I parcheggi, non di proprietà esclusiva, in un garage condominiale o su una parte comune

I parcheggi in un condominio costituiscono spesso motivo di litigio. A norma dell’articolo 1102 del codice civile, tutti i proprietari possono usufruire dei parcheggi esistenti, sempre che l’assemblea condominiale, con deliberazione unanime, non deliberi una diversa disposizione.

Se i parcheggi sono insufficienti, può essere introdotta una occupazione a turno. Se non esiste una convenzione diversa, il sorteggio deve essere rinnovata anno per anno.

La Corte di cassazione (sentenza numero 26226/2006) ha statuito in merito: in un condominio i parcheggi, che avevano una possibilità di utilizzo diverso, sono stati assegnati secondo i millesimi di proprietà, cioè agli appartamenti più grandi sono stati assegnati i parcheggi più agevoli. I proprietari degli appartamenti più piccoli hanno presentato ricorso e in ultima istanza la corte di cassazione gli ha dato ragione con la seguente motivazione: prendendo come presupposto l’articolo 1102 del codice civile, con il paritario diritto d’uso della cosa comune , non sarebbe legale una assegnazione dei parcheggi in base alle quote di proprietà, in quanto ciò avrebbe costituito un pregiudizio per alcuni proprietari a danno di altri in lesione alla parità di utilizzo stabilita.

In questo contesto si può richiamare l’articolo 1119 del codice civile, il quale prevede una divisione della parti comuni di un edificio solo se la divisione possa farsi senza rendere più incomodo l’uso della cosa a ciascun condomino.

Non comprese sono al riguardo, secondo gli articoli 61 e 62 delle norme di attuazione del codice civile, le divisioni di edifici autonomi o di gruppi di edifici. Nell’applicazione dell’articolo 1119 del codice civile, sono previste due capisaldi:

  • in nessun caso deve essere modificata la destinazione d’uso delle parti comuni e
  • l’uso della cosa comune non deve rendere più incomodo l’uso della cosa comune
    da parte del singolo

La Giurisprudenza ha ulteriormente chiarito nel corso del tempo queste enunciazioni:
la destinazione d’uso non esprime un concetto astratto ma è sempre legata all’uso del singolo proprietario e l’uso stesso non deve essere confuso in questo contesto con la stessa utilizzazione, ma deve essere considerato nell’ambito della destinazione e in conseguenza del possibile uso.

In nessun caso l’utilizzo delle parti comuni da parte dei singoli proprietari deve trasformarsi in una appropriazione continuata che addirittura potrebbe portare all’usucapione della cosa o di servizi.

In questo contesto il regolamento condominiale può prevedere una limitazione dell’uso delle
cose comuni da parte dei singoli proprietari, in nessun caso però il diritto d’uso anche di un solo proprietario può essere abolito.

Delibere assembleari

  • L’assemblea può destinare parte del cortile comune a parcheggio di automezzi, ma non può disporre su tali aree la costruzione di autorimesse a beneficio di alcuni condomini;
  • è nulla la delibera con cui l’assemblea autorizza la sosta diurna e notturna di autovetture nel cortile comune in corrispondenza dei vani delle finestre del piano terreno;
  • è illegittima la delibera con cui l’assemblea decide l’utilizzazione di un’area condominiale come parcheggio, se detto uso ostacola l’accesso ad alcuni locali di proprietà esclusiva;
  • è nulla la delibera con la quale l’assemblea a maggioranza vieti il parcheggio di ruolottes su un’area comune adibita a parcheggio dei veicoli dei condomini;
  • è nulla, ai sensi dell’articolo 1102 del codice civile, la delibera con la quale l’assemblea consente il parcheggio nel cortile comune solo ad un numero limitato di condomini;
  • l’installazione di un elettrocomando ad un cancello carraio per consentire l’accesso a parcheggi comuni va qualificata come miglioria della cosa comune e non innovazione, e pertanto, non è ammissibile l’esonero dalla spesa per i dissenzienti;
  • se il regolamento contrattuale pone il divieto di parcheggio nel cortile comune, si può solo abolire il divieto con una deliberazione presa all’unanimità;
  • la trasformazione di un giardino in parcheggio costituisce in ogni caso un’innovazione e richiede pertanto un numero di voti che rappresenta la maggioranza dei partecipanti al condominio e di due terzi del valore dell’edificio.

2 Luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La proprietà esclusiva delle parti comuni di un edificio condominiale può essere provata solo dal contratto di compravendita stipulato con il costruttore
Per vincere la presunzione legale di proprietà comune delle parti dell'edificio condominiale non sono sufficienti il frazionamento, accatastamento, e la relativa trascrizione, eseguiti a domanda del venditore costruttore, della parte dell'edificio in questione, trattandosi di atto unilaterale di per sé inidoneo a sottrarre il bene alla comunione condominiale, dovendosi riconoscere tale effetto solo al contratto di compravendita. Per tutelare la proprietà di un bene classificato dal Codice civile come ricompreso fra le parti comuni del condominio, non è necessario che il Condominio dimostri la comproprietà del medesimo, essendo sufficiente, per presumerne la natura condominiale, che esso abbia l'attitudine funzionale al ...

Regolamentazione della proprietà esclusiva
In un condominio si distinguono le parti comuni dalle parti di proprietà esclusiva. A questi si aggiungono i diritti di utilizzazione esclusiva, che possono esistere per es. in un giardino o in parcheggi. Sulla utilizzazione della proprietà esclusiva (abitazione) decide il proprietario in maniera assoluta, indipendentemente se occupa personalmente l'abitazione, lo affitta o la pone in vendita. L'utilizzo per scopi commerciali di una abitazione dovrebbe essere disciplinato dal Regolamento condominiale, anche per via dei rumori, odori e traffico di persone, di norma collegati. Anche l'affittanza dell'abitazione può essere in certi casi soggetta ad autorizzazione (si pensi a dormitori per immigrati). ...

Condominio - gronde doccioni e canali di scarico delle acque piovane sono beni comuni anche se il lastrico solare è di proprietà esclusiva
Le gronde, i doccioni e i canali di scarico delle acque piovane del tetto di uno stabile condominiale costituiscono bene comune, atteso che, svolgendo una funzione necessaria all'uso comune (in quanto servono all'uso e al godimento comune), ricadono tra le parti comuni dell'edificio. Anche se la copertura del fabbricato sia costituita da tetto a falda o da lastrico di proprietà esclusiva, il quale assolve anche la funzione di copertura di parte del fabbricato, rimane indispensabile l'esistenza delle gronde per raccogliere e smaltire le acque piovane. Le gronde convogliano le acque meteoriche dalla sommità dell'edificio fino a terra o a scarichi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i parcheggi, non di proprietà esclusiva, in un garage condominiale o su una parte comune. Clicca qui.

Stai leggendo I parcheggi, non di proprietà esclusiva, in un garage condominiale o su una parte comune Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)