Ho ricevuto la scorsa settimana un avviso di mora senza firma, senza nome del funzionario relativo a una cartella dell’anno 2005

Ho ricevuto la scorsa settimana un avviso di mora senza firma, senza nome del funzionario relativo a una cartella dell’anno 2005. E’ possibile chiedere l’annullamento in base all’ordinanza 377/ 07 della Corte di Costituzionale e alle recenti disposizioni del milleproroghe? In caso di pagamento dilazionato essendo una cartella superiore ai 50.000€ la fideiussione è ancora necessaria?”
Grazie

Giovanni Calalaluna

Il cosiddetto “decreto mille proroghe” ( decreto legge numero 248 del 2007, convertito in legge numero 31 del 28 febbraio 2008 ) prevede che, a pena di nullità, nelle cartelle di pagamento devono essere indicati i nomi del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo (di pertinenza dell’ente creditore) e del responsabile del procedimento di emissione e di notifica delle stesse cartelle; ciò, esclusivamente per i ruoli consegnati all’agente della riscossione a partire dal 1° giugno 2008.

Il citato decreto legge conferma, poi, che, per i ruoli consegnati prima di tale data, non sono nulle le relative cartelle di pagamento, prive dei nomi dei responsabili

Tuttavia, Equitalia – con una scelta dettata da motivi di trasparenza – in una direttiva inviata il 5 marzo alle 31 società partecipate, ha ribadito la necessità, già sottolineata in una precedente direttiva del 22 novembre 2007 (immediatamente successiva all’ordinanza numero 377/2007 della Corte Costituzionale), di continuare a indicare nome e cognome del soggetto responsabile del procedimento di emissione e notifica anche delle cartelle relative ai ruoli affidati fino al 31 maggio 2008.

Ciò premesso, si rileva che la cartella in esame è stata notificata nel 2005 e, pertanto, la mancata indicazione del responsabile non può determinarne la nullità.

Per quanto riguarda la possibilità di dilazionare un pagamento presso l’agente della riscossione per una cartella superiore ai 50mila euro, ai sensi dell’articolo 19, comma 1, del Dpr 602/1973, continua a essere obbligatoria la prestazione di idonea garanzia per i debiti erariali.

18 Ottobre 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Nullità della cartella esattoriale
Con l'ordinanza numero 377/2007 i giudici costituzionali avevano affermato che l'indicazione del responsabile del procedimento fosse un "adempimento di non scarsa utilità", correlato al diritto di difesa del cittadino e al buon andamento della Pubblica Amministrazione. Da questa ordinanza diverse Corti di merito avevano tratto spunto per arrivare a sancire la nullità della cartella esattoriale sprovvista dell'indicazione del responsabile del procedimento. La norma contenuta nel decreto legge “milleproroghe” numero 248/2007 (articolo 36, comma 4-ter)  aveva poi circoscritto  la nullità della cartella esattoriale  muta, ovvero della cartella esattoriale priva dell'indicazione del responsabile del procedimento, ai soli titoli esecutivi  dati in carico ...

Cartella esattoriale nulla senza indicazione dei responsabili del procedimento di emissione e notifica
Nella cartella esattoriale deve essere indicato il nome e cognome di chi si occupa della formazione del titolo esecutivo Nella cartella esattoriale deve essere indicato specificatamente il nome e cognome del soggetto che si occupa della formazione del titolo esecutivo (ossia il cd “responsabile del procedimento di iscrizione al ruolo”) oltre che quello della persona che materialmente ha emesso e notificato l'atto al debitore (il cd “responsabile del procedimento di emissione e notifica della cartella”). Nel caso in cui, dunque, manchi anche di uno solo dei predetti nominativi la cartella esattoriale è da ritenersi gravemente viziata e quindi siamo di fronte ad una cartella ...

Cartelle esattoriali nulle – indicazione del responsabile obbligatoria sui ruoli consegnati da giugno 2008
La Corte costituzionale ha posto l'avallo sulla norma, introdotta dal "milleproroghe" dello scorso anno, che "limitava" la nullità delle cartelle di pagamento cosiddette "mute", prive cioè dell'indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notifica delle stesse, a quelle relative ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008. Con la sentenza numero 58/2009 la Consulta ha, difatti, dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'articolo 36, comma 4-ter, del Dl 248/2007, sollevata con riferimento agli articoli 3, 23, 24, 97 e 111 della Costituzione. La pronuncia ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ho ricevuto la scorsa settimana un avviso di mora senza firma, senza nome del funzionario relativo a una cartella dell’anno 2005. Clicca qui.

Stai leggendo Ho ricevuto la scorsa settimana un avviso di mora senza firma, senza nome del funzionario relativo a una cartella dell’anno 2005 Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 18 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Stefano 31 Dicembre 2008 at 15:02

    Buon giorno, la mia è una provocazione! Non capisco perchè nei blog non si risponde mai con chiarezza, nonostante i moltissimi scienziati del foro presenti in rete capisco che ci sono molti avvocati che devono farsi togliere le multe per divieti di sosta, ma un atto, cartella, ingiunzione che non è firmato,sottoscritto da:Vigli urbani, riscossore di tributi,ente, agenzia delle entrate,vigili del fuoco, forestale, siae, NON HA VALIDITA’ LEGALE E’ NULLO COME QUALSIASI ALTRO TITOLO o ATTO DI CREDITO-DEBITO, nessuno lo dice mai chiaramente o lo scrive nei blog, come del resto dagli enti pubblici italiani vengono eluse continuamente in materia di riscossione tutte le direttiva-ordinanze della corte di Giustizia Europea, Corte Costituzionale ,Corte di Cassazzione,Statuto dei Contribuenti ed altro. Saluti. Stefano