Il 70 per cento delle famiglie italiane ha debiti

"Il 70% delle famiglie italiane contrae abitualmente debiti con banche e finanziarie, con un'altissima percentuale di soggetti che prelevano al consumo, cioé vivono molti mesi grazie alle anticipazioni di prestiti che arrivano a costare, secondo i calcoli dell'Adusbef, addirittura fino al 50% di interessi, il doppio del tasso massimo legale oltre il quale si parla di tasso usuraio". A sostenerlo, in una nota, è la senatrice Maria Burani Procaccini, responsabile nazionale famiglie e minori di Forza Italia.

Stiamo rischiando di uscire dalle secche dell'emergenza - afferma Burani Procaccini - e di passare alla crisi drammatica, alimentata dall'impossibilità di poter pagare il mutuo ipotecario". "Non c'é stata nessuna iniziativa del Governo - sostiene ancora la parlamentare di Forza Italia - per costituire un fondo di garanzia capiente che servisse ad abbattere gli interessi per le famiglie a rischio ed a rimodulare i mutui. Non si fa niente nemmeno rispetto all'avanzata di finanziarie non sempre legittime nelle forme organizzative, che applicano interessi spaventosi calcolando a parte, illegittimamente, spese che, invece, dovrebbero essere considerate per legge onnicomprensive". (ANSA)

18 novembre 2007 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il 70 per cento delle famiglie italiane ha debiti. Clicca qui.

Stai leggendo Il 70 per cento delle famiglie italiane ha debiti Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 18 novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

1 2

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca