I controlli sulle dichiarazioni DSU ISEE del nucleo familiare

I controlli preventivi dell'Agenzia delle entrate sulle dichiarazioni ISEE

La crescente diffusione dell'Isee quale sistema di sintesi per misurare la "ricchezza" del nucleo familiare e regolamentare l'accesso ad una molteplicità di prestazioni sociali agevolate, sia a livello centrale sia a livello locale, ha indotto il legislatore ad intervenire su una materia ormai datata oltre 10 anni fa. Lo scopo è quello di cercare da un lato di prevenire abusi o talvolta vere e proprie truffe, e dall'altro di razionalizzare al meglio i parametri di determinazione dell'indicatore secondo aggiornati criteri di equità sociale.

Un primo tentativo in questo senso era stato effettuato con la Finanziaria 2008 (legge 244 del 24 dicembre 2007), che aveva apportato (articolo I, comma 344) delle modifiche al Dlgs 109/98 traslando parte delle competenze affidate dall'Inps all'Agenzia delle Entrate (ADE), che sarebbe dovuta divenire il nuovo soggetto centralizzato deputato alla determinazione in via telematica dcll'Isee pcr ciascun cittadino.

La norma, almeno in quella formulazione, è peraltro rimasta sulla carta e non ha trovato applicazione pratica per problemi tecnici evidentemente sorti nella successiva fase attuativa. E'  stata pertanto modificata ed inserita all'articolo 34 nel Collegato Lavoro alla Finanziaria 2010, già approvato in via definitiva dal Parlamento ma non promulgato e rinviato alle Camere (anche se per problematiche afferenti ad altre materie) dal presidente della Repubblica lo scorso 31 marzo.

Con le modifiche in corso di approvazione si passerà comunque da un sistema come quello attuale basato esclusivamente su controlli a campione successivi al rilascio delle attestazioni Isee ad un sistema implementato con controlli preventivi attuati per il tramite dell'agenzia delle Entrate.

Fermi restando i soggetti ai quali il cittadino potrà rivolgersi per richiedere I'attestazione, l'indicatore Isee determinato sulla base dei dati contenuti nella dichiarazione sostitutiva unica (DSU) sarà oggetto di controlli automatici da parte dell'ADE tesi ad evidenziare omissioni o difformità rispetto agli elementi presenti nel sistema informativo dell'anagrafe tributaria.

Soltanto dopo I'espletamento di tali controlli i soggetti che hanno ricevuto la dichiarazione dal cittadino potranno provvedere al rilascio dell'attestazione, che potrà anche contenere la segnalazione delle eventuali incongruenze riscontrate.

I controlli preventivi non esauriranno comunque le verifiche dell'amministrazione, che continuerà a controllare a campione i dati dichiarati, anche con I'ausilio della Guardia di Finanza, effettuando dove necessario interrogazioni mirate agli intermediari finanziari in ordine al patrimonio mobiliare dichiarato dai richiedenti.

Integra il delitto di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, anche la indebita esenzione del ticket per prestazioni sanitarie ed ospedaliere

Integra il delitto di cui all'articolo 316 ter del codice penale anche la indebita percezione di erogazioni pubbliche di natura assistenziale, tra le quali rientrano quelle concernenti la esenzione del ticket per prestazioni sanitarie ed ospedaliere. Ciò in quanto nel concetto di conseguimento indebito di una ‘erogazionè da parte di enti pubblici rientrano tutte le attività di ‘contribuzionè ascrivibili a tali enti, non soltanto attraverso l'elargizione precipua di una somma di danaro ma pure attraverso la concessione dell'esenzione dal pagamento di una somma agli stessi dovuta, perché anche in questo secondo caso il richiedente ottiene un vantaggio e beneficio economico che viene posto a carico della comunità.

