale di Milano. Il primo sfortunato “cliente” è il gestore di una concessionaria d’auto, dal quale provengono i veicoli che costituiscono il paniere dell’asta attuale.

    Jeep Patriot, Corvette 6.2 V8, Jeep Wrangler, Harley Davidson: questi ed altri sono gli oggetti disponibili per le prime puntate.

    Quando si incontra un oggetto di interesse è sufficiente registrarsi al sito e quindi avanzare la propria offerta: «Una volta scelto il bene per il quale si intende partecipare alla gara, l’interessato dovrà formulare offerta irrevocabile di acquisto utilizzando l’apposita funzione attivata sul sito con contestuale versamento della cauzione tramite carta di credito o bonifico bancario, a titolo di cauzione, per un importo pari al 10% del prezzo offerto o di importo pari alla cauzione indicata. […]

    Il bene si intenderà aggiudicato a colui il quale al termine dei 15 giorni (durata dell’intera gara telematica) avrà effettuato l’offerta maggiore. Quando l’acquirente è individuato, il prezzo di aggiudicazione (al netto della cauzione già versata per partecipare alla gara), gli oneri fiscali e la provvigione, devono essere versati a mezzo bonifico bancario o mediante consegna di assegno circolare intestato all’Istituto Vendite Giudiziarie che ha gestito la vendita presso gli uffici dello stesso entro il termine massimo di 5 giorni». In caso di mancata aggiudicazione del bene, ovviamente, la cauzione viene restituita.

    Il portale offre assistenza telefonica per quanti intendono avvalersi dell’asta per entrare in possesso dei beni ereditati dalle procedure fallimentari in corso. Data la delicatezza di tali operazioni, l’acquirente è tenuto peraltro a velocizzare le procedure di pagamento e di consegna, pena il pagamento di una serie di sanzioni previste nel regolamento generale di coordinamento delle aste.

    Per ogni bene è prevista un’immagine (di catalogo, non relativa all’oggetto reale), la descrizione generale, la base d’asta, costi accessori e provenienza. E prezzi, ovviamente, d’occasione.