I tempi massimi di permanenza in Centrale Rischi dei dati relativi ai cattivi pagatori




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Come possiamo vedere dal documento riportato in immagine, i dati del debitore vengono conservati per un massimo di sei mesi dalla data di richiesta di finanziamento. Oppure fino a trenta giorni a partire dalla data in cui viene rifiutata l’erogazione del finanziamento. I tempi di conservazione aumentano in caso di ritardato pagamento delle rate ed il computo riparte sempre dalla data dell’eventuale regolarizzazione del rapporto. Da osservare che qualora il prestito non venisse rimborsato, la permanenza in archivio dei dati del debitore può estendersi a tempo indeterminato se il creditore avrà cura di rinnovare la segnalazione ogni tre anni. Come dire, fine pena mai!

Per porre una domanda sui cattivi pagatori, sulla CRIF(Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria), sugli altri Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) e su tutti gli argomenti correlati, clicca qui.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


6 Agosto 2013 · Ornella De Bellis




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i tempi massimi di permanenza in centrale rischi dei dati relativi ai cattivi pagatori. Clicca qui.

Stai leggendo I tempi massimi di permanenza in Centrale Rischi dei dati relativi ai cattivi pagatori Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 6 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Ottobre 2017 Classificato nella categoria cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi e conseguenze Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)