Questo l'orientamento dei giudici della Suprema corte, espresso nella sentenza numero 17300 del 16 aprile 2013. Dunque, la sottoscrizione di documentazione fiscale falsa per ottenere l'esenzione dal pagamento del ticket integra il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (316-ter) e non quello di truffa aggravata e falsità ideologica.

Per il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato è prevista l'esclusione della pena se il beneficio economico ottenuto è inferiore ad euro 3.999. In tale ipotesi, si applica solo una sanzione pecuniaria il cui importo è compreso fra euro 5.164 ed euro € 25.822 e non può comunque superare il triplo della somma percepita indebitamente.

Per fare una domanda su ISEE e misure di sostegno al reddito nonchè su tutti gli argomenti correlati accedi al forum cliccando qui.

5 agosto 2013 · Carla Benvenuto


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Nucleo familiare fiscale, nucleo familiare ISEE, nucleo familiare ISEEU e nucleo per gli assegni familiari
In principio era la “famiglia anagrafica”, quella che si rileva dallo storico "stato di famiglia" che, almeno una volta, chiunque di noi ha chiesto agli uffici dell'anagrafe comunale. Poi fu introdotto il nucleo familiare ISEE, come strumento di valutazione - nelle speranze del legislatore, oggettivo ed equo - finalizzato a ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE quando nel nucleo familiare sono presenti soggetti disabili e/o non autosufficienti
Quando nel nucleo familiare sono presenti soggetti con disabilità e/o non autosufficienti, in sede di calcolo dell'ISEE, vengono applicate detrazioni e franchigie al fine di venire incontro alle situazioni di maggiore bisogno. In tali contesti, per ognuno dei componenti, disabili o non autosufficienti, anche se minorenni, deve sempre essere compilato, ...
Nucleo familiare nella dichiarazione sostitutiva ISEE - guida alla individuazione dei componenti
Per aver diritto all'erogazione di prestazioni sociali agevolate,  gli assegni familiari o il bonus elettrico (sconti sulla bolletta della luce) è richiesta la presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica che richiede la conoscenza del concetto di componenti del nucleo familiare ai fini ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente). La dichiarazione sostitutiva ...
Le prestazioni sociali a cui si accede con la DSU ISEE
L'indicatore della situazione economica equivalente, entrato ormai nel linguaggio corrente con il suo acronimo di ISEE, sulla base della delega contenuta nell'articolo 59 della legge 49 del 27 dicembre 1997, è stato introdotto in via sperimentale come sistema unificato di valutazione della situazione economica per la richiesta di prestazioni assistenziali legate ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'accesso a prestazioni socio sanitarie - Il nucleo familiare ristretto
Le prestazioni sociosanitarie, ai sensi della definizione adottata a fini ISEE, sono identificate come le prestazioni sociali agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria. Si tratta di prestazioni rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell'autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti: di sostegno e di ...

Spunti di discussione dal forum

Richiesta di bonus bebè – Quale nucleo familiare indicare nella Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per la determinazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE)?
Sono in attesa di un figlio e volevo avere un'informazione riguardo il calcolo dell'ISEE per la richiesta del Bonus Bebè che deve essere inferiore a 25000 euro. Io non lavoro e sono residente unicamente con mia madre, mentre il mio compagno è residente unicamente con sua madre e lavora. Volevo…
Studenti coniugati senza reddito – Quale nucleo familiare per l’ISEE Università?
Ho 24 anni, non lavoro e ho la residenza presso l'abitazione dei miei genitori: dal prossimo mese sarò però sposata. Fino allo scorso anno usavo l'isee dei miei genitori, ora che sarò sposata non so quale ISEE dovrò utilizzare tenendo conto che anche lui è uno studente che non ha…
Nucleo familiare di straniero residente in Italia coniugato con soggetto non residente
Vorrei sapere se il coniuge con cittadinanza straniera e non residente in Italia del cittadino straniero con residenza in Italia, richiedente il calcolo ISEE, debba essere inserito nel nucleo familiare rilevante ai fini ISEE in analogia a quanto previsto per il coniuge italiano iscritto all’A.I.R.E. del cittadino italiano residente in…
Isee Università di studente con madre divorziata che convive con nuovo compagno – Come faccio ad individuare il mio nucleo familiare?
Avrei due domande sulla composizione del nucleo familiare ai fini ISEE, direttamente collegate a questo quesito al quale è stato già data risposta. 1) come posso capire qual è il mio nucleo familiare e dove posso avere la certificazione, che mi richiede il CAF? "se io faccio parte del nucleo…
ISEEE/ISEEU – scadenza e accesso agenzia entrate ai depositi postali e/o bancari
Scusatemi ancora per le tante richieste ma sono convinta che le risposte che sarete tanto cortesi di fornire a me potranno essere utili a tanti. Mi sembra di capire che una delle novità del nuovo modello isee è una data di scadenza per la presentazione: 15 gennaio di ogni anno.…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i controlli sulle dichiarazioni dsu isee del nucleo familiare. Clicca qui.

Stai leggendo I controlli sulle dichiarazioni DSU ISEE del nucleo familiare Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 5 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria isee iseeu nucleo familiare e famiglia anagrafica (stato di famiglia) Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Pietro Borghetto 26 giugno 2014 at 07:54

    Nel 2009 abbiamo fatto compilare dal CAF l’ ISEE (redditi 2008) per ottenere l’aliquota relativa alla quota di frequenza all’asilo nido del Comune di Roma ( ex mun.XII). L’unico organo abilitato in quel periodo era il CAF (per conto INPS) quindi un privato cittadino non poteva fare altrimenti. Il CAF nella compilazione del modello ha inserito, per un componente del nucleo familiare, il dato che risultava lavoratore dipendente (vero) ma nella casella Reddito ha inserito “0”. Quindi madornale errore anche perchè lo stesso CAF aveva compilato il mod.730 redditi 2008 relativo a quel familiare per un reddito di circa 12.000 euro. Non solo, riteniamo che il suddetto modello ISEE mancava di controllo incrociato tra le tabelle compilate. (cioè se metto zero reddito a lavoro dipendente, non può essere.).
    In questo mese di giugno 2014 al familiare che ha presentato la domanda nel 2009, è stato redatto un verbale dalla G.d.F. per dichiarazione mendace, in quanto è stato omesso nella duddetta dichiarazione,il reddito di un familiare del 2008(c.a.12.000 da sommare all’altro componente del nucleo) ma visto che l’importo “evaso” non superava i 3900 circa euro, veniva sanzionato per la modica cifra di 6.800 euro c.a. Avendo applicato l’aliquota massima della quota di iscrizione all’asilo nido moltiplicata per 3.
    Le domande: quali sono le strade da percorrere per opporsi a tale sanzione (nel caso di respinta del ricorso devono essere pagati circa 25.000 euro)? Visti gli errori sia del CAF chè della modulistica, ci sono presupposti validi e certi per ottenere il giusto?
    Speriamo di essere stati chiari.
    Grazie
    P.Borghetto

    • Ornella De Bellis 26 giugno 2014 at 08:57

      Il CAF fornisce supporto per la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE, ma è il dichiarante che, sottoscrivendola, si assume la responsabilità della veridicità dei dati in essa riportati.

      In altri termini, il dichiarante risponde della sanzione, salvo poi chiedere il risarcimento danni, in sede civile, dimostrando che l’errore è esclusivamente dovuto ad incompetenza e superficialità del CAF nella compilazione della dichiarazione, a fronte di dati veritieri e coerenti forniti dal dichiarante.

      Credo che l’unica strada da percorrere nell’immediato sia l’acquiescenza, che comporta un notevole abbattimento della sanzione con il pagamento effettuato entro 30 giorni dalla notifica dell’accertamento.

      Poi, potrà valutare l’eventualità di aprire un contenzioso con il CAF.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Forum

Domande