Ho perso il lavoro/sono in cassa integrazione – Posso far sospendere il pagamento della rata del mutuo?

Puoi ottenere il rinvio delle rate del mutuo presso le banche che hanno utilizzato gli strumenti finanziari messi a disposizione dal Governo.

Vale per te così come per un tuo familiare convivente: se hai perso il lavoro o sei in cassa integrazione puoi far sospendere per 12 mesi il pagamento delle rate del mutuo. Questo senza nessuna spesa aggiuntiva. Se nel frattempo verrai reintegrato o troverai una nuova occupazione, la sospensione delle rate terminerà anticipatamente.

Il vantaggio è poter affrontare meglio un momento difficile per la tua famiglia.

Rivolgiti alla tua banca e verifica se ha aderito all'iniziativa o se offre altre soluzioni analoghe.

Diverse banche infatti hanno stipulato specifici accordi con regioni, enti locali e associazioni di categoria finalizzati a consentire a chi si trova in questa condizione la sospensione delle rate del mutuo.

Trovi la lista delle banche che hanno aderito all'iniziativa sul sito del Tesoro.

Per porre una domanda sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo, sulle normative vigenti in tema di mutuo ipotecario, clicca qui.

20 settembre 2009 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ho perso il lavoro/sono in cassa integrazione – posso far sospendere il pagamento della rata del mutuo?. Clicca qui.

Stai leggendo Ho perso il lavoro/sono in cassa integrazione – Posso far sospendere il pagamento della rata del mutuo? Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 20 settembre 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • teodoro 21 settembre 2009 at 12:15

    blocco mutuo?sono un cassa integrato bloccato mutuo di 400 euro per 1 anno cè un aggiunta di 2240 euro sul capitale che dovrò ridare…….bere o affogare

  • gennaro auriemma 21 settembre 2009 at 12:14

    Il congelamento per dodici mesi del pagamento delle rate di mutuo prima casa per chi ha perso il posto di lavoro va salutata positivamente, ma se a ciò non seguirà il blocco della maturazione degli interessi significherà aggravare ulteriormente la situazione di milioni di famiglie in difficoltà.

    E’ quanto sostiene Federcontribuenti che nello stesso tempo chiede che questa norma valga per tutte le banche e non solo per quelle che hanno sottoscritto i cosiddetti Tremonti-Bond.

    “Chiediamo – afferma l’Associazione – che la moratoria sia allargata ad una fascia piu’ ampia di soggetti, quali i precari e i lavoratori dipendenti e autonomi con redditi bassi e un forte carico familiare.

    Inoltre va affrontata tutta la questione che riguarda il rapporto utenti e istituti bancari e finanziari con un congelamento anche delle rate sui prestiti chirografari prevedendo facilitazioni al fine di ottenere linee di credito per il consolidamento dei debiti a tassi sostenibili.

    Un’altra priorità riguarda i prestiti personali e il credito al consumo dove diviene urgente determinare una soglia di tasso usuraio che non ecceda di tre punti quello relativo ai mutui. Oggi il credito al consumo puo’ arrivare anche a tassi del 25%”.

  • pasquale mirabella 21 settembre 2009 at 07:35

    Lavoratori in difficoltà, con mutui da pagare

    Salve a tutti, magari quello che vi scrivo ora lo sapete già, ma ogni tanto bisogna rinfrescare le conoscenze, un pò come gli studenti che, prima di iniziare il nuovo anno scolastico, ripassano a grandi linee il programma dell’anno precedente.
    Purtroppo questa crisi è diventata come un tunnel buio e nessun spiraglio di luce che ne preveda l’uscita.

    Allora se siete lavoratori in difficoltà e avete il mutuo da pagare, Il 5 agosto 2009, a Venezia,è stato firmato, dal Prefetto di Rovigo Adinolfi e dall’Assessore alle Politiche Sociali della Provincia Marinella Mantovani, un Protocollo d’Intesa con gli Istituti di Credito per sostenere le persone residenti nel territorio della provincia che risultano in difficoltà economica.

    Praticamente questi signori si sono riuniti con delle banche ed hanno firmato un accordo nel quale gli istituti di credito si è impegnano a sospendere per 12 mesi il pagamento del mutuo PRIMA CASA.

    Allora
    – se risiedete nelle provincie di Venezia, Belluno, Padova, Rovigo, Verona, Vicenza
    – avete acceso e state pagando le rate del mutuo a Banca Antonveneta SPA Gruppo Montepaschi, Cassa di Risparmio del Veneto SPA Gruppo Intesa San Paolo, Banca Popolare di Verona SGSP, Cassa di risparmio di Venezia, Unicredit Banca Spa
    – e siete in cassa integrazione, mobilità….

    potete recarVi dalla Vs banca con l’ultima busta paga e chiedere la procedura per il congelamento di 12 mesi delle rate del Vs mutuo.

    Saluti a tutti




Cerca