Indice del post i segugi dell'antitrust colpiscono ancora

Che tenerezza mi fanno i segugi dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM, conosciuta anche come Antitrust). Se avessero dato la caccia ai conigli selvatici con lo stesso impegno con cui hanno studiato il sistema assicurativo italiano, a quest'ora il gustoso roditore sarebbe un animale estinto, nonostante la sua proverbiale capacità riproduttiva. Dal 1° luglio 1994, in ossequio a quanto previsto dalla Terza Direttiva Danni della Comunità Europea, le imprese possono determinare liberamente le tariffe RCA, che, in precedenza, erano amministrate, ovvero stabilite annualmente da una commissione costituita presso il Ministero dell'Industria. I commentatori tutti accolgono con entusiasmo [ ... leggi tutto » ]

Il calcolo dell'incremento del premio effettuato per diversi profili tariffari - quelli previsti dalla legge numero 57/2001 - tutti relativi ad un guidatore maschio (cui di regola sono associati premi meno elevati rispetto ad un conducente di sesso femminile), in possesso di un’autovettura di piccola cilindrata, mostra che, dal 1994 all'inizio del 2003, i premi sono almeno raddoppiati, spesso sono triplicati o quadruplicati, in taluni casi quintuplicati (in questo paragrafo ed in quelli successivi il testo è stato sottolineato dall'autore). L’aumento tariffario ha interessato tutti i profili, anche quelli a basso rischio: per la classe di massimo sconto il [ ... leggi tutto » ]

A pag. 36 la relazione contiene un’illuminante tabella. Nell’anno 2002 i primi tre gruppi assicurativi nel ramo RCA controllavano esattamente la metà del mercato (Fonsai 22%; RAS 16%; Generali 12%). Se aggiungiamo Toro (7,6%) e Unipol (7,22%), superiamo largamente il 60%. Se aggiungiamo anche Reale, Winterthur, Axa, Cattolica e Sara, scopriamo che i primi dieci gruppi assicurativi detenevano congiuntamente una quota di mercato superiore all'85%. Ma non basta. Nel luglio 2000 sempre l’Antitrust aveva concluso l’istruttoria avviata nei confronti di una trentina di imprese attive nel mercato assicurativo auto, deliberando che due distinti comportamenti costituivano intese restrittive della concorrenza [ ... leggi tutto » ]

La convenzione CID, scrivono i segugi, non ha funzionato. Si applica a circa il 60% dei sinistri con danni a cose e prevede un complesso sistema di conguagli fra le imprese. Il meccanismo dovrebbe incentivare le imprese a contenere le spese di liquidazione, contribuendo a ridurre il costo medio delle riparazioni. In realtà, tale sistema, oltre a determinare un aumento rilevante dello scambio di informazioni tra imprese, non ha influito in modo sostanziale sul costo dei sinistri, avendo generato una tendenza interna del sistema ad accettare incrementi dei costi anche elevati, in quanto le condizioni concorrenziali attenuate permettono di [ ... leggi tutto » ]

Le mani ancora spellate per gli applausi frenetici con cui avevano salutato l’introduzione del risarcimento diretto, gli uomini dell'Antitrust accolgono con sorpresa le grida di dolore che iniziano subito a provenire dalle Associazioni dei Consumatori, sponsor anch’esse della Grande Riforma. La storia si ripete: il mercato delle polizze RCA non sta andando affatto - ohibò - nella direzione auspicata. E così, nel maggio 2010, ritemprati da sette anni di meritato riposo, i segugi vengono nuovamente sguinzagliati. Stavolta, in confronto ai sette anni occorsi per l’indagine precedente, le conclusioni arrivano quasi fulminee, si fa per dire. Il 6 febbraio 2013 [ ... leggi tutto » ]

Il grado di concentrazione del mercato è ulteriormente cresciuto. La fusione di Unipol e Fonsai, ha addirittura comportato la costituzione di un operatore dotato di una posizione dominante, con una quota di mercato del 37%. Se aggiungiamo Generali (16,2%) e Allianz (12,3), i primi tre gruppi controllano adesso i 2/3 [ ... leggi tutto » ]

Gli aumenti annui medi delle polizze RC Auto a livello provinciale sul periodo 2007-2010 hanno raggiunto il 20% all'anno nel caso di un neo-patentato con un’autovettura di piccola cilindrata, il 16% all'anno per un quarantenne con un’autovettura di media cilindrata, il 9 -12% all'anno per un pensionato (donna o uomo) con un’autovettura di piccola cilindrata, il 12- 14% all'anno per un diciottenne (donna o uomo) con un ciclomotore e superato il 30% annuo per un quarantenne (donna o uomo) che assicura un motociclo e questo sebbene la numerosità dei sinistri (CARD e NO CARD) si sia ridotta sia considerando [ ... leggi tutto » ]

La ricerca della miglior Compagnia? Balle: i segugi hanno scoperto che non sono ancora sufficientemente sviluppati motori di ricerca o servizi di preventivazione in grado di supportare efficacemente il consumatore nell'individuazione della polizza RC più conveniente e, soprattutto, che le Compagnie hanno architettato un raffinato sistema di classi interne di merito che dissuade l’assicurato dal cambiare Assicurazione. La qualità del servizio e il controllo dei costi? Balle. Sentite che cosa scrivono testualmente i segugi. Le compagnie tendono comunque a seguire eventuali aumenti di prezzo dei concorrenti a prescindere dall'andamento dei propri costi. In altre parole, il rimborso delle compagnie [ ... leggi tutto » ]

18 aprile 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Premio Rc auto - Se la compagnia viene sanzionata dall'Antitrust l'assicurato ha diritto al risarcimento
L'assicurato che contrae polizza RC Auto ad un prezzo elevato e che, successivamente, propone azione risarcitoria nei confronti dell'impresa di assicurazione sanzionata dall'Antitrust (AGCM o Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) per aver partecipato ad un'intesa finalizzata alla limitazione della concorrenza, assolve l'onere della prova a suo carico allegando ...
Tutela del consumatore - attività Antitrust nel settore dei servizi assicurativi
Riguardo al settore assicurativo, l'Antitrust - nell'ambito delle proprie competenze - ha valutato la scorrettezza delle pratiche riconducibili ad alcune compagnie che sollecitavano il pagamento di polizze assicurative per le quali gli utenti avevano, in realtà, già manifestato validamente la propria volontà di recedere. Nel corso del 2012 l'Autorità ha ...
Rc auto con polizza maggiorata » Basta il provvedimento Agcm per dare il via al risarcimento danni
Buone notizie per i consumatori: d'ora in avanti, nel caso una compagnia assicurativa sia stata multata dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) per maggiorazioni non congrue della polizza rc auto ai propri clienti, basterà presentare al giudice il provvedimento dell'Antitrust per ottenere il risarcimento danni relativo. Una recente ...
Rc auto: aumenta la concorrenza » Più Assicurazioni presso lo stesso agente
Ci sarà più concorrenza nelle polizze Rc auto: è stata resa, infatti, effettiva la possibilità di agenti plurimandatari. Stop ai vincoli per il mandato con una sola compagnia assicurativa. Gli agenti delle polizze rc auto potranno ora gestire, nello stesso momento, rapporti con più assicurazioni, proponendo ai propri clienti polizze ...
Rc auto: il tuOpreventivatOre » Nuovo strumento dell'Ivass
L'IVASS e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno messo a disposizione del consumatore uno strumento semplice ed efficace per avere una rapida panoramica dei premi delle polizze rc auto offerte sul mercato: il tuOpreventivatOre. Il tuOpreventivatOre è uno strumento informatico ufficiale, di primo orientamento, che serve a confrontare, in base ...

Spunti di discussione dal forum

Debiti inps per reato penale
Il primo luglio del 2015 ho patteggiato il reato di truffa aggravata ai danni dell'inps: sono stato condannato ad 1 anno e 6 mesi con pena sospesa perché incensurato. La mia casa è stata sottoposta a sequestro preventivo (da giugno 2013) per circa i due terzi del suo valore catastale.…
Pignoramento stipendio – bonus, premi straordinari, ticket sono pignorabili?
Dopo 20 anni di attività in proprio ho cessato la mia attività a fine 2013 con sul groppone un bel pò di debiti di varia natura. Ho un contratto a tempo indeterminato in scadenza il 30/04 che mi è già stato pignorato di 1/5 da un creditore. La mia domanda…
Perdita impiego settore privato – prestiti in atto e copertura assicurativa
Mi hanno appena inserita in lista di mobilità e sono in attesa che si completi la procedura: ho in atto dei prestiti (2 con carte revolving, uno con la Unicredit ed uno con la Guber) che termineranno tutti entro settembre 2017. Come mi dovrò comportare se effettivo sarà il mio…
Rc auto intestata a persona diversa dal proprietario per risparmiare -Possibile?
Ho da poco acquistato un'automobile, a me intestata, ma, a causa della mia classe di merito piuttosto bassa (decima classe), non ho ancora trovato un preventivo decente per poter stipulare l'assicurazione rc auto. Siccome mio fratello è in 1a classe, si è offerto di intestare a lui stesso la polizza…
Incidente come passeggero e veicolo non assicurato – Chi deve risarcirmi?
Il luglio scorso, sono stato coinvolto in un incidente come passeggero, mentre ero in macchina di un mio amico. Ho riportato lesioni alle ginocchia ed un forte trauma cranico. Ironia della sorte, l'autovettura dell'altro conducente era sprovvista di assicurazione. Ora mi chiedo, chi deve risarcirmi per i danni fisici, e…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post i segugi dell'antitrust colpiscono ancora. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post I segugi dell'Antitrust colpiscono ancora Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 18 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 21 settembre 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - polizze assicurative RC auto, vita, infortuni e danni Inserito nella sezione tutela consumatori.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